MotoGP, le pagelle di Indianapolis: Marquez sembra Quentin Tarantino

Pedrosa soffre, Lorenzo resiste. Rossi bene a metà

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

RONNY MENGO

Marquez - foto Ap

Il regista americano esemplare, Marc Tarantino Marquez, firma una sceneggiatura da dieci globale. Imperfetto al via, riflessivo nella prima fase, chirurgico nei due sorpassi, impietoso nella fuga finale. Fa tutto lui. Se il 20enne dei miracoli aggiunge al talento, come già sta iniziando a mettere in pista, sensibilità, testa e calcolo, lo vedremo lucidare il mondiale numero 10 alla festa del 27esimo compleanno. E tanti saluti.

Non facilissimo fargli da compagno di box, chiedere a Pedrosa che però riesce a esaltarsi con una gara da 8 e mezzo, reagendo con il sorpasso su Lorenzo (alzi la mano chi ci avrebbe scommesso) e caricandosi su quel che resta delle spalle il peso di anti-Marquez, secondo com'è a meno 21 nel mondiale. Ha tutto da perdere, ma si ripete nella notte di poter vincere, come fece del resto l'anno scorso a Brno dove si va domenica.

In quest'ottica è più cattivo Lorenzo, che nonostante i pessimi rapporti tra la M1 e le gomme, cede solo a pochi km dalla fine di una domenica da 9 pieno. Si fa 13 giri in testa, su un asfalto targato Honda, e ha la faccia di quello che al piccolo irriverente, qualcosa vuole combinare al più presto.

Il 6 e mezzo di Rossi è una media tra il buio di sabato e metà domenica e le scintille di fine gara. Le sue fatiche danno l'idea della complessità tecnica, e vai a spiegare alle zie a casa come sia possibile che una gomma vada meglio quando inizia a usurarsi. Colpi di tacco, come quello su Crutchlow, non lasciano dubbi sul pilota, i 14 secondi da Lorenzo confermano però le difficoltà di messa a punto incontrate in tutto il week-end.

Chiude il 5 ad Hayden che con un colpo di genio trasforma da ottavo a decimo, in pochi metri, Dovizioso che, a voler vedere, resta il primo Ducati nel mondiale. Una guerra tra poveri che sarà senz’altro seguita da mille differenti pareri, ma che ha il risultato di far passare davanti pure Smith!

TAGS:
Motogp
Indianapolis
Marquez
Lorenzo
Pedrosa
Valentino rossi
Hayden
Dovizioso

I VOSTRI COMMENTI

curricurri64 - 22/08/13

docdoc ah ah bella,invece te hai ancora qualche speranza di fare il vice di uccio.
io ti riporto i fatti,a te nn rimane che rispondere con queste battute.
ps.casey stava con adriana prima che andasse in ducati a vincere.

segnala un abuso

DocDocAvanti - 22/08/13

curricurri64
Dì la verità, quando Casey ha presentato pubblicamente la sua ragazza la prima volta a te é crollato il mondo addosso... non può essere solo ammirazione, qui siamo già alla sudditanza sentimentale.

segnala un abuso

nicofull - 22/08/13

alla ducati serve una svolta drastica del progetto no come dice dovi che non ha nessuna colpa della situazione mi spiace per cruthlow perche un bravissimo pilota ed ha una moto che funziona bene secondo me i piloti che vanno a ducati fanno un salto nel vuoto e non si se ne vengono fuori

segnala un abuso

curricurri64 - 22/08/13

piccone e normale i tifosi attaccavano la ducati quando vinceva e batteva rossi,dicendo che era truccata e togliendo i meriti a casey,poi una volta salito il super collaudatore nn potevano attaccarlo dicendo che era il pilota in fase calante ,così si accaniscono contro ducati anche adesso che rossi e in yamaha e sta facendo più o meno la stessa stagione passata,considerando la moto che guida.

segnala un abuso

DocDocAvanti - 22/08/13

piccone40
Non devi confondere quelli che come me sono sì Ducatisti, ma essendo esseri umani hanno anche un limite alla sopportazione. Durante le gare mi piacerebbe verderla in azione, ma se non riesce a stare davanti in TV non la vedi mai.
Bella moto la Ducati, grande sound e progetti creativi d'avanguardia.... ma non sanno mettere a posto una moto da troppi anni ormai. Per questo devono spendere spropositi per attirare buoni piloti.

segnala un abuso

masma66 - 21/08/13

...
In generale tifo per moto e piloti italiani anche se ho evidentemente una scala di preferenze : Rossi, Simoncelli (quando era vivo), Melandri e Biaggi. In quest'ordine.

Però se 3 piloti in 3 anni sul 3 versioni della stessa moto (o 4 versioni ?) prendono sempre e sistematicamente in media 20 o 30 secondi dal primo ... beh allora immagino che una ragione ci sia.

E senza contare che quest'anno le Ducati private se la giocano, spesso prendendole, con le migliori CRT...

segnala un abuso

masma66 - 21/08/13

è vero sono tifoso di Rossi... mi ha fatto vedere moltissime le gare più belle degli ultimi 12 / 13 anni...
sono uno che le moto le guarda solo in TV (MGP, M2, SBK)... non ho neppure il motorino...
NON E' VERO che sono un anti-ducati ... ho gioito per la prima vittoria di Capirossi con la D16 , mi sono divertito con l'ultima vittoria di Bayleiss in MGP.
... (continua) ...

segnala un abuso