GP MALESIA

MotoGP: Dani Pedrosa trionfa a Sepang

Dani firma una gara in fuga, lasciando Marquez e Lorenzo in lotta per il podio. Rossi sempre 4°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Il via del GP malese (Reuters)

Dani Pedrosa (Honda) torna a vincere nel GP della Malesia. Più staccato al traguardo Marquez (Honda, 2°), che sale sul podio davanti a Lorenzo (Yamaha, 3°) dopo una grande lotta ricca di sorpassi. Ancora 4° Rossi (Yamaha, +10") che precede Bautista (Honda) e le Yamaha di Crutchlow e Smith. Dovizioso è 8° (Ducati) davanti a Espargaro (ART) e Hernandez (Ducati). Ritirati Iannone e Hayden (Ducati). Marquez resta in testa al mondiale (+43 punti).

LA CRONACA - Al via lo scatto di Lorenzo è ottimo, ma Pedrosa sembra fare meglio. Entrambi girando intorno a Rossi e Marquez. Col risultato che Jorge arriva lungo alla prima staccata, ma riesce comunque a prendersi la testa della corsa. Mentre lottano subito Valentino e Marc, con il 93 che all'esterno si riprende immediatamente la terza piazza. Detto che Marquez accende subito la sua compilation di traversi e sbandierate, lasciando il 46 alle prese con un Bautista arrembante.

Ci vogliono quindi 5 giri prima che le Honda trovino il colpo di reni per passare in stereo la Yamaha di Lorenzo, che cede il passo a Pedrosa, restando poi alle prese con Marquez. Jorge combatte come un guerriero, stacca forte e prova a tenere dietro l'esuberante rookie. Tanto che tra i due arriva anche un bel colpetto di carena, giusto per ribadire che non siamo al balletto classico. Sorpassi e contro sorpassi ad ogni cambio di direzione, ogni destra-sinistra veloce, per uno show come non lo si vedeva da tempo. Manovre che infiammano l'esuberanza del 93, che non vuole saperne di restare dietro. Intanto Pedrosa allunga e inizia la sua fuga, approfittando proprio della bagarre tra i suoi diretti inseguitori. Alle loro spalle, dopo aver rischiato di essere nuovamente centrato da Bautista, Rossi prova a tenere il passo, spettatore di lusso in una sfida in cui, però, non riesce mai ad entrare. Intanto finiscono k.o. per problemi tecnici Iannone (anteriore) e Hayden, con il motore letteralmente in fumo.

L'allungo di Pedrosa si fa quindi consistente e Marquez non può più aspettare: ripassa con decisione Lorenzo, andandogli subito via, pronto alla caccia del compagno di box. Sempre allungando le frenate e sfoggiando l'ormai tipica guida del 93, fatta di ingressi di curva perennemente di traverso con la moto già in piega, in stile motard. Ma Dani risponde subito e rifila 6 decimi in un giro al rivale. Dimostrando di averne di più e di poter cavalcare tranquillo verso il suo terzo successo stagionale.

Forza della curiosa terapia a base di punture di ape, al quale Pedrosa si è sottoposto dopo la caduta violenta e amara di Aragon. Una replica che arriva, però, senza pressioni e quando il titolo mondiale sembra ormai perso (-54 punti). Alla faccia di Marquez che conquista sorridente un 2° posto, ma che gli vale il saldo controllo della classifica iridata, con 298 punti. Ovvero +43 su Lorenzo, che lo segue anche sul podio malese. Rossi è invece consapevole di avere fatto tutto il possibile per stare in scia a tre più veloci. Almeno nella prima fase di gara. Un bel segnale, anche se la fatica (e l'età) nella seconda parte della corsa hanno portato al solito 4° posto.

A Sepang chiacchiere a zero

Quando si entra in pista le parole non contano: lo hanno dimostrato Marquez e Lorenzo. Ma se hai una Honda... G. Meda

DITE LA VOSTRA

MotoGP: Marquez ha le mani sul titolo, ma chi può dargli più fastidio?

TAGS:
MotoGP
Motomondiale
Ducati
Yamaha
Honda
Valentino Rossi
Jorge Lorenzo
Nicky Hayden
Andrea Dovizioso
Dani Pedrosa
Marc Marquez
Andrea Iannone
Cal Crutchlow
Stefan Bradl
CRT
ART
FTR
FTR Kawasaki
Sepang

I VOSTRI COMMENTI

robertovinci - 16/10/13

continua...
Dopo una vita in pista in pista si comincia a pensare"speriamo che la moto non mi faccia lo scherzo dell'ultima curva o del giro prima",poi i piloti a fine carriera che hanno vinto molto tendono ad andare piu piano per non rischiare la pellaccia,ma godersi tutto quello che hanno costruito(e guadagnato).
C'è da capirli io penso.
Comunque Rossi non è che prima era un fenomeno e ora è vecchio,secondo me prima lottava con piloti meno forti di quelli di adesso.

segnala un abuso

robertovinci - 16/10/13

Come disse anche Reggiani,più che altro l'età conta per il fatto che dopo 15-20 anni di corse sei caduto così tante volte,o hai visto incidenti dei tuoi colleghi più o meno gravi,hai perso la moto così tanto che non hai più la spensieratezza dei 20 anni,quando il tuo limite è ancora tutto da stabilire,cioè "io tiro finchè la moto non ti dice basta".continua...

segnala un abuso

stilix - 15/10/13

Felina2602
Tu sei contro a prescindere, sei l'ultima persona che puo' criticare Helen46 notoriamente pacata ed equilibrata.

segnala un abuso

Helen46 - 14/10/13

Felina
Concordo con lui su questo aargomento..se penso che una cosa sia giusta lo dico anche se proviene da una persona con cui di solito non sono d accordo...non mi metto contro a prescindere....

segnala un abuso

Felina2602 - 14/10/13

x Helen46
Se adesso ti sei messa a pensarla come Statecollegati, addio figlia mia..... stai messa propio bene!!!!!!

segnala un abuso

nano1974 - 14/10/13

bellissima corsa. bravo marquez e lorenzo (mi chiedo se gli tolgono un punto a lorenzo per via della toccata) pedrosa al top. vale peccato perche' all'inizio pensavo che sarebbe stato in lotta... ma visto il calo di lorenzo perse ogni speranze. comunque bella gara. quoto quello che dice vale. le corse sono cosi'. ci vuole battaglia. del resto sono centauri... e nella mitologia non erano certo dipinti come cuccioloni con dei mazzi di fiori in mano....

segnala un abuso

Helen46 - 14/10/13

Statecollegati
No no infatti la penso come te:)

segnala un abuso