Una "Rondine" per volare in pista

Moto racing "made in Italy": la RRV1

RRV1 per volare in pista

Nel mondo del motociclismo ci sono realtà artigianali da far invidia ad alcune blasonate factory che corrono nei migliori campionati mondiali. Costruttori indipendenti, ma soprattutto professionisti ed appassionati veri che dimostrano come, senza budget faraonici, sia possibile realizzare una moto sportiva dalle eccellenti performance e un design dall'appeal spiccatamente racing.

RRV1 per volare in pista

Una di queste piccole-grandi realtà è la Rondine Motor. Un'azienda italiana che da anni è attiva nella progettazione e costruzione di motocicli altamente tecnologici e raffinati. Un'attività che si è evoluta attraverso una serie esperienze importanti, maturate con illustri collaborazioni nel mondo delle due ruote.

Filippo Nuccitelli è la mente che si trova dietro questo progetto, nato nel garage di casa e cresciuto dettaglio per dettaglio fino alla realizzazione del primo modello prodotto, firmato Rondine Motor. Ecco quindi nascere la splendida RRV1. Un esemplare unico al mondo che travasa l'esperienza e le tecnologie dal settore aeronautico portandole al servizio della motocicletta. Un progetto che vanta telaio e forcellone ricavati dal pieno (tramite fresatrici a controllo numerico) con un procedimento importante: le parti sono incollate tra loro con adesivi strutturali e realizzano un insieme rigido, resistente e particolarmente leggero, come vuole una vera moto sportiva.

Il motore è un bicilidrico a L da 944cc, di derivazione Ducati, mentre gli scarichi sono in titanio e alluminio. Tanti quindi i materiali compositi utilizzati, come l'ergal per le piastre di sterzo e il carbonio-kevlar per le sovrastrutture, che si amalgamano perfettamente con uno stile funzionale ed attraente. Il peso di 133kg è da riferimento e completa un pacchetto tecnico che promette emozioni in sella.

Roba forte insomma, nata dalla penna di ragazzi competenti, ma soprattutto motociclisti appassionati e viaggiatori pronti a meravigliarsi davanti ad una special artigianale, così come al prodotto industriale. La Rondine Motor promette a breve anche novità in campo di design rivoluzionari e di nuovi prodotti dal sapore spiccatamente racing. Giusto per ribadire, ancora una volta, che il "made in Italy" nelle due ruote è capace di lasciare il segno.

di M.C.

GUARDA LA GALLERY DI RONDINE

La scheda tecnica della RRV1:

Motore: 4t, bicilindrico a L, cilindrata 944cc. raffreddamanto a liquido

Impianto di scarico: Titanio e inox

Telaio e forcellone: Lega di alluminio, ricavati dal pieno e incollati con .adesivo strutturale

Serbatoio: Posizionato sotto il motore con spugna interna capacità 12 l.

Interasse: 1.390mm.

Inclinazione cannotto di sterzo: 23° regolabile

Sospensioni: Forcella ant. steli da 43mm con piastre in ergal ricavate dal pieno, corsa 120mm; monoammortizzatore post..con leveraggi progressivi, corsa ruota 120mm

Freni: Anteriore doppio disco Brembo da 320mm, pinze radiali con attacco in ergal ricavato dal pieno; posteriore Brembo da 220m

Cerchi: Marchesini in alluminio forgiato: ant.3.50x17,post. 5.50x17

Pneumatici: Ant.120/70x17; post. 180/55x17

Sovrastrutture: in carbonio/kevlar

Peso: 133Kg

 

5 febbraio 2009

[an error occurred while processing this directive]