IngrandisciDisattiva slideshow
Foto 1

Ufficio Stampa

Foto 2

Ufficio Stampa

Foto 3

Ufficio Stampa

Foto 4

Ufficio Stampa

Foto 5

Ufficio Stampa

Foto 6

Ufficio Stampa

Foto 7

Ufficio Stampa

Foto 8

Ufficio Stampa

Foto 9

Ufficio Stampa

Foto 10

Ufficio Stampa

Foto 11

Ufficio Stampa

Foto 12

Ufficio Stampa

Foto 13

Ufficio Stampa

Foto 14

Ufficio Stampa

Foto 15

Ufficio Stampa

Foto 16

Ufficio Stampa

    Moto Guzzi California: Audace ed Eldorado

    La California è l'ammiraglia di casa Moto Guzzi, che per il 2015 ha deciso di mettere mano al suo gioiello realizzando due rivisitazioni di modelli storici. La Eldorado rinasce quarant'anni dopo un grande successo americano degli anni sessanta.L’effetto flashback si accende nei dettagli: le ruote a raggi, il serbatoio con le guance cromate, la sella oversize, il parafango posteriore con il faro a gemma, il manubrio a corna di bue, il maniglione passeggero. Ribassata nell’assetto grazie alle nuove ruote a raggi da sedici pollici che calzano pneumatici a fascia bianca (130/90 anteriore e 180/65 al posteriore) polarizza l’attenzione sui nuovi avvolgenti parafanghi. L’anteriore è particolarmente “pulito” nel disegno per valorizzare il possente l’avantreno mentre il posteriore, al contrario, è l’elemento più polarizzante dello stile di questa elegantissima Moto Guzzi. La sua forma morbida e generosa s’integra con i nuovi ammortizzatori full cover, il gruppo ottico posteriore a gemma e i classici indicatori di direzione arrotondati. All’anteriore anche l’Eldorado è riconoscibile per l’originale proiettore a superficie complessa con faro polielissoidale dotato d’illuminazione diurna con led DRL. Rimanendo in tema di tecnologie digitali, particolarmente appagante è la strumentazione, racchiusa in un quadrante circolare da ben 150 mm di diametro con la scala del contagiri analogico ricavata lungo la circonferenza esterna e il display multifunzione full-matrix sospeso al centro, il tutto racchiuso, come in un orologio di lusso, dentro una luccicante cassa cromata.  Se la strada è un’infinita Interstate Highway si può attivare il cruise control premendo il tasto sul blocchetto elettrico destro e veleggiare a ascoltando i battiti del bicilindrico a V di 90° filtrati dal fissaggio elasto-cinematico del big block, sapendo che, in caso di necessità o per puro appagamento personale, la trasmissione cardanica sarà pronta a scaricare a terra fino a 120 Nm a 2750 giri. Immutato tecnicamente, il bicilindrico conferma la sua monumentale architettura esaltata dai coperchi valvole lucidati e serigrafati Moto Guzzi e dalla fitta e levigata alettatura di raffreddamento. Il motore è il riferimento assoluto della categoria nel rapporto cilindrata-prestazioni-consumi, grazie all’ottimo rendimento termodinamico unito all’evoluta gestione elettronica Ride-by-wire multimappa. Questa tecnologia permette, di poter scegliere fra tre mappature del motore: Turismo, Veloce e Pioggia. Non solo: anche la dinamica del veicolo è tenuta sotto controllo dalla presenza, del controllo di trazione (MGCT) d’ultima generazione, settabile su tre livelli d’intervento per innalzare la sicurezza attiva senza pregiudicare prestazioni e piacere di guida.

    L'Audace, invece, è appariscente, muscolosa, cattiva e si fa riconoscere immediatamente dal frontale, reso più leggero stilisticamente dal gruppo ottico circolare e dalla presenza del parafango in carbonio montato su una forcella priva dei cannocchiali di copertura. Non ha cromature, ogni dettaglio meccanico, ogni più piccola parte metallica a vista è scura come la notte. La luce arriva solo nel netto contrasto con il colore che la fascia lateralmente e che fa scoprire numerosi dettagli inediti. Come il puntale sottocoppa, che ne incattivisce la vista laterale, la griglia metallica del radiatore e lo scarico corto a megafono, dall’aspetto clandestino ma già omologato Euro 4. Modificati anche i fianchetti laterali, alleggeriti come il supporto pedana passeggero. Spariscono le pedane a piattaforma, presenti su tutte le altre sorelle come il comando del cambio a bilanciere per lasciare spazio a pedane più sportive, avanzate e al classico pedale del selettore del cambio. Particolarmente curata la sella, rivestita con skai alcantara dalle cuciture rosse a vista, ribassata nella seduta e integrabile con uno strapuntino per il passeggero. Nuovo anche il manubrio drag bar, che, grazie alla posizione avanzata delle pedane e al diverso piano di seduta della sella, determinano una posizione di guida più allungata e dominante. Di particolare pregio sono anche i coperchi valvole bruniti, gli ammortizzatori posteriori dotati di serbatoio del gas separato e le ruote in lega personalizzate con il logo Moto Guzzi, i minimali specchietti. Imponente e aggressiva, l’Audace sembra caricata sul retrotreno come un grosso felino pronto a scaricare la sua forza esplosiva per graffiare l'asfalto lasciando l'impronta del suo pneumatico posteriore oversize 200/65. La generosità del bicilindrico a V di 90° da 1400 cc made in Mandello è cosa ormai arcinota e sull’Audace, grazie al nuovo impianto di scarico riprogettato nella fluidodinamica, ha guadagnato nuovo vigore agli alti regimi. Ne consegue che, grazie anche a qualche chilo in meno, l’Audace è sicuramente più rapida nello scatto da fermo.

    • SPORTMEDIASET »
    • SPECIALE EICMA2014 »
    • Moto Guzzi California: Audace ed Eldorado
    • Invia ad un amico
    • OkNotizie
    • Stampa
    Claudio Ranieri nuovo allenatore del Fulham

    Ranieri riparte dal Fulham

    Il tecnico italiano allenerà a Craven Cottage

    Atp Finals, brilla Djokovic

    Djokovic, lezione a Zverev

    Nole brilla alle Atp Finals di Londra

    Una collezione di cimeli: ora si possono noleggiare con SportUnveiled

    Cimeli e sport, che collezione

    Dalla maglietta di Pelè al casco di Senna con SportUnveiled

    Costruirsi il futuro dopo la carriera sportiva: con Randstad Next si può

    Costruirsi il futuro dopo la carriera sportiva

    Presentata la seconda edizione di Randstad Next

    I giornali: mercoledì 14 novembre

    I giornali: mercoledì 14 novembre

    La rassegna italiana e internazionale

    Roger Federer (Getty Images)

    Atp Finals: Federer ancora vivo

    Thiem travolto in due set. Anche Anderson ok

    Ecco il luxury hotel di CR7 a Marrakech

    Il nuovo luxury hotel di CR7

    Ecco i primi rendering dell'albergo di Marrakech

    Italia in campo verso Portogallo e Usa

    L'Italia va di corsa

    A Coverciano seconda giornata di allenamenti verso Portogallo e Usa