MotoGP, Argentina: la sabbia frena tutti, Dovizioso il più veloce

Nel circuito di Termas de Rio Hondo lo sporco in pista condiziona le prime prove libere. Rossi si piazza sesto, Lorenzo dodicesimo.

MotoGP, Argentina: la sabbia frena tutti, Dovizioso il più veloce

Nel secondo appuntamento della stagione di MotoGP è Dovizioso a girare più veloce nelle prime libere, lontano comunque da tempi competitivi. Lo sporco presente sul circuito di Termas de Rio Hondo in Argentina condiziona la prestazione di tutti i top rider che non vogliono rischiare cadute. Dietro il ducatista si piazza la Honda di Marquez, Rossi chiude sesto. A faticare di più sono Lorenzo addirittura dodicesimo e Iannone diciottesimo.

Lo spettacolo fornito dalle prime prove libere è fatto di moto ballerine, scie di polvere che si alzano dalle gomme posteriori e giri fatti al rallentatore. Sono tante le difficoltà e le incognite del weekend argentino. Oltre la pista che va completamente gommata, si aggiunge l'assenza di test prestagionali sul circuito e il rischio pioggia sempre dietro l'angolo. Valentino Rossi e Jorge Lorenzo passano i primi 15 minuti a studiare gli avversari dal monitor, ma una volta in pista non riescono o non vogliono fare la differenza.

La stessa tattica usata anche dalle Honda e dalle Ducati, l'obiettivo dei primi 45 minuti è testare le Michelin e la nuova centralina su queste nuove condizioni. Dovizioso chiude in testa con un modesto 1'43.684, lontano ben sei secondi dal record della pista di Marquez. Lo spagnolo si posiziona subito dietro l'italiano, davanti a Yonny Hernandez sulla Ducati Aspar. Via via tutti gli altri piloti che girano in tempi simili tra l'1'44 e l'1'45. Stupisce trovare fuori dai primi dieci due pretendenti alla vittoria come Lorenzo e Iannone, ma saranno le Libere2 a dirci le prime verità sui rapporti di forza qua a Termas de Rio Hondo.

TAGS:
MotoGP
Argentina
Rossi
Lorenzo
Yamaha
Honda