MotoGP, Valentino Rossi: "L'obiettivo è battere Marquez"

Il 46 lavora per rinnovare 2 anni con la Yamaha. Marc: "Non sento la pressione, perché anche se cado ho tanti punti in classifica"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

In Olanda, Valentino Rossi ha già messo il rivale nel mirino: "Quest'anno sono molto più competitivo dello scorso anno, ma le gare fin qui le ha vinte tutte Marquez. Sarebbe bello provare a batterlo! Questa è una pista positiva per la Yamaha, ma per vincere dobbiamo migliorare. Lavoriamo anche per continuare altri 2 anni. Marquez è più forte perché ha un anno di esperienza, e la Honda ha colmato il distacco che qui aveva lo scorso anno".

Rossi e Marquez foto MotoGP.com

Il Dottore fa un commento anche sull'uscita dal mondiale dell'Italia: "Per la Nazionale sono molto triste, come tutti gli italiani. E' normale perché si aspetta il mondiale per i 4 anni e poi si esce subito. Ci sono tante cose da recriminare, ma mi spiace particolarmente perché volevo prendere un po' in giro gli spagnoli. Invece siamo usciti anche noi, quindi stiamo zitti".

L'ironia di Rossi passa anche attraverso una battuta sul motivo per il quale ad Assen si corre di sabato: "La spiegazione è semplice. Si corre di sabato perché la pista era vicino ad una chiesa e il parroco non voleva rumore alla domenica. Ma poi è strano perché la Superbike qui invece corre alla domenica?! Ma forse è perché il prete preferiva la Superbike".

In conferenza, però, il campione di Tavullia fa il punto sulle reali possibilità di successo, suo e della Yamaha, in questo fine settimana: "Lo scorso anno non ero veloce e forte come quest' anno. Qui nel 2013 ho avuto un buon w-e, anche se abbiamo lottato col meteo, ma poi abbiamo trovato un buon assetto ed è stata la miglior gara della stagione. Dobbiamo continuare cosi anche quest 'anno . Sto molto meglio e sono in condizione di andare più veloce, ovunque. Quindi speriamo di andare veloce anche qui. L'obiettivo è battere Marquez, per cercare di stare al suo livello. Anche Lorenzo qui è forte, anche infortunato pesantemente come nel 2013. Senz'altro quest anno vorrà provare a stare davanti. Soprattutto dopo la gara di Barcellona".

Valentino ha già una strategia d'attacco: "Ora le qualifiche sono molto importanti, anche see sono sempre il momento in cui fatico di più. Anche a Barcellona non ero abbastanza veloce, ma ho trovato qualche modifica per entrare poi nella top 5, che era il mio obiettivo. Cercherò di partire in prima fila anche qui, perché posso essere forte nei primi giri. Inoltre questo è un posto speciale, sono fortunato perché forse sono probabilmente l'unico che ha corso nel vecchio circuito in 125cc, 250cc e 500cc. Adesso hanno modificato la pista e con la MotoGP è molto veloce. Regala comunque tanta adrenalina ad ogni giro. Inoltre è l'unica pista dove ho vinto sia io, sia mio papà Graziano".

Infine Rossi analizza la concorrenza diretta: "Marquez frena tanto e molto in ritardo. Ha sempre la situazione sotto controllo. E' molto attento fino alla fine della gara, modificando la traiettoria per rendere impossibile il passaggio di chi sta dietro. Ha capito bene cosa deve fare. Io sono arrivato dietro a Marc 4 volte quest'anno, e forse la battaglia più ravvicininata è stata in Qatar. A Barcellona invece Dani e Marc avevano un passo migliore ed era difficile attaccare nel finale. Vediamo se qui si può fare meglio. Stiamo lavorando tanto con la Yamaha e quasi sempre i miei commenti e quelli di Jorge sono gli stessi. La Yamaha quest'anno ha fatto molti sforzi per migliorare, soprattutto in frenata. La M1 adesso è una buona base sia per me, che per Lorenzo".

MARC MARQUEZ: "NON SENTO LA PRESSIONE"

Il campione del mondo in carica spiega: "Le ultime due gare sono state più difficili. Sembra che ripeto sempre le stesse cose, ma è vero. Sarà dura vincere qui. Anche se guardiamo il GP dello scorso anno le Yamaha erano forti, e Rossi e Jorge sono molto veloci qui. E' un tracciato che va bene per il loro stile di guida. Credo che saranno forti in questo weekend, ma cercheremo di fare del nostro meglio, pronti alla sfida. Assen è una pista che mi piace e mi diverto nelle curve veloci, ma non sarà facile continuare la striscia di vittorie di fila. Anche per via del meteo che per sabato è previsto piuttosto variabile. Quindi ci concenteremo sul lavoro di set-up. Di solito siamo molto forti in frenata, questa invece è una pista scorrevole, dove bisogna lavorare sui cambi di direzione e la percorrenza in curva. Sento ovviamente la pressione di tutti. Tutti quelli che aspettano sempre la vittoria, una grande gara e un grande risultato. Sento comunque meno la pressione, grazie al vantaggio in campionato. Lo voglio mantenere, ma non accuso la pressione perché, se cado o faccio un errore, adesso ho del   margine".

IL MERCATO PILOTI

Jorge Lorenzo spiega senza giri di parole: "Con Yamaha stiamo lavorando per trovare un accordo. Mancano ancora dei dettagli, ma è chiaro che mi piacerebbe continuare con loro. Anche se non abbiamo avuto un inizio di stagione facile, il mio potenziale con la M1 quando siamo a posto è molto alto".

Anche Andrea Dovizioso prende tempo: "E' presto per prendere decisioni per il prossimo anno. Abbiamo cominciato a parlarne a Barcellona e vedremo cosa fare quando sarà il momento giusto. In Ducati non dovrebbero arrivare grosse novità prima della fine della stagione, quindi dobbiamo lavorare per migliorare con quello che abbiamo e dare sempre il massimo".

Nemmeno Dani Pedrosa si sbilancia: "Quando avrò notizie lo saprete. Intanto vi dico che il braccio va meglio e penso di poter fare una bella gara qui ad Assen. Anche se dovremo controllare bene i meteo e agire con tempismo".

Infine Stefan Bradl guarda ai risultati in pista piuttosto che al mercato: "Quest'anno ci sono stati un po' troppi alti e bassi. Sto cercando di controllare la situazione, ma poi gli avversari ti spingono al limite e capita di cadere. Non è semplice. Voglio stare con i top rider anche questo weekend. Ma credo che poi sia presto per parlare di cosa farò in futuro. Non c'è nulla di serio. E' ancora troppo presto".

DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

MotoGP: chi può battere Marquez in Olanda?

TAGS:
Rossi
Assen
Marquez
Lorenzo
Pedrosa
Olanda
Conferenza stampa

I VOSTRI COMMENTI

smndemurtas - 25/06/14

A malincuore dico: "maxeem ho paura che tu abbia ragione........."

segnala un abuso

maxeem - 25/06/14

voto lorenzo la corsa gara hanno sbagliato a levare cavalli alla moto per cercare di limitare un difetto che aveva ma ormai JL99 è tornato!!! anche se marquez sarà duro da battere è ora che anche pedrosa suoni la sveglia...

segnala un abuso