MotoGP: Marc Marquez trionfa a Laguna Seca

Bradl 2° e Rossi 3°, dopo aver subito un sorpasso storico al Cavatappi. Pedrosa 5° davanti a Lorenzo

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Marc Marquez (Honda) conquista uno spettacolare GP di Laguna Seca, battendo Bradl (2°, Honda), ma soprattutto Rossi (3°, Yamaha), beffato con un sorpasso incredibile proprio al Cavatappi. Seguono le Honda di Bautista e Pedrosa (5°), che precede le Yamaha di Lorenzo (6°) e Crutchlow. Hayden è 8°, miglior Ducati davanti a Dovizioso, mentre De Angelis è 11°. Marquez allunga nel mondiale con 163 punti, +16 sul compagno di box, Pedrosa, e +26 su Lorenzo.

Il poleman Bradl non sbaglia lo stacco sotto il semaforo e si porta al comando del gruppo, seguito da un Rossi altrettanto scattante. Parte invece a rilento Marquez, che si tira dietro Lorenzo e Bautista. E' sempre un razzo Pedrosa, che dall'undicesimo piazza risale fino al sesto posto, sfilando anche Crutchlow. Pronti-via, prova subito a scappare Stefan, marcato da Valentino, mentre Marc pasticcia e fatica a prendere il ritmo. Addirittura sbaglia linea, impenna e fa un po' da tappo. Il tutto, tenendo comunque dietro Jorge e Alvaro.

Questione di attimi e Marquez ritrova la concentrazione, trovando il passo per andare a farsi sotto a Rossi. Un vero pressing, dove lo spagnolo non aspetta: è esterno e prova il sorpasso. Proprio quando i due arrivano al Cavatappi! E' la manovra del giorno, con Marc che infila deciso Valentino, nell'ingresso a sinistra, quasi andando al contatto. Voltando poi rapido a destra e buttandosi a gas spalancato nella sabbia oltre il cordolo in discesa. Sorpassone che riporta alla memoria, quello del 46 su Stoner del 2008. Questa voltà, però, il campione di Tavullia subisce. Detto che dopo la spallata a Lorenzo di Jerez (replica del Rossi-Gibernau 2005), il giovane fenomeno di casa Honda torna a imitare le gesta storiche del suo mito in giallo, oggi avversario. 

Finiscono KO le ART di De Puniet, motore in fumo, mentre poco dopo si sdraia Espargaro. Fuori dai giochi per guai tecnici anche Smith. Mentre Bradl è sempre al comando, ma deve iniziare a preoccuparsi dell'arrivo di Marquez. Dietro Rossi naviga ormai a oltre 4" di distacco, con Bautista incollato agli scarichi. Dopo essersi nascosto per tutto il weekend svela invece le sue carte Pedrosa, che sferra il sorpasso su Lorenzo, prendendosi la quinta piazza. E' il giro di boa della corsa e Marc decide che il tedesco ha guidato il GP per troppo tempo. Arriva quindi devastante la staccata. Estrema, con cui lo spagnolo infila la sua RC213V all'interno della traiettoria, con tanto di assetto della Honda numero 93 che si scompone. A differenza del suo pilota che invece si butta in piega aggressivo ed efficace come sempre. Iniziando da qui la fuga verso il traguardo.

Nelle retrovie, con 28 secondi di ritardo, lottano per l'ottavo posto Hayden e Dovizioso. Una sfida senza esclusione di colpi, con Andrea che dopo un incrocio di traiettorie pasticcia un po' e rischia di toccarsi con Nicky. La manovra finisce a favore dell'italiano, ma Hayden non ci sta e, con l'orgoglio della gara di casa nel polso, poco dopo si rimette davanti. Li segue un ottimo De Angelis che però nel finale si vede sfilare la decima piazza da Barbera.

Posizioni che si consolidano, lasciando a Marquez l'onore di un trionfo dal sapore storico. Viste le modalità, l'agonismo e il talento messo in pista in questa epica stagione di debutto. Ennesimo passaggio di testimone, raccolto dallo spagnolo e consegnato da Rossi. Il campione di Tavullia che col sorriso sale sul terzo gradino del podio, mentre tra i due leader, si infila un Bradl altrettanto protagonista. Per Stefan il 2° posto sulla Honda clienti di Cecchinello ha il valore della prova di maturità. Limitano invece i danni gli acciaccatissimi Pedrosa e Lorenzo. I due fanno gara saggia, strategica, uno sull'altro, di fatto per conto loro. Sfida buona per rubarsi quel punto di differenza tra il 5° e 6° posto, che a fine stagione potrebbe essere decisivo.

TAGS:
MotoGP
Motomondiale
Ducati
Yamaha
Honda
Valentino Rossi
Jorge Lorenzo
Nicky Hayden
Andrea Dovizioso
Dani Pedrosa
Marc Marquez
Andrea Iannone
Cal Crutchlow
Stefan Bradl
CRT
ART
FTR
FTR Kawasaki
Laguna Seca
Gara

I VOSTRI COMMENTI

rimane solo la sbk - 25/07/13

hahahahahahahahaha.... chi la fà l'aspetti...... chi di sorpasso ferisce di sorpasso perisce.... hahahahahahahahahahahahaha il signore è grande c'è una fine per tutto... una giustizia divina.. è chiaro che non si potrà lamentare altrimenti si darebbe dello scorretto x tutto quello che ha fatto in passato... una ad una le subirà tutte...

segnala un abuso

Diego2846 - 25/07/13

Anche se Marquez è un pilota eccezionale, va molto veloce e si merita tutto quello che sta conquistando sulle piste, per me al cavatappi ha tagliato di brutto... Sono tifosissimo di Vale e forse un po' fazioso ma Marquez è andato oltre il cordolo di qlc metro... Cmq forza 46 e un pochino forza 93!!!

segnala un abuso

maxeem - 24/07/13

qui non si tratta di frignare ci sono delle regole e andrebbero rispettate!! tutto qui!!!

segnala un abuso

DocDocAvanti - 23/07/13

dimarzio34
Dovessi dare anch'io milioni allo stato italiano mi verrebbe da piangere eccome.

segnala un abuso

stefx5846 - 23/07/13

dimarzio parliamo delle gare non di cose extra
il 2007? Si Stoner-ducati nel 2007 era più forte di Rossi-yamaha

segnala un abuso