Superbike: Tom Sykes trionfa in Gara 1 a Imola

Giugliano 2°, sale sul podio con Laverty. Melandri è 4° davanti a Fabrizio. Rea show e ko

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Giugliano, Sykes e Laverty a Imola

Tom Sykes trionfa in Gara 1 a Imola. L'inglese di Kawasaki parte male, ma attacca, passa al comando e va in fuga, vincendo con oltre 7" di vantaggio sulle Aprilia di Giugliano (2°) e Laverty (3°). Dopo una gara difficile, Melandri (BMW) chiude 4° davanti a Fabrizio (Aprilia). Rea (Honda) scatta bene, ma sbaglia ed è costretto a rimontare, cadendo nel finale. Ritirato per rottura tecnica Guintoli (Aprilia). Le Ducati: Badovini 8°, Checa 11°.

Rea parte come un razzo, ma sbaglia dopo poco curve, finendo oltre il cordolo e rientrando a centro gruppo. E' quindi Giugliano che approfitta per prendere la testa della corsa. Beffato invece il poleman da recordSykes, che sotto il semaforo perde diverse posizioni, mentre scattano bene anche le Aprilia ufficiali. Colpo di reni anche per Melandri, che trova subito la quinta posizione, andando alla caccia di Laverty che lo precede.

Sykes è costretto a fare una gara d'accatto, portandosi dopo 6 giri vicino al codino di Giugliano. Intanto ecco la fumata bianca del motore dell'Aprilia di Guintoli, che parcheggia a bordo pista. Uno stop pesante per il leader del mondiale. Soprattutto perché Tom rompe invece gli indugi e passa Davide, portandosi al comando della corsa. I due vanno via in tandem, lasciando Laverty in terza posizione, ma già staccato di 3 secondi. Dietro continua la rimonta di Rea, che si porta in quinta piazza. Spinge forte anche Fabrizio che supera con determinazione la Suzuki di Camier, conquistando il sesto posto. E' però la BMW di Melandri si avvicina minaccioso all'Aprilia di Laverty, che deve difendere il terzo posto.

Sono gli ultimi giri e Cluzel scivola alla Rivazza 2. Mentre alza bandiera bianca Giugliano, costretto a lasciar scappare Sykes, accontentandosi del secondo posto. Rea intanto raggiunge Melandri e Laverty, staccati di pochi metri. L'inglese sulla Honda è deciso a passare il ravennate, lo punta, ci prova e poi lo infila nella variante. Marco non può difendersi e perde anche terreno. Ma l'esuberanza e l'adrenalina della rimonta costano cari a Rea che, nel tentativo di prendere Laverty, scivola e si ritira.

La passerella del traguardo è tutta per Sykes che vince e si porta a soli 3 punti da Guintoli, nella classifica iridata. Dietro Giugliano e Laverty completano il podio, seguiti da un Melandri in costante lotta con i problemi di chattering. 

LA CLASSIFICA DI GARA-1

1. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 37'52.860
2. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 38'00.058
3. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 38'02.344
4. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 38'03.183
5. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 38'11.557
6. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 38'12.391
7. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 38'15.272
8. Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 38'22.002
9. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 38'29.688
10. Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 38'30.367
11. Carlos Checa (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 38'32.099
12. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati 1199 Panigale R 38'36.194
13. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 39'04.929
14. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 39'23.545
15. Noriyuki Haga (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 39'23.633
RT. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 32'36.166
RT. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 23'53.271
RT. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 9'03.659 

TAGS:
Superbike
SBK
Ducati
Aprilia
BMW
Kawasaki
Honda
Suzuki
CBR1000RR
GSX R1000
1199R Panigale
RSV4 1000 Factory
S1000RR HP4
ZX 10R
Eugene Laverty
Marco Melandri
Tom Sykes
Davide Giugliano
Chaz Davies
Jonathan Rea
Leon Haslam
Leon Camier
Michel Fabrizio
Carolos Checa
Ayrton Badovini
Niccolò Canepa
Max Neukirchner
Derivate di serie
Althea Racing
BMW Motorrad
Fixi Crescent
Team Pedercini
Ducati Alstare
Imola

I VOSTRI COMMENTI