Red Bull: allenarsi con Fischnaller

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Allenarsi meglio e in meno tempo, aumentando i propri livelli di motivazione ed energia. Questo è quanto promette “RED BULL ENERGY H.I.I.T.”, un allenamento funzionale ad alta intensità ideato in esclusiva da Red Bull in partnership con McFIT e ispirato al training del campione di snowboard alpino, Roland Fischnaller. Presentato in anteprima oggi a Milano a giornalisti e fitness influencer, che hanno potuto allenarsi con l’atleta nella palestra McFIT in viale Fulvio Testi 29, il format “RED BULL ENERGY H.I.I.T.” sarà proposto e replicato per tutto il mese di ottobre nei 31 centri McFIT d’Italia. “Red Bull Energy H.I.I.T porta il fitness a un livello di intensità del tutto nuovo, grazie a una lezione interdisciplinare, esplosiva, super allenante e divertente”, spiega Stefano Deveteris, Trainer Corsi Live McFIT, che insieme al campione Roland Fischnaller ha ideato questa esclusiva tipologia di work out “Questo genere di allenamento intenso non solo mette alla prova la resistenza, ma riesce a portare le abilità fisiche oltre i propri limiti. Questo grazie a esercizi ad elevata intensità, pliometrici, di allenamento sportivo, di coordinazione atletica e funzionale.” Roland Fischnaller commenta così la sua partecipazione: “Sono stato felice di mettere a disposizione la mia personale esperienza di atleta per contribuire a creare un format di allenamento decisamente sfidante, che consente a chiunque lo pratichi di superare i propri limiti sia fisici che mentali, esattamente come facciamo noi atleti nel nostro sport!” Oltre a benefici per la salute fisica, l’allenamento ideato apporterà infatti anche benefici psico- sociali, alimentando la fiducia in se stessi e l'autodeterminazione, favorendo la connessione fisica e mentale e il benessere emotivo.Il format di allenamento “RED BULL ENERGY H.I.I.T.” prevede un Warm Up in cui il trainer guida i partecipanti attraverso una prima fase di riscaldamento di circa 5 minuti e in cui è indispensabile incrementare gradualmente il battito cardiaco, lavorare sulla mobilità e sull’attivazione muscolare. Il work out si struttura poi in 3 round, ciascuno dei quali composto da 3 minuti di esercizi base caratterizzati da mini sequenze in cui si alternano fasi di lavoro muscolare intenso, esercizi di equilibrio e propriocezione fino ai salti pliometrici e attività cardiovascolare intensa: 1 minuto in cui l’istruttore mostra due esercizi intensivi da alternare ogni 30 secondi, quindi 2 minuti di esercizi ad altissima intensità come piegamenti sulle braccia, affondi e plank, alternati ogni 30 secondi. L’allenamento è accompagnato dalla musica e i 30” sono scanditi dal suono di una campanella. Al termine, 45 secondi di recupero per poi passare al round successivo. A conclusione dei 3 round, sono previsti 5 minuti di defaticamento. Una corretta fase di defaticamento, infatti, è essenziale per concludere la sessione di allenamento e distendere tutti i muscoli utilizzati, nonché migliorare la flessibilità, la mobilità articolare e il raggio di movimento.

>
I giornali del 20 aprile

I giornali del 20 aprile

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Serie A: le prossime giornate

Serie A: le prossime giornate

Scudetto, Europa, salvezza: le gare fino al termine del campionato

Montecarlo, Fognini show

Montecarlo, Fognini show

Steso Coric: Fabio vola in semifinale

Inter: Dybala è già... nerazzurro

Dybala è già... nerazzurro

I tifosi sognano Paulo all'Inter e si stanno attrezzando

Separati alla nascita: le strane somiglianze nello sport

I sosia nel mondo dello sport

David Luiz-Alex Kral solo l'ultimo caso

Milan, che notte: il 5-0 al Real Madrid che ha fatto la storia

Milan, che notte: il 5-0 al Real Madrid che ha fatto la storia

Sono passati 30 anni dal capolavoro dei rossoneri di Sacchi nella semifinale di Coppa dei Campioni.

Dovizioso, bagno di folla a Roma

Dovi, bagno di folla a Roma

Il pilota della MotoGP all'inaugurazione di un nuovo negozio Ducati

I giornali del 19 aprile

I giornali del 19 aprile

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Insigne, rabbia in panchina

Insigne, rabbia in panchina

Europa League, Ancelotti lo sostituisce e lui non la prende benissimo...