MOTOGP

Rossi campione 2013: i bookmaker dimezzano la quota

La vittoria rilancia il pesarese tra gli scommettitori, ma Pedrosa è sempre favorito

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Valentino Rossi (LaPresse)

La stagione è ancora lunga e la vittoria di Assen sembra aver aperto uno spiraglio che solo due settimana fa sembrava inesistente. E' vero che Valentino Rossi si trova a 51 punti dal leader della MotoGP Dani Pedrosa, ma con 11 gare da disputare, tutto è ancora possibile. Lo pensano pure i bookmaker, che hanno dimezzato la quota per il pesarese campione del mondo a fine stagione: dai 100,00 del post GP di Catalogna, ai 50,00 del dopo Olanda.

Chiaramente i grandi favoriti restano i tre spagnoli che guidano la classifica iridata: nonostante un quarto posto deludente, Pedrosa viene quotato a 2,00, mentre Jorge Lorenzo, protagonista di una prova eroica con il quinto posto conquistato nonostante una clavicola fratturata, sale leggermente ed è dato a 2,75. Il debuttante senza paura Marc Marquez, che si trova a 23 punti dal capofila compagno di squadra, vale 4,50. Insomma, si preannuncia un campionato apertissimo a ogni soluzione, con Rossi tornato inaspettatamente in corsa per quello che sarebbe il decimo titolo della sua carriera. Lo dicono i quotisti, ma lo dice anche la pista, visto che il Dottore pare aver trovato la soluzione ai suoi problemi di set-up della sua Yamaha. Il Sachsenring dirà se si potrà davvero scommettere su di lui.

TAGS:
MotoGP
Valentino Rossi
Yamaha
Assen

I VOSTRI COMMENTI

DocDocAvanti - 06/07/13

Spezzo una lancia per tutti i piloti che scendono in pista per farci divertire... non possiamo permetterci di dire che non ci frega se mettono in pericolo la loro vita... neanche se parliamo di Lorenzo... che é si palloso, ma pur sempre un pilota d'eccezione e merita per questo la nostra stima... punto.

segnala un abuso

Mafaet - 04/07/13

Senza Bautista,Le mans (colpa sua), sarebbe li per il mondiale.nota personale: Se invece di Lorenzo fosse stato un pilota da ultima fila, ad Assen dubito che gli avrebbero dato il fit to race.Mossa commerciale, e che con la medicina(antidolorifici da cavallo),hanno consentito che salisse in moto mettendo a rischio lui(chi se ne frega) e gli altri. Aggiungo anche che ho personalmente qualche dubbio sullo stesso materiale yamaha dato fino ad Assen...booooo a me non torna sta storia della forcella.

segnala un abuso

cicciofortino1986 - 03/07/13

@dimarzio34 vedi che è il motomondiale a girare da sempre cosi...le "telefonatine" ,come dici tu, ci sono sempre state e non solo per rossi

segnala un abuso

DocDocAvanti - 03/07/13

Mi sembra che molti perdano di vista un fatto molto importante: vincere una gara non é solo questione di avere la moto in assetto ideale... bisogna che il pilota ne sia anche convinto ed abbia fiducia nel mezzo come in se stesso. Dare Rossi per spacciato come vincitore quest'anno mi sembra prematuro. Il volo di Lorenzo insegna che nessuno dei concorrenti é immune all'insicurezza che si genera nell'incassare un high side del genere.

segnala un abuso

Diabolik72 - 02/07/13

dimarzio34 Intanto la vittoria di Rossi e' un fatto mentre la tua opinione un'illazione che lascia il tempo che trova.

segnala un abuso