Superbike: Marco Melandri vince anche gara2 a Sepang

Grande doppietta per l'Aprilia. Marco piega Guintoli, 2° sul podio con Sykes che limita i danni. Gara in due manche, dopo la bandiera rossa per l'incendio della MV Agusta di Corti

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Aprilia firma un'importante doppietta con Marco Melandri, che concede il bis vincendo anche gara2 in Malesia e battendo in volata il compagno di box Guintoli, 2°. Sykes (Kawasaki) limita i danni e chiude 3°, davanti ad Elias (Aprilia) e Baz (Kawasaki). L'influenza condiziona Giugliano (Ducati) 10°. La corsa era stata sospesa nei primi giri per l'incendio della MV Agusta di Corti. Nella classifica mondiale, Sykes resta al comando con 201 punti.

Nella prima partenza scatta bene Elias, che accende subito la lotta con Guintoli che lo segue. Mentre Sykes (dolorante al polso per la caduta di gara1) e Melandri si sfidano per la terza piazza. Più timido Baz, che alle loro spalle risale posizioni, passando Giugliano. Posizioni che iniziano a delinearsi, quando, al quarto passaggio, cede il motore della MV Agusta di Corti, che finisce letterlamente in fiamme. Immediata la bandiera rossa, per consentire agli addetti di pulire la pista dall'olio lasciato dalla F4.

Seconda partenza per gara2, ridotta a 10 giri, con Elias ancora davanti a tutti alla prima curva, poi Melandri e Guintoli in scia. Seguono le Kawasaki di Sykes e Baz, marcate strette dalle Honda di Rea e Haslam. Sempre dietro invece Giugliano che deve vedersela con Laverty e Davies.

Due giri di assestamento, con Guintoli che prende il comando della corsa. Ma ecco l'azzardo di Melandri: nel tentativo di portarsi al comando, Marco firma un numero da vero equilibrista, tirando dritto in staccata tra le RSV4 di Sylvain ed Elias. Il ravennate tiene la terza piazza per un soffio, mentre lo spagnolo scala in quinta. Ne approfittano le Kawasaki, con Sykes che si porta fino alle spalle di Guintoli. Baz cerca invece di sfilare il podio a Marco, stuzzicandolo e provando a portarlo all'errore. Melandri però non si lascia intimidire, anzi risponde, togliendosi al sandwich verde con un sorpasso deciso su Sykes, che vale la seconda posizione.

Intanto Sylvain prova la fuga, mettendo 1 secondo largo tra la sua RSV4 Factory e gli inseguitori. Soffre invece Giugliano che finisce tra le due Suzuki ai margini della top ten. Si torna davanti, Melandri è scatenato e, a colpi di giri veloci, s'inventa tigre della Malesia, per andare a prendere la coda dell'Aprilia gemella al comando. In tutto ciò, Sykes è terzo ad oltre +2.6, fuori dai giochi per la vittoria, ma con margine di tranquillità su Baz, che lo segue in quarta piazza.

Ultimi giri con Melandri che tiene la scia del compagno di box, preparando l'assalto. E' un bel testa a testa tra i riders di Noale, dove il francese chiude bene le porte all'italiano; che a sua volta prova una staccata impossibile con il posteriore sollevato. Non va, ma i due restano vicini. Si scambiano le posizioni freneticamente, ma Marco è bravo a uscire meglio dall'ultima curva andando a vincere la volata sotto la bandiera a scacchi. Melandri c'è, doppietta personale e dell'Aprilia, con Guintoli 2° poi Sykes che completa il podio. Elias invece "frega" Baz, togliendogli all'ultimo la quarta piazza. Seguono Rea, Laverty, Davies e Lowes. Mentre Giugliano chiude la sua giornata difficile nella top ten.

GARA 1 - SEPANG: I RISULTATI

1. Melandri (Aprilia) 10 giri/55.480 km in 21'00.424 media 158.461 km/h; 2. Guintoli (Aprilia) 0.166; 3. Sykes (Kawasaki) 2.689; 4. Elias (Aprilia) 5.386; 5. Baz (Kawasaki) 5.514; 6. Rea (Honda) 7.073; 7. Laverty (Suzuki) 7.476; 8. Davies (Ducati) 11.057; 9. Lowes (Suzuki) 15.866; 10. Giugliano (Ducati) 16.206; 11. Haslam (Honda) 16.488; 12. Camier (BMW) 23.820; 13. Salom (Kawasaki) 30.653; 14. Guarnoni (Kawasaki) 31.266; 15. Canepa (Ducati) 43.009; 16. Staring (Kawasaki) 46.127; 17. Morais (Kawasaki) 58.167; 18. Toth (BMW) 1'00.017; 19. Sebestyen (BMW) 1'03.574; 20. Yates (EBR) 1'13.522; RT. Lanusse (Kawasaki); RT. Andreozzi (Kawasaki); RT. Foret (Kawasaki); SH. Badovini (Bimota) 29.094; SH. Iddon (Bimota) 36.354.

DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

SBK: Melandri strepitoso in Malesia. Riuscirà a ripetersi a Misano?

TAGS:
Malesia
Sepang
Gara2
Aprilia
Kawasaki
Ducati
Suzuki
Melandri
Giugliano
Sykes
Guintoli

I VOSTRI COMMENTI

meteor02 - 16/06/14

curricurri64
super campione nn puo essere ha "SOLO" 1 mondiale eppure nn sfigura se paragonato a max che ne ha 6 ti è piu chiaro? perche nel sito disegnini nn ne posso fare...

segnala un abuso

curricurri64 - 13/06/14

meteor
e qui stimo parlando di super campioni che macio nn è...
an vedi ao.! fai 2 balls così..e poi scrivi ste robe,alla faccia della coerenza.
kiaramente nn rispondero alle domande assurde.

segnala un abuso

robi440 - 13/06/14

Meteor mi piace questo tuo commento,davvero...tranne il riferimento a Lorenzo.Ma di questo parleremo un altra volta,se vuoi, nei post della motogp,per non "invadere" lo spazio SBK.

segnala un abuso

curricurri64 - 13/06/14

un ringraziamento speciale a colui che tiene allegra la discussione.
meteor,rilleggendo i commenti nn mi sembra ke ci siano insulti vs melandri.
gli unici paragoni assurdi sono solo i tuoi.
se marco vince il mondiale meritatamente gli faremo i complimenti,la moto e buona.

segnala un abuso

meteor02 - 13/06/14

robi440
infatti casey è stato mitico proprio per essersi adattato alla moto fin dal primo momento nonostante fosse di difficile (a dir poco ) interpretazione anche jorghe ha avuto le sue difficolta ad adattarsi a yamaha (rischiando perfino di ritirarsi) ma dopo una stagione era gia li a dare il massimo anche mark si è dovuto adattare alla honda ma il suop straordinario talento gli ha permesso di vincere nonostante il debutto. e qui stimo parlando di super campioni che macio nn è...

segnala un abuso

robi440 - 13/06/14

Meteor ,ma allora applica pure il tuo ragionamento al primo anno di Stoner con la Ducati con quello di Valentino... e pure il secondo..sicuro che nn lo farai....sono d'accordo sul nn accanirsi su Melandri...ma non con un ragionamento simile.

segnala un abuso

meteor02 - 13/06/14

nandop6
si sono d'accordo che macio nn è max e i mondiali sul groppone ne sono la prova.... però nn mi piace sentire dare addosso a un pilota solo perche nn riesce a competere per il mondiale al 1° anno su una moto. melandri ha anche avuto secchiate di sfortuna durante tutta la sua cariera nn credo che le vincite ottenute rispecchino realmente il suo valore escluso il fattore mentale nn mi sembra un pilota da buttare e comunque ad oggi è l'unico italiano in grado di vincere una gara .

segnala un abuso

nandop6 - 13/06/14

meteor02
Non ti arrabbiare sono solo opinioni, non dico che Melandri non è veloce, non è costante, poi scusa ma parliamo di Rossi che a 35 anni è a fine carriera e vogliamo paragonare Melandri con Biaggi 40enne????

segnala un abuso