MOTOGP

Bradl è il più veloce nei test in Argentina

I piloti promuovono la nuova pista di Termas de Rio Hondo

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Cal Crutchlow

Il Motomondiale ha "scoperto" il circuito di Termas de Rio Hondo, che dal 2014 ospiterà il GP d'Argentina. Sul tracciato di 4,8 km realizzato a mille chilometri da Buenos Aires, alcuni piloti della MotoGP hanno verificato lo stato di pista e strutture. Alla fine sono contati più i giudizi positivi che i tempi del test, penalizzato dal maltempo nella seconda giornata. Il più veloce di tutti, comunque, è stato Stefan Bradl (Honda) in 1'44"188.

La pista argentina

Alle spalle del tedesco del team LCR si sono piazzati il compagno di marca Alvaro Bautista, secondo a tre decimi, Cal Crutchlow (Yamaha) ed Hector Barbera (Ftr- Kawasaki). In Sudamerica c'erano anche i rappresentanti della Moto2, Tito Rabat e Nico Terol, con il primo che ha fatto segnare il miglior tempo in 1'48"592. "La pista è molto veloce - ha raccontato Bradl - e penso che si adatti perfettamente alle MotoGP, ma la questione più grande riguarda le gomme visto che le prime indicazioni hanno detto che l'asfalto è molto abrasivo. Sono molto contento del mio giro veloce, anche se l'obiettivo era avere dei riferimenti per la gara del prossimo anno. Peccato per la poggia del secondo giorno, che mi ha costretto a percorrere solo nove giri nel pomeriggio". "Alcune sezioni sono incredibili - gli ha fatto eco Crutchlow - . Certe curve sono davvero veloci e ci sono parecchie possibilità per fare dei sorpassi. Credo che faremo delle grandi gare qua. E' stata una grande esperienza questa mia prima volta in Argentina e il benvenuto che abbiamo ricevuto è stato fantastico, così come la passione per le moto. Non vedo l'ora di tornare l'anno prossimo per correre".

Nonostante un asfalto ancora sporco e con poco grip, insomma, l'impianto è stato promosso a pieni voti. Tanto che dopo aver rimandato il suo debutto previsto per questa stagione, Dorna ha firmato un contratto triennale con gli organizzatori, confermando che il Circuito internazionale di Termas de Rio Hondo ospiterà il Motomondiale dal 2014 al 2016 compresi dopo un'assenza dall'Argentina durata esattamente quindici anni. Il tutto in attesa di poter tornare anche in Brasile, un altro mercato importante per il motociclismo e un paese pieno di appassionati desiderosi di riassaporare i GP a due ruote.

TAGS:
MotoGP
Argentina
Bradl
Termas de Rio Honda

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento