MotoGP, Rossi: "Anche al ranch ho battuto Marquez"

Alla vigilia del GP di Aragona Valentino ricorda la giornata a Tavullia mentre Marc dice: "Ora devo gestire il vantaggio in classifica"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Valentino Rossi, foto IPP

Valentino Rossi ci ha preso gusto e dopo la vittoria a Misano punta a ripetersi anche a Motorland, sede del GP di Aragona, 14esima prova del mondiale MotoGP. "Sì, è stata una grande settimana dopo la vittoria di Misano. La pista di casa mi ha aiutato perchè la Yamaha M1 è molto forte su quel circuito. Speriamo di fare bene anche qui in Aragona e stiamo lavorando al massimo per fare bene", ha detto Rossi nella conferenza stampa del giovedì.

Sulla gara del prossimo weekend, che sarà l'800esimo gran premio della storia MotoGP, Valentino ha aggiunto: "Qui ad Aragona la Honda è favorita ma Lorenzo è sempre stato molto veloce e quindi siamo ottimisti. Aver già girato qui nei test è comunque un aiuto importante. Abbiamo dei dati e dei riferimenti, soprattutto per la partenza e per il setting anche se la moto è cambiata molto da quei giorni". Una battuta anche sulla famosa giornata nel suo ranch dove c'era anche Marc Marquez: "Innanzitutto ci siamo divertiti un sacco perchè c'erano molti piloti, anche della Superbike. Marc era veloce quanto me nonostante fosse la prima volta. Ha segnato il miglior tempo sul giro ma io ho vinto la gara".

"E' stato molto bello e impressionante vedere un circuito del genere - ha replicato lo spagnolo - Sono stati tutti molto simpatici, è stata una battaglia come a Misano. L'importante è stato divertirsi".Marquez, leader del campionato, parla così in vista del gran premio di Aragona: "A Misano non eravamo pronti a combattere per la vittoria ma in ogni caso ci ho provato perchè speravo di poter chiudere il discorso per il titolo qui ad Aragon. Devo gestire il vantaggio che ho in classifica e pensare al Mondiale. E' forse il mio circuito preferito, il tracciato è incredibile. Solo in 125 mi è andata male perchè sono caduto alla prima curva dopo la pole position".

Al ranch di Tavullia non c'erano Pedrosa e Lorenzo. Il centauro della Honda vuole difendere il secondo posto in classifica da Rossi e su Motorland dice: "Sì, è una bella pista, mi piace molto correre su questo circuito. Le curve sono piuttosto belle, il giro è molto interessante. Cercheremo di fare del nostro meglio in questo weekend, Valentino Rossi è molto vicino quindi cercherò di prendere più punti possibili per il campionato". Mentre il maiorchino della Yamaha è alla caccia della prima vittoria stagionale: "Essere sempre al secondo posto non è semplice. Siamo qui per vincere, sono sempre stato molto competitivo e spero che la prima vittoria arrivi presto. Peccato per la scelta delle gomme domenica a Misano, cercheremo di non fare più errori. Su questa pista la vittoria non è impossibile, i test svolti qui ci hanno dato buone indicazioni".

Andrea Iannone, che ha vinto in Moto2, vuole proseguire nel suo buon momento con la Ducati Pramac: "Per quello che riguarda la Moto2 ho ottimi ricordi di questa pista. Con una MotoGP è altrettanto bella, io spero di guidare bene fin dalle prime libere. Questo weekend ho due moto, la GP14 e la GP14 2.0: le confronterò e poi valuterò quale utilizzare". Chiusura per Jack Miller, l'australiano della KTM che il prossimo anno farà il salto dalla Moto3 alla MotoGP: "Sono al settimo cielo perchè ho l'opportunità di fare il salto da Moto3 a MotoGP. Ci sono molti punti interrogativi ma penso che a livello fisico posso riuscire a utilizzare queste moto. Con il tempo e con il giusto atteggiamento mi adatterò e farò del mio meglio. Moto3? Mancano cinque gare, dobbiamo essere attenti, c'è bagarre per il titolo".

TAGS:
Motogp
GP Aragona
Rossi
Marquez

I VOSTRI COMMENTI

khazrak - 25/09/14

Credo che ci sia una bella differenza nel dire miglior tempo nel giro e dire ha girato più forte di lui al suo ranch.
E come dire che in gara Pedrosa fa il giro record e Marquez vince la gara...giusto?

segnala un abuso

aldoz8 - 25/09/14

Grande Vale!

segnala un abuso