Superbike: Tom Sykes firma la Superpole e il record di Portimao

Laverty è 2° per 1 solo millesimo, seguito da Rea. Melandri scatta 4°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Laverty, Sykes e Rea

Tom Sykes (Kawasaki) firma la quinta Superpole stagionale su sei, ridefinendo il record della pista di Portimao, girando in 1:41.360. Beffato per 1 solo millesimo Laverty (Aprilia), 2° davanti a Rea (Honda). Conferma invece il 4° posto Melandri (BMW) davanti a Guintoli (Aprilia) e Baz (Kawasaki). Centra la terza fila Checa (Ducati) 7°, che precede Cluzel (Suzuki), Fabrizio (Aprilia), mentre Badovini (Ducati) chiude 10°. Caduto Giugliano, 11°.

Inizia in modo anomalo la SP1, con la Suzuki di Cluzel davanti a tutti in 1:42.440, mentre l'altra GSX-R1000 di Camier è la prima delle moto eliminate, davanti alla CBR1000RR del dolorante Haslam e alla 1199 Panigale R di Neukirchner. Con Melandri che gestisce saggiamente le gomme da tempo, visto che a Portiamo fanno la differenza. Detto che qui le Pirelli consentono un solo giro utile per l'assalto al cronometro.

Al via della SP2, però, una pioggerella insidiosa costringe i Commissari ad esporre la bandiera rossa. Giusto per mischiare le carte, visto che il regolamento prevede per questa situazione un turno unico di Superpole, con 12 piloti in pista per 20 minuti. Quindi subito tutti in pista per capire le condizioni di aderenza del tracciato, con Giugliano che purtroppo cade nelle prime curve. Una scivolata senza conseguenze, tanto che Davide riesce a riportare la sua Aprilia ai box per una veloce ripulita.

Gli scherzi del meteo portoghese, però, non sono finiti, visto che quando mancano 10 minuti al termine della sessione esce un pallido sole. E' il segnale atteso da Mister Pole, Tom Sykes, per montare la gomma da tempo e andare a firmare il nuovo record della pista in 1:41.360. Un giro al limite, dove l'inglese spreme completamente la ZX-10R, che protesta e si scompone, ma alla fine centra l'obiettivo di giornata. Ma le sorprese non sono finite, perché con un giro altrettanto tirato, Eugene Laverty mette alla frusta la sua RSV4 Factory e riesce a portarsi in seconda piazza. L'irlandese è incredibilmente staccato dalla Superpole di 1 solo millesimo! Lotta invece con l'elettronica e un'assetto non perfetto per la sua CBR1000RR, Rea, che ci mette tanto del suo per chiudere la prima fila, ma con +0.427 di gap. Infine Melandri si accontenta del quarto tempo, a +0.755, ma avverte gli avversari che le ambizioni per le gare sono ben altre.

Portimao - FIM Superbike World Championship - Superpole 2

1. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1'41.360
2. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1'41.361
3. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 1'41.787
4. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 1'42.115
5. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1'42.209
6. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1'42.328
7. Carlos Checa (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 1'42.405
8. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 1'42.645
9. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 1'43.032
10. Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) Ducati 1199 Panigale R 1'43.057
11. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 1'43.314
12. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 1'43.463
13. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 1'43.139
14. Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 1'43.522
15. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati 1199 Panigale R 1'44.038
16. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 1'45.208
17. Alexander Lundh (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1'45.361
18. Ivan Clementi (HTM Racing) BMW S1000 RR 1'45.607
19. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1'47.322 

TAGS:
Superbike
SBK
Ducati
Aprilia
BMW
Kawasaki
Honda
Suzuki
CBR1000RR
GSX R1000
1199R Panigale
RSV4 1000 Factory
S1000RR HP4
ZX 10R
Eugene Laverty
Marco Melandri
Tom Sykes
Davide Giugliano
Chaz Davies
Jonathan Rea
Leon Haslam
Leon Camier
Michel Fabrizio
Carolos Checa
Ayrton Badovini
Niccolò Canepa
Max Neukirchner
Derivate di serie
Althea Racing
BMW Motorrad
Fixi Crescent
Team Pedercini
Ducati Alstare
Portimao

I VOSTRI COMMENTI

grandecaseypducati - 09/06/13

si intravedono spiragli di luce per checa e la panigale ,stanno lavorando bene in attesa che tolgano quella ridicola penalità dell'air restrictor.

segnala un abuso

-roby- - 09/06/13

ErezioO '"opha Dorna style"....

segnala un abuso

Mr SBK - 09/06/13

Che strano.... quel fermo di Tom è finito in pole.... sarà stata fortuna

segnala un abuso

ErezioO - 08/06/13

i primi 8 sono tutti ufficiali, il mondiale comincia a decretare...

segnala un abuso