MotoGP, Lorenzo e Pedrosa cercano riscatto già a Brno

Ai rivali di Marquez non mancano le possibilità di riaprire il Mondiale ma il debuttante è in stato di grazia

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

STEFANO GATTI

Marquez, Lapresse/AP

Dani Pedrosa meno ventuno, Jorge Lorenzo meno trentacinque: è un vantaggio piuttosto rassicurante quello di Marc Marquez, che a Indianapolis, con il terzo successo consecutivo, da debuttante a sensazione si è trasformato nel principale candidato al titolo. Jorge e Dani però sono tutt'altro che spacciati. Marquez non può ormai più contare sul fattore-sorpresa.

Da apprendista cacciatore a preda elusiva nel giro di mezza stagione, ora appunto il giovanissimo spagnolo porta tutto intero sulle spalle (che sono pur sempre quello di un ragazzo di vent'anni) il peso del pronostico. Alla fine del Mondiale mancano otto gran premi. Il distacco di Pedrosa equivale in pratica a quello di un secondo posto che, in presenza di un passo falso del leader, significherebbe giochi completamente riaperti. Più ostica, ma non impossibile, la missione rimonta per Lorenzo, al quale per tornare davvero in corsa occorrono - almeno “a tavolino” - un paio di passaggi a vuoto di Marc. Anche in questo caso: difficile ma non impossibile.

Analizzando i fattori di rischio sulla marcia di avvicinamento di Marquez al titolo va poi presa in considerazione la sequenza dei prossimi appuntamenti, anche solo limitandosi a Brno e Silverstone, dove prosegue e poi si completa il "trittico" con il quale il Mondiale riprende la sua corsa a tempo pieno e a tappe forzate dopo la pausa estiva. Brno e Silverstone, appunto, sono piste ampie, veloci, "vere", dalle caratteristiche quindi molto diverse da quelle del Sachsenring e Laguna Seca (tracciati brevi, movimentati, "contorti" e dalle medie relativamente basse) o di Indianapolis ("scavato" all'interno del catino della 500 Miglia, adattandosi alle strutture preesistenti dell'impianto). Insomma, una fase nuova della stagione.

Se una svolta la vogliono imprimere, Lorenzo e Pedrosa devono farlo adesso, approfittando del cambio di passo, mettendo sul piatto della bilancia la loro esperienza, a controbilanciare (se possibile) la freschezza e l'attuale stato di grazia del rivale. E potrebbe non bastare ... Jorge e Dani rischiano di consumare le rispettive chances sgomitando per il ruolo di anti-Marquez, rubandosi punti a vicenda, favorendo così in ultima analisi la fuga definitiva della lepre. Tirando le somme, un Mondiale complessivamente ancora aperto, sul quale però sembra prevalere il senso di predestinazione che circonda il clamoroso approdo di Marquez nella MotoGP.

TAGS:
Motogp
Gp Repubblica Ceca
Brno
Marquez
Lorenzo

I VOSTRI COMMENTI

robi440 - 20/08/13

fantagp
Non è la stessa situazione...apparte che Marquez guida una Honda e non una Ducati....nel 2008 Rossi tranne la prima gara, fu' sempre davanti in Classifika,(dopo 7 gare aveva una 50na di punti di vantaggio)e Casey provo' a recuperare ...qui invece è Lorenzo che si trova nella posizione di Stoner di dover recuperare punti .

segnala un abuso

fantagp - 20/08/13

Capitolo Rossi : La mia idea e' che a gomme nuove non si fida dell'elettronica e della possibilita' di poter spingere rispetto alle sue sensazioni umane che gli dicono di essere gia' al limite. Probabilmente con ruota consumata l'elettonica incide meno rispetto alla sensibilita' del pilota ed ecco i tempi, anche se ancora non a livello dei migliori (mancano 2-3 decimi)

segnala un abuso

fantagp - 20/08/13

Sono tifoso di Rossi e dopo il sorpasso a Crutchlow all'ultimo giro ho provato solo rabbia. Si perche' Rossi quando fa il Rossi e' un campione (nonostante incidente 2010, disgrazia Sic ed eta') e insieme a quei tre ci farebbe divertire da matti. continua...

segnala un abuso

maxeem - 20/08/13

Bruno è una delle mie preferite di Rossi almeno qui deve stare sempre con i primi prove e gara, altrimenti bisognerà cominciare a fare uno per uno.

segnala un abuso

fantagp - 20/08/13

Marquez non puo' contare piu' sul fattore sorpresa, vero, Pero' secondo me Pedrosa e Lorenzo lo stanno agevolando. Lorenzo se vuole avere qualche chance in piu' deve provare a cambiare tattica durante la gara magari rischiando anche il corpo a corpo. A Indy Marquez ha avuto tutto il tempo di studiare Lorenzo per poi infilarlo e andare via. Lorenzo non puo' pensare di fare il suo passo e basta con questo Marquez. Deve provare a destabilizzarlo, tipo Rossi-Stoner 2008 per intenderci.

segnala un abuso

robi440 - 20/08/13

Per Loro è dura... Pedrosa fisicamente non è messo benissimo ancora e qst. gare ravvicinate non l'aiutano,e contro qst. Marquez con la sua stessa moto ha bisogno di essere al massimo x batterlo.
Lorenzo,secondo me,è ancora il miglior pilota del circus...ma i suoi punti di ritardo sono davvero tanti...
pero' le gare sono imprevedibili e Jorge non è uno che si arrende prima di combattere,come ha dimostrato anche domenica.


segnala un abuso

dimarzio34 - 20/08/13

Beh e ovvio che a Brno Lorenzo e Rossi ci saranno ...Anzi secondo me tutti 2 sull podio ...

segnala un abuso