Superbike, Laverty fa il bis a Jerez nel giorno di Sykes

Il pilota dell'Aprilia vince anche gara-2 dopo aver piegato il neo campione del mondo

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

ALBERTO GASPARRI

Eugene Laverty

Il Mondiale Superbike si è concluso come meglio non poteva, con un duello tra il campione e il vice campione 2013. Tom Sykes ed Eugene Laverty hanno regalato emozioni nella gara-2 di Jerez e alla fine a spuntarla è stato l'irlandese scaricato dall'Aprilia, che ha piegato la resistenza del pilota Kawasaki. Sul podio anche Sylvain Guintoli con l'altra RSV4 ufficiale, mentre il migliore degli italiani è stato Lorenzo Lanzi (Ducati), settimo.

Nel giorno in cui Sykes si è laureato campione, Laverty ha voluto con tutte le sue forze due vittorie che potrebbero essergli utili per trovare una squadra competitiva per il futuro. Eugene ha collezionato il nono successo di manche stagione, tanti quanti quelli messi assieme da Sykes, anche se lui ha pagato alcune battute d'arresto di troppo. La gara conclusiva è vissuta su un bel testa a testa tra loro due anche se nel finale Laverty ha allungato in maniera decisa, tagliando il traguardo in piedi sulle pedane. La classifica della manche ha rispecchiato quella del campionato con Guintoli a fare da terzo incomodo dopo essere stato per buona parte dell'anno davanti a tutti. L'infortunio alla spalla rimediato in bici ne ha condizionato il rendimento, compromettendo la sua costanza di rendimento. Il francese è riuscito a precedere Toni Elias, quanrto con la terza delle Aprilia tra i primi quattro dopo essere emigrato dalla Moto2.

Ha chiuso nel peggiore dei modi la stagione, invece, Marco Melandri, costretto ad alzare bandiera bianca a causa dell'infortunio domestico che colpito la caviglia destra. "Non c'era nulla in palio, inutile rischiare", ha detto amareggiato il pilota ravennate alla sua ultima uscita con la Bmw. Non si ride neppure in casa Ducati se è vero che la prima delle moto di Borgo Paniganel è la vecchia 1098 di Lorenzo Lanzi, mentre la ufficialisisme Panigale di Fores e Badovini non hanno visto l'arrivo, il primo coinvolto in una caduta alla prima curva, il secondo appiedato dalla 1199. Un po' in ombra Davide Giugliano, solo decimo, mentre Michel Fabrizio e Federico Sandi hanno chiuso la zona punti alle spalle anche della Yamaha di Broc Parkes e della Bmw di Sylvain Barrier (vititma anche di una scivolata).

LA CLASSIFICA DI GARA-2 A JEREZ

1. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 36'05.989
2. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 36'08.700
3. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 36'11.699
4. Toni Elias (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 36'21.498
5. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 36'27.819
6. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 36'32.547
7. Lorenzo Lanzi (Mesaroli Transports A.S.) Ducati 1098R 36'36.829
8. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 36'39.045
9. Mark Aitchison (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 36'42.288
10. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 36'46.856
11. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati 1199 Panigale 36'50.297
12. Broc Parkes (Monster Energy Yamaha - Yart) Yamaha YZF R1 36'58.472
13. Sylvain Barrier (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 36'59.663
14. Michel Fabrizio (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 37'26.305
15. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 36'37.139
Ritirato Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 7'04.803
Ritirato Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale 3'37.385
Ritirato Xavi Fores (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale 
Ritirato Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 
Non partito Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 

DITE LA VOSTRA

Sykes campione della Superbike, ma chi è il vero sconfitto?

TAGS:
Superbike
Jerez
Sykes
Laverty
Apirlia
Melandri

I VOSTRI COMMENTI

curricurri64 - 21/10/13

melandri ha una testa fragilissima,ma se trova la condizione giusta diventa forte,prima vittoria x bmw.
inoltre in aprilia nn vedono l ora di abbracciare manuela.
cmq laverty gli da il giro e si è visto.
giuliano piace anche a me ma deve ancora imparare a gestirsi,guida come fabrizio.domenica quando faceva fumare la ruota mi sembrava la sbk di 10anni fa.
la vecchia ducati che da paga alla nuova...grande lanzi.

segnala un abuso

maxeem - 21/10/13

sono d'accordo melandri è un mezzo pilota!

segnala un abuso

RedPassion79 - 21/10/13

... ma come si fa a scaricare un vice campione x prendere un lamentino.
ps. ma ke sorpaso al ultima curva in gara 1!

segnala un abuso

onelap - 21/10/13

Formidabile Laverty, anche ieri ha ridicolizzato il suo sostituto, incomprensibile la scelta di Aprilia che si tira in casa un eterno incompiuto che si lamenta sempre. Ieri cmq a Melandri faceva molto più male il morale, dopo gara 1, rispetto alla caviglia. Vedremo se il suo Manager continuerà a dire che Aprilia è una motogp e non una sbk

segnala un abuso

mastrofarina - 20/10/13

APRILIA, commette due grossi errori: il primo licenziare un pilota costante e vincente che ha rischiato di vincere il mondiale, il secondo prendere un pilota sopravvalutato come MELANDRI, piuttosto che un vincente come GIUGLIANO......state prendendo l'italiano SBAGLIATO!!!!!

segnala un abuso