Superbike: Marco Melandri davanti a tutti nelle libere 1 di Portimao

Turno delle "coppie", con le Aprilia al comando, poi le Suzuki, seguite dalle Kawasaki e le Honda. Male Giugliano, 19°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Aprilia al comando nel primo turno di prove libere della Superbike a Portimao, dove è Marco Melandri il più veloce, con il tempo di 1:43.880. Segue il compagno di box, Guintoli, staccato di +0.424, poi le Suzuki di Laverty (+0.593) e Lowes (+0.740). Il balletto delle marche prosegue con le due Kawasaki di Baz e Sykes (+0.841), rispettivamente 5° e 6°, davanti alle Honda di Haslam e Rea. Davies è 9° con la prima Ducati, mentre solo 19° Giugliano.

La prima sessione del weekend si è svolta in condizioni meteo pressoché perfette. Per questo sono stati numerosi piloti che si sono avvicendati al comando della classifica dei tempi. Nel finale, però, Melandri è riuscito a far la differenza, aggiudicandosi la prima posizione, e migliorando anche nel finale. Unico pilota a scendere sotto il muro del minuto e quarantaquattro secondi. L'altro portacolori ufficiale Aprilia, Sylvain Guintoli, ha terminato in seconda posizione, dopo essersi fatto vedere in un paio di occasioni in vetta. Il francese ha preceduto la rinata coppia Suzuki, con Eugene Laverty terzo davanti ad Alex Lowes. Quinto posto per Loris Baz (Kawasaki Racing Team), seguito dal compagno di squadra e capo classifica Tom Sykes e dai due piloti Pata Honda Leon Haslam e Jonathan Rea, settimo ed ottavo. Chiudono i primi dieci Chaz Davies (Ducati Superbike Team) e Sylvain Barrier (BMW Motorrad Italia Superbike Team), quest'ultimo miglior classificato tra i piloti EVO. Turno difficile invece per Davide Giugliano (Ducati Superbike Team), costretto ai box per una buona parte della sessione a causa di problemi a livello di elettronica riscontrati sulla sua Ducati 1199 Panigale R.

I VOSTRI COMMENTI

murano35 - 04/07/14

ancora con sto Melandri....questo è un pilota mediocre non ha mai vinto niente e mai vincerà

segnala un abuso