Superbike: Tom Sykes firma una Superpole da record a Misano

Giugliano porta la Ducati al 2° posto, davanti all'Aprilia di Guintoli. Melandri è 5° sulla griglia della Riviera, beffato da Baz

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Tom Sykes riscrive il record in qualifica di Misano, girando in 1:34.0883 e battendo Giugliano, che su Ducati è 2° (+0.196). Prima fila chiusa da Guintoli con l'Aprilia (+0.223), mentre Baz (Kawasaki, +0.371) apre la seconda mettendo dietro le Aprilia di Melandri (+0.433) ed Elias (+0.521). Lontani gli inseguitori: Davies 7° (Ducati, +0.719) poi Rea (Honda, +0.792) e Laverty (Suzuki, +1.160). Canepa 10° (Ducati), prima EVO, beffa Lowes (Suzuki).

IngrandisciDisattiva slideshow
Foto 1

Ufficio Stampa

Foto 2

Foto 3

Foto 4

Foto 5

Foto 6

Foto 7

Foto 8

Foto 9

Foto 10

Foto 11

Foto 12

Foto 13

Foto 14

Foto 15

Foto 16

Foto 17

Ufficio Stampa

Foto 18

Foto 19

Ufficio Stampa

Foto 20

Foto 21

Foto 22

Foto 23

Ufficio Stampa

Foto 24

Ufficio Stampa

Foto 25

Ufficio Stampa

Foto 26

Ufficio Stampa

Foto 27

Foto 28

Foto 29

Foto 30

Foto 31

Foto 32

Foto 33

Foto 34

Foto 35

Foto 36

Ufficio Stampa

Foto 37

Ufficio Stampa

Foto 38

Ufficio Stampa

Foto 39

Ufficio Stampa

Foto 40

Ufficio Stampa

Foto 41

Ufficio Stampa

    SP2 - Le prime gomme per i giri lanciati vengono spese con inedita velocità. Nei box si sente l'importanza della qualifica italiana. Con Giugliano subito sotto il muro del 36", con il passaggio in 1:35.950. Tempo ancora lontano dal record della pista (1:35.001, Corser 2010), ma altrettanto valido per tenere subito dietro Guintoli e Davies. Melandri intanto si ferma a +0.325, col quarto tempo davanti a Baz ed Elias. Tutti dentro i 4 decimi di distacco dalla vetta. Mentre va oltre il mezzo secondo di ritardo il primo tentativo di Sykes, che resta dietro in compagnaia delle Honda e delle Suzuki, qui più lente delle moto italiane e mai davvero in partita per la pole.

    Si infuocano gli ultimi 5 minuti, con tutti i top riders in pista. E' ancora Giugliano l'uomo da battere, quello che si lancia con grande cattiveria agonistica tra i cordoli del tracciato della Riviera. Mostruoso il tempo che ne deriva: 1:35.079. Grande differenza fatta dal ducatista, che lascia dietro Guintoli, ancora, ma per soli 27 millesimi! Mentre Melandri ed Elias sempre in tandem, risalgono rispettivamente al 3° e 4° posto. Per pochissimo. Perché Baz s'infila tra le due Aprilia, parcheggiando la sua verdona in quarta posizione. Finché non arriva Sykes. Mister Superpole si conferma specialista della qualifica, fermando il cronometro sul 1:34.883 e battendo così il record dell'australiano. Lo stato di forma della ZX-10R viene poi ribadito anche da Baz, che si migliora, confermandosi al quarto posto finale; e facendo scalare Melandri in quinta piazza.

    SP1 - E' un Toni Elias scatenato, quello che si prende il miglior tempo nel primo step di qualifica di Misano. Lo spagnolo di casa Aprilia gira in 1:35.961, precedendo un altrettanto determinato Canepa con la Ducati 1199 Panigale R EVO, staccato di +0.573. Entrambi ammessi alla SP2, lasciando dietro Salom (Kawasaki EVO, +0.882) e Baiocco (Ducati, +0.970). E' ancora Badovini che con la Bimota BB3 EVo precede la MV Agusta F4 RR di Corti, marcati stretti dal rientrante Barrier con la BMW S1000RR EVO. 

    SUPERBIKE MISANO - LA SUPERPOLE

    1. Sykes (Kawasaki) 1'34.883 media 160.341 km/h; 2. Giugliano (Ducati) 1'35.079; 3. Guintoli (Aprilia) 1'35.106; 4. Baz (Kawasaki) 1'35.254; 5. Melandri (Aprilia) 1'35.316; 6. Elias (Aprilia) 1'35.404; 7. Davies (Ducati) 1'35.602; 8. Rea (Honda) 1'35.675; 9. Laverty (Suzuki) 1'36.043; 10. Canepa (Ducati) 1'36.404; 11. Lowes (Suzuki) 1'36.489; 12. Haslam (Honda) 1'36.515; 13. Salom (Kawasaki); 14. Baiocco (Ducati); 15. Badovini (Bimota); 16. Corti (MV Agusta); 17. Barrier (BMW); 18. Goi (Ducati); 19. Morais (Kawasaki) 1'37.807; 20. Foret (Kawasaki) 1'38.008.

    DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

    SBK: quale moto vincerà di più nelle gare di Misano?

    TAGS:
    Misano
    Superpole
    Superbike
    SBK
    Aprilia
    Ducati
    Melandri
    Giugliano
    Kawasaki
    Baz
    Sykes

    I VOSTRI COMMENTI

    Mr SBK - 21/06/14

    La Moto2 così com'è andrebbe cancellata. Ha un regolamento che definire penoso è poco.

    Tant'è che si parla solo di Moto3 e MotpGp.

    Io non sarei mai andato in Moto2 da vincitore Supersport. O MotoGp o SBK.

    Per quanto riguarda Tom non lo vedo costante per far bene in GP e poi moto buone non ce ne sono. Rossi e Lorenzo rinnovano e Pedrosa rinmoverà a molto meno. Ducati con Cal? Impossibile perché anche Dovi rimane li. Suzuki con De Pumiet? Scelta poco saggia a 30 anni

    segnala un abuso

    rossonerisiamnoi - 21/06/14

    maxeem - 21/06/14
    sykes lo vedrei bene in motogp ma, come ha ben detto lui, li ci si puo andare solo se si ha una moto competitiva a disposizione!!

    Le motogp competitive sono solo 4, gli altri possono fare solo da spettatori
    E poi non è mica semplice passare dalla superbike al motomondiale, Lowes dopo una stagione eccezionale con la Supersport ne sta facendo una anonima in moto2

    segnala un abuso

    robi440 - 21/06/14

    Sykes ne ha nettamente piu' di tutti sul giro secco....x la gara, speriamo in una vittoria Italiana.Saranno manche combattutissime .Spero in una bella gara di Davies e magari la vittoria di Giugliano con la Ducati. Pure Melandri puo' vincere....cmq deve assolutamente confermare quello fatto di buono nell'ultimo round...e avere una costanza di rendimento.

    segnala un abuso

    maxeem - 21/06/14

    sykes lo vedrei bene in motogp ma, come ha ben detto lui, li ci si puo andare solo se si ha una moto competitiva a disposizione!!

    segnala un abuso