Formula E, a Berna trionfa Vergne

Sul podio anche Evans e Buemi, Lotterer e Di Grassi 4° e 10°: JEV intravede il titolo

di
  • A
  • A
  • A

Jean-Eric Vergne vince l'E-Prix di Berna e conquista un successo che lo avvicina al titolo iridato. Il francese della DS Techeetah ha tagliato il traguardo per primo tenendo a bada la Jaguar di Mitch Evans e la Nissan di Sebastien Buemi. Quarto Lotterer con l'altra Techeetah, decimo Di Grassi con la Audi: il tedesco è ora secondo in classifica a - 32, il brasiliano terzo a - 33, quando mancando due round alla fine.

Non sono certo mancate emozioni e colpi di scena nel terzultimo appuntamento della stagione. Pronti via e sono subito scintille: alla strettissima curva 1 la Virgin di Frijns finisce in testacoda e nel caos si innesca un maxi tamponamento che coinvolge diverse vetture e porta a una lunghissima sospensione, come già era avvenuto in occasione dell'E-Prix di Roma. I commissari stabiliscono che la gara debba ripartire sotto Safety Car, ma con lo stesso ordine della griglia di partenza, innescando la furia dei piloti che nell'incidente erano riusciti a guadagnare posizioni. Scatenati, nella circostanza, soprattutto Di Grassi e Massa, le cui proteste però risultano alla fine vane.

Quando la gara riparte lo spettacolo è tutto in testa, con un duello tiratissimo tra la DS Techeetah del poleman Vergne e la Jaguar di Evans. A dare una mano al leader del mondiale ci pensa un "full course yellow" dovuto al ritiro della Mahindra di Wehrlein, che congela le posizioni per alcuni minuti e fa respirare JEV.

L'ultimo quarto d'ora è adrenalina pura e la pioggia negli ultimi minuti rende l'atmosfera ancora più tesa: Vergne riesce a resistere agli assalti del neozelandese, mentre alle sue spalle si dannano i suoi diretti inseguitori nel Mondiale, Lotterer e Di Grassi. Il tedesco riesce a risalire fino ai piedi del podio (partiva 8°), mentre il brasiliano deve accontentarsi di centrare la zona punti (10°), dopo una rimonta comunque epica dalla diciannovesima casella.

In top 10 chiudono anche Bird con la Virgin "sopravvissuta", Gunther con la Dragon, Abt con l'altra Audi, Lynn con l'altra Jaguar e Felipe Massa con la prima delle Venturi. Sfortunata invece la gara del padrone di casa, Edoardo Mortara. Lo svizzero italiano è stato costretto a dare forfait dopo essere stato duramente colpito da Sims poco dopo il restart.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments