Juve, è Agnelli il vero top player

Polso fermo e umiltà: ecco come Andrea ha raccolto l'eredità di Gianni e Umberto

di LUCA BUDEL

Agnelli e famiglia (IPP)

Melbourne, Gran Premio d’Australia. Andrea Agnelli è dirigente della Philip Morris, nel reparto gestito da Maurizio Arrivabene. Sta parlando con un giornalista, all’improvviso interrompe la conversazione scusandosi con l’interlocutore. Lo fa per raccogliere un bicchiere di plastica buttato per terra da un maleducato e gettarlo nel cesto dell’immondizia. Un gesto di pochi secondi, solo apparentemente banale, che aiuta comunque a descrivere l’unico erede maschio della dinastia a portare il cognome Agnelli.

In Formula 1 Agnelli ha lavorato per cinque stagioni mantenendo un profilo basso, dando la sensazione che cercasse di imparare qualcosa di utile per il futuro nel confronto quotidiano da ognuno dei suoi interlocutori. Dopo la scomparsa di papà Andrea Agnelli si è ritrovato lassù, a gestire la squadra più impegnativa, quella con i tifosi più abituati a vincere. Andrea ha realizzato quasi subito il sogno del padre Umberto, Lo stadio di proprietà per la Juventus. Poi si è circondato di amici – come il responsabile del marketing Francesco Calvo - e di uomini fidati per costruzione di quello che oggi è un successo fuori media. Un cammino che Agnelli ha compiuto senza compromessi. Ha saputo rinunciare a una bandiera come Alex De Piero e più recentemente non ha ceduto alle richieste di Antonio Conte chiudendo il rapporto nel giro di una notte. Poi ha deciso di puntare su Massimiliano Allegri, nonostante le prevedibili critiche della curva. Altra scommessa vinta da questo signore che si sta avvicinando ai quarant’anni coltivando l’amore per il calcio e per il golf.

TAGS:
Juve
Agnelli
Ferrari
Montezemolo

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X