Pagelle MotoGP da Silverstone: Jorge Lorenzo è l'anti-fenomeno

Marc Marquez resta una superbega. Le scuse di Pedrosa e le attese di Rossi

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

PAOLO BELTRAMO

Lorenzo e Marquez foto Honda

Jorge Lorenzo: 10 e lode. Cinque sconfitte consecutive, la clavicola fratturata e operata. Rossi che vince ad Assen e Marquez, che infila quattro successi consecutivi e gli tocca pure guidare la piccola inferiorità della Yamaha rispetto alle Honda. Per vincere doveva tirar fuori qualcosa più del massimo. Non c'è riuscito con la fuga, né menando le danze per quasi tutta la gara. Allora l'ha fatto con un controsorpasso sul ragazzino all'ultima curva dell'ultimo giro, quando tutto sembrava perduto. Altro che perfezione, che martello, che burro! Serviva un capolavoro, l'ha messo lì con la grinta e la naturalezza dei grandissimi. L'unico antifenomeno, quello vero.

Marc Marquez: 10. Pure per lui quasi il massimo perché cadere nel warm-up, lussarsi una spalla e poi giocarsi la vittoria fino all'ultimo centimetro, perdere per una leggera imperfezione, è qualcosa di straordinario e quasi unico. Resta un esordiente ventenne che ha messo in fila 11 podi (5 vittorie) in 12 gare (l'altra è caduto mentre era 2°) e comanda la classifica con 30 punti su Pedrosa e 39 su Lorenzo. Se quando gli va di sfiga finisce così...   Continua ad essere una Superbega galattica.

Dani Pedrosa: 8. C'ha quella sfortuna lì di beccarsi prima Casey Stoner, poi Marc Marquez in squadra. Ma non ha vinto neppure quando aveva Andrea Dovizioso, sicuramente più malleabile. Stavolta parte male, recupera, sembra averne più di Lorenzo e Marquez, poi finisce terzo, senza provarci mai, lì vicino, con l'acquolina in bocca, ma insomma in queste situazioni la fetta di torta non la morde. Sembra essersi arreso a sé stesso, al suo destino: quasi vincente.

Valentino Rossi: 6. Hai voglia di dire che nella parte finale della gara va forte come i primi o quasi, che si beve per l'ennesima volta Bautista (7) all'ultimo giro, che manca quel pelino di feeling all'inizio per potersela giocare, che parti bene, perdi e poi recuperi. Se ti chiami Valentino Rossi da te ci si aspetta che non becchi 13 secondi dal tuo compagno Lorenzo, che riesce pure a vincere una gara sontuosa. La colpa non è tutta sua, anzi, ma insomma questa messa a punto, questo passo avanti Yamaha deve arrivare in fretta. Per Misano. Lunga attesa.

Cal Crutchlow: 4. Ha distrutto due moto il sabato. Ma comunque era riuscito qualificarsi terzo. Poi un altro botto nel warm up, nello stesso punto. Gli va bene che non si fa male, ma in gara sparisce, chiude settimo, lontano 26 secondi da Lorenzo, lui che riusciva a volte ad essere la migliore delle Yamaha. Forse sarà stata la pressione della corsa di casa, ma questa è una gara incolore, inodore, insapore. Stranamente insipido.

Ducati: sv. infierire non servirebbe. Il Dovi cade alla fine mentre lotta per l'ottavo posto, che si prende il suo compagno Hayden a 35 secondi dal primo. Detto tutto.

TAGS:
MotoGP
Yamaha
Honda
Ducati
Dovizioso
Marquez
Lorenzo
Rossi
Pedrosa
Beltramo
Silverstone

I VOSTRI COMMENTI

statecollegati - 10/09/13

maxeem - 10/09/13
statecollegati basta ad insultare la memoria del sic!!! lacialo riposare in pace!!! Adesso lo dici, perchè non ripeti quello che gli hai vomitato addosso quando ha causato un paio di incidenti in gara nel 2011 e per fortuna che non buttò giù Stoner se no apriti cielo. Adesso ti scappa di fare il sentimentale ma cammina vai uomo di pezza come il campioncino che tifavi

segnala un abuso

maxeem - 10/09/13

statecollegati basta ad insultare la memoria del sic!!! lacialo riposare in pace!!!

segnala un abuso

DocDocAvanti - 10/09/13

Incredibile... poi dicono che noi rossisti siamo fanatici... c'é qualcuno che preferirebbe non vedere il suo campione preferito, solo perché non é competitivo. Proprio degli sportivi d'eccezione, appena ci sono problemi meglio ritirarsi per non far figure. Sarà poi un caso che sono spesso tifosi di Stoner?
Io invece m'inchino alla caparbietà di un campione che ci prova ancora, incassa critiche e va avanti...
Chi vince solo xché é sopravvalutato, avrebbe già smesso.

segnala un abuso

statecollegati - 10/09/13

maxeem con le gomme di Rossi, quelle in riferimento a Melandri, ci correva solo Vale perche' il regolamento glie lo permetteva di farsi fare le gomme come gli pareva e lo potevano fare anche gli altri, volendo, ma chissà come mai tutti volevano le gomme di Rossi ma soprattutto, correndoci solo lui, non ci è mai morto nessuno a differenza di certe gomme con le quali dovevano correrci tutti per forza e che a detta tua.....venivano sorteggiate!!! Cosa non si è fatto per limitare Rossi già dal 2010.

segnala un abuso