MOTOGP

Dovizioso: "Ad Assen non userò la Ducati con il nuovo telaio"

"Il clima in Olanda ci sarà più favorevole rispetto a Barcellona"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Andrea Dovizioso

Ad Assen per cancellare la delusione di Barcellona. La Ducati spera di ritrovare il sorriso in Olanda, dove la MotoGP correrà sabato. "Prima di tutto in Olanda farà senz'altro meno caldo che a Barcellona e questo può giocare solo a nostro favore. Sono quindi curioso di vedere come può andare la Desmosedici: useremo la stessa moto di Barcellona e per ora non utilizzeremo il nuovo telaio", ha annunciato Andrea Dovizioso.

"Il circuito di Assen non è più com’era tanti anni fa, quando era una delle piste più belle del calendario Motomondiale, ed inoltre è completamente diversa dalle ultime piste su cui abbiamo corso quest’anno. Devo ammettere che non mi sono mai divertito troppo ad Assen e che ho solo ottenuto due terzi posti negli ultimi due anni, per cui speriamo di far meglio questa volta!", è il proposito, più o meno serio, di Dovi.

Ha invece ricaricato le batterie Nicky Hayden, che dal Montmelò era tornato a casa con la delusione di una caduta. “E’ stato bello per me tornare a casa in Kentucky per un weekend, per la prima volta dopo tanto tempo - ha raccontato l'americano - , ma ora le mie batterie sono di nuovo cariche e sono pronto per affrontare nel modo migliore le tappe prima della pausa estiva. Le prossime tre gare si svolgono tutte su piste che mi piacciono molto e Assen in particolare è un grande circuito con una grandissima storia. E’ un tracciato unico e divertente. Speriamo di poter utilizzare le informazioni accumulate nel test di Barcellona per mettere a punto la mia moto e fare una buona gara”.

Sa bene cosa li aspetta il team manager Vittoriano Guareschi: “Assen è un circuito molto guidato, dove è importante riuscire a fare un setup che renda la moto maneggevole e che comunque le consenta di affrontare l’ultima parte veloce, l’unica parte rimasta del vecchio circuito, con sufficiente stabilità. Dovremo lavorare molto bene sul setup per evitare i problemi che abbiamo avuto lo scorso anno, e quindi saranno necessari un buon bilanciamento e una buona durata delle gomme. Entrambi i nostri piloti hanno ottenuto dei buoni risultati qui nel passato: a Nicky piace molto la pista, ad Andrea un po’ meno, ma comunque ci sono le premesse per fare una buona gara ad Assen.”

TAGS:
MotoGP
Ducati
Assen
Dovizioso
Hayden
Guareschi

I VOSTRI COMMENTI

grandecaseypducati - 26/06/13

Personalmente sono contento che abbiano deciso di andare avanti con il telaio attuale(questo dimostra che il signor preziosi non e' uno sprovveduto visto che a luglio ancora non sono riusciti a migliorare quel telaio).poi c'� il discorso piloti ,e' inutile accanirsi sui telai tanto in questo momento se non hai Lorenzo o marquez o pedrosa (oppure si richiama casey)non puoi vincere.e poi fatela finita con sta storia di alzare i cilindri anteriori che siete ridicoli.

segnala un abuso

Rombodigloria - 26/06/13

@ Stilix
A dirla tutta e bene, agli inizi Honda per fare le prime moto ha copiato la nostra MONDIAL .
Il deltabox � tutto MADE IN JAPAN o, meglio, MADE IN YAMAHA. Bisogna mettersi l'animo in pace su sta storia.
Sul discorso rivisitazione motore concordo con te, come con curricurri64.
Per i malati di tecnica, come me, MANZIANA docet!!!

segnala un abuso

stilix - 26/06/13

curricurri64, Quoto totalmente e, per rispondere a Rombodigloria, ho solo detto che la gp12 e' 1 progetto sbagliato. I jap hanno copiato i nostri telai prima di cominciare afarli per conto proprio. Pero' forse non rivisitando il motore in Ducati hanno fatto confusione. Probabilmente con il telaio a traliccio qualcosa potrebbero fare, ma e' difficile a dirsi xke' in moGp tutto e' estremizzato, cio' che va bene in SBK puo' non andare bene in motoGp

segnala un abuso

Rombodigloria - 26/06/13

@ curricurri64
non sono tanto d'accordo con te. Sicuramente mai parlerei male degli ingengeri italiani, ma bisogna essere onesti. Ducati deltabox non ne ha mai fatti. Di sicuro c'è qualcuno più bravo di noi.
La stada intrapresa la condivido pienamente, ma ripeto che dall'impegno Audi mi aspettavo di più. Non è possibile andare avanti con la D16 Lab, che non dimostra passi avanti.Ieri ho espresso il concetto di prendere DALL'IGNA o qualche ingegnere jap con esperienza in telai.

segnala un abuso

curricurri64 - 26/06/13

rombodigloria
penso che come telaisti e motoristi,gli ingegneri italiani nn debbano imparare niente da nessuno.
la ducati era nata in un modo,forse sbagliato,ma il problema è aumentato quando l hanno trasformata senza ripartire da zero.
nn puoi fare un perimetrale in alluminio e mettere su un motore fatto per lo scatolato in carbonio.

segnala un abuso

gitstoner .......... - 26/06/13

o prendono un telaista giapponese con anni e anni di esperienza su quel tipo di telaio...o altrimenti è meglio che rifanno un vecchio traliccio che male che vada qualche gara almeno la portano a casa...altrimenti ci vogliono 5 6 7 anni prima di arrivare ad un telaio decente....non hanno dati e esperienza.

segnala un abuso

curricurri64 - 26/06/13

statecollegati
il motore ducati e completamente diverso si dalla honda.
il motore honda/yamaha/aprilia/suzuki e sostenuto dal telaio,quello ducati e portante,ovvero fa parte del telaio.
cmq,anchio penso che il disegno del motore è sbagliato x la mgp.
come più volte ho scritto,penso che finchè nn si alzano i cilindri anteriori,la moto continuerà a nn chiudere le curve,a meno che nn la guidi di traverso alla kingstoner.

segnala un abuso