PROVE LIBERE 1

Libere 1 a Spielberg, dalla pioggia al sole: Miller in testa, Zarco e Mir alle sue spalle

Migliore tempo del pilota australiano del team Ducati factory nel primo turno di prove sul Red Bull Ring austriaco

di
  • A
  • A
  • A
© Getty Images

Il fine settimana del Gran Premio d'Austria si apre con un turno di prove libere che inizia con l'asfalto umido e si chiude con il sole. Davanti a tutti Jack Miller con la Ducati Lenovo (01.30.756) davanti a Johan Zarco con la Desmosedici Pramac (0.618) ed alla Suzuki di Joan Mir, staccato di 810 millesimi. Quinto tempo per Fabio Quartararo (+1.017), mentre i suoi più diretti inseguitori nella classifica generale Francesco Bagnaia ed Aleix Espargarò restano fuori dalla top ten.

Le condizioni meteo dettano legge all'avvio del weekend di Spielberg. La pista austriaca si asciuga gradualmente, allungando i tempi di apprendimento di punti di staccata e gestione della nuova esse (curva 2a e 2b) e costringendo i piloti a spingere a fondo solo nelle battute finali del turno, andato in scena sotto un pallido sole. Sulla pista che dal prossimo anno sarà per lui quella di casa (nel senso della KTM), Jack Miller fa le... prove generali di 2023 e stacca tutti, migliorandosi a ripetizione e rifilando sei decimi abbondanti a Zarco e addirittura otto a Mir. Oltre al francese di Pramac ed al campione del mondo 2020, solo Jorge Martin (quarto) riesce a restare nello stesso secondo dell'australiano. Vincitore l'anno scorso del GP della Stiria (prima affermazione nella premier class) lo spagnolo chiude ad 860 millesimi dalla vetta e prova a convincere la cabia di regia di Borgo Panigale a puntare su di lui per il prossimo anno. Il suo rivale nella corsa al sellino della seconda "rossa" ufficiale (Enea Bastianini) non è comunque lontano: nona piazza per l'attuale pilota Gresini (+1.220) davanti ad Andrea Dovizioso che - al via del penultimo weekend della sua carriera - si spinge appunto fino alla decima casella.

© Getty Images

Non spingono a fondo i tre piloti in lizza per il titolo iridato: Quartararo è quinto ad un secondo e 17 millesimi dal leader e precede Alex Rins, Brad Binder (vincitore del GP d'Austria del 2021) ed il giapponese Takaaki Nakagami, in sella alla "migliore" delle Honda in pista: la RC213V LCR Idemitsu. Non vanno oltre il sedicesimo e il diciassettesimo tempo Francesco Bagnaia ed Aleix Espargarò, staccati rispettivamente di un secondo e 757 millesimi e di un secondo e 801 millesimi dalla vetta della classifica dei tempi.

Con Pecco guardingo e il duo Bastianini-Dovizioso al margine basso della top ten, non è granché brillante l'avvio di weekend dei nostri: Marco Bezzecchi stacca il dodicesimo tempo alle spalle dell'Aprilia di Maverick Vinales, Franco Morbidelli è quindicesimo davanti a Bagnaia. Diciannovesimo Fabio Di Giannantonio che precede la disastrosa Honda di Pol Espargarò e la terza Aprilia RS-GP affidata a Lorenzo Savadori, nella cui scia chiude il turno Luca Marini.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti