Piatek ha fatto la sua scelta: si è promesso al Milan. Ma occhio al Real

I rossoneri gli garantirebbero un posto da titolare, ora bisogna convincere Preziosi. Le mosse dei Blancos

  • A
  • A
  • A

Se dipendesse da Piatek, la scelta sarebbe fatta: andrebbe al Milan. Detto così sembra il preludio a un'operazione di imminente conclusione, ma tra questa premessa e il risultato finale vanno saliti molti, molti gradini. Per ora il dato di fatto è che tra le possibili candidate all'acquisto del polacco, il Milan è l'unica che gli garantirebbe un posto da titolare e la centralità all'interno del progetto.

Sembra ormai evidente che il futuro di Gonzalo Higuain è lontano da Milano, da decidere solo i tempi: a gennaio oppure a giugno, con la rinuncia rossonera al riscatto fissato a 36 milioni. Chiaro che il passaggio della maglia numero 9 sulle spalle di Piatek sarebbe una logica conseguenza di questo addio. Ripassando le altre candidature. l'Inter lo vede come alternativa a Icardi (nel caso in cui si arrivasse al divorzio) e pure a Lautaro Martinez, il Napoli lo metterebbe in alternativa a Milik, la Juventus lo prenderebbe in considerazione se si separasse da Manduzkic e il Real Madrid si sta interessando a lui come riserva e possibilmente a un prezzo ragionevole (gli inviati di Florentino Perez sono stati a Murcia per vedere il polacco del Genoa in amichevole). E proprio sul fronte-Real, nelle ultime ore, si intensificano le voci di un accordo vicino per portare Piaket già a gennaio a Madrid.

E il Milan? Procedendo per esclusione, è logico comprendere come il progetto Milan (a parità di trattamento economico euro più euro meno) potrebbe risultare tecnicamente il più gradito al giocatore. Restano da stabilire le modalità di una trattativa che attualmente non è stata impostata, se non attraverso un sondaggio e una dichiarazione d'intenti da parte di Piatek, che aspetta senza fretta. Il presidente genoano Enrico Preziosi valuta il suo attaccante intorno ai 50 milioni, una cifra che il Milan potrebbe pensare di spendere solo in caso di annullamento della sentenza Uefa sul fairplay finanziario, attualmente improbabile. In caso contrario si renderebbe necessario uno studio approfondito della situazione. Se dovesse lasciar partire subito Higuain, il Milan incasserebbe praticamente zero, se non un rimborso tecnico da parte della Juventus o del Chelsea.
Per poter prendere subito Piatek, dovrebbe essere fatto un prestito oneroso con diritto di riscatto elevato da finanziare con la rinuncia a qualche nome importante. Se invece il rimborso a favore del Milan dovesse essere il prestito di Morata dal Chelsea (quasi impossibile poi da riscattare essendo stato pagato 90 milioni), l'affare Piatek slitterebbe a fine stagione. Con il polacco che adesso aspetta e pensa a segnare, vedendo davanti a sé un futuro rossonero.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments