Lego, ecco la Bugatti Chiron: funziona per davvero!

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Mattoncino dopo mattoncino: ce ne sono voluti più di un milione di pezzi Lego Technic per realizzare la Bugatti Chiron in scala 1:1. Un vero e proprio gioiello, una riproduzione più che fedele della supercar della casa francese e funziona per davvero! Sì, la macchina è dotata di un motore alimentato da 2.304 motori Power Fuctions, che lavorano attraverso 4.032 ruote dentate Lego Technic, generando 5,3 cavalli di potenza. Nel test, effettuato sulla pista di Ehra Lessien, alla periferia di Wolfsburg, ha raggiunto una velocità superiore ai 20 km/h con al volante l'ex vincitore della 24 Ore di Le Mans Andy Wallace e collaudatore Bugatti. Presentata nel weekend del GP di Monza, la Bugatti Chiron in Lego sarà Piazza Gae Aulenti a Milano per un evento aperto a tutti dal 6 al 9 Settembre.

>
Italia-Usa: emozioni azzurre a Genk

Italia-Usa: le foto

Gli azzurri del Mancio in amichevole a Genk

Test MotoGp a Valencia: Viñales il più veloce

MotoGP, i test a Valencia

Primo contatto per Jorge Lorenzo con la Honda

Battesimo Aprilia-Iannone: la MotoGP versione 2019

Battesimo Aprilia-Iannone

Test di Valencia: ecco i piloti che hanno cambiato moto

Test MotoGP, ecco la Honda di Lorenzo

La prima volta di Lorenzo sulla Honda

Primo giorno da pilota Honda per Jorge a Valencia

In pista con la Lamborghini Huracàn GT3 EVO

In pista con la Lamborghini Huracàn GT3 EVO

GT3 Junior Program a Vallelunga: un posto per quattro

Mercato Inter, Marotta sfida la Juve: sette nomi nel mirino

Inter, da Andersen a Tonali: Marotta sfida la Juve

L'ex bianconero sarà nominato a.d. dei nerazzurri, nel mirino anche Martial, Rabiot e Milinkovic-Savic

Il derby è Guerra Fredda

Il derby è Guerra Fredda

Murale a Milano: Gattuso l'americano e Spalletti il cinese

I giornali: martedì 20 novembre

I giornali: martedì 20 novembre

La rassegna italiana e internazionale

Da Rivera e Baggio fino a Grifo

Ecco i 10 della Nazionale

Non solo Rivera, Totti, Baggio e Del Piero, ma anche sorprese come Benetti, Berti, Facchetti, Thiago Motta e ora Grifo