• Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

PyeongChang 2018: consegnata bandiera alla Fontana

E' ufficialmente iniziato nella mattinata di lunedì con la consegna del tricolore da parte del Capo dello Stado, Sergio Mattarella, nella mani della portabandiera Arianna Fontana, il viaggio dell'Italia verso le Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018. "Questa giornata segna per me un giorno ricco di emozioni, onore e orgoglio. Vale lo stesso per tutte le persone che mi sono state accanto in questi anni" le parole della campionessa di short track.

>
Francia-Romania 0-0: sui social parte il tormentone "biscotto"

Biscottoni, citazioni e rimpianti: gli italiani reagiscono così

Lo 0-0 non sorprende nessuno. E c'è chi invoca Tuta...

Francia-Romania in bianco, l'Italia è fuori

Francia-Romania in bianco

Europeo U21, lo 0-0 fa fuori l'Italia

Commisso "Magnifico Messere"

Commisso "Magnifico Messere"

Bagno di folla a Firenze per il nuovo patron

Milano-Cortina 2026, festa Italia a Losanna

Milano-Cortina, festa Italia a Losanna

Il Cio ha scelto la candidatura italiana per i Giochi del 2026

Goggia-Moioli, dab dance per Milano-Cortina 2026

Goggia-Moioli, dab dance per Milano-Cortina 2026

I due ori olimpici supportano la candidatura italiana

Bambini senza Confini da Betlemme a Verona

Bambini senza Confini da Betlemme a Verona

Un progetto di sport per costruire la pace

GT Italiano: la Lamborghini vola a Imola

La Lamborghini vola a Imola

Affermazione nel campionato GT Italiano con Postiglione e Mul

I giornali: 24 giugno

I giornali: 24 giugno

La rassegna stampa dei quotidiani italiani ed esteri

Il Var concede il gol. E il Camerun si rifiuta di giocare...

Il Var concede il gol. E il Camerun si rifiuta di giocare...

Scene sorprendenti al Mondiale femminile, allo stadio di Valenciennes. Durante Inghilterra-Camerun, gara valida per gli ottavi di finale e già molto spigolosa fino a quel momento, il Var ha convalidato il gol del momentaneo 2-0 realizzato dalla britannica Ellen White al 49' del primo tempo e le giocatrici africane, furiose, si sono rifiutate di giocare per circa 3-4 minuti, discutendo con l'arbitro che in un primo momento aveva annullato la rete. La gara poi è ripresa, ma dopo il fischio finale del primo tempo le giocatrici del Camerun sono rimaste per cinque minuti in campo, rifiutandosi di tornare negli spogliatoi. Nella ripresa, poi, il Var ha invece annullato il possibile 2-1 di Ajara Nchout e la stessa è scoppiata in lacrime, consolata dalle compagne.