F1, dominio Mercedes in FP2

Hamilton e Bottas dominano: Vettel primo inseguitore, ma i distacchi fanno paura

di
  • A
  • A
  • A

Lewis Hamilton continua a dettare il ritmo e stampa il miglior tempo anche nella seconda sessione di libere del GP di Monaco. Il britannico ha girato in 1'11''118, tenendosi alle spalle Bottas (+ 0''081) in un turno letteralmente dominato dalla Mercedes. Terzo crono per la Ferrari di Vettel (+ 0''763), che si è tenuto dietro entrambe le Red Bull, addirittura decimo tempo per l'altra Rossa di Leclerc (+ 1''232).

Le Frecce d'Argento, in questo momento, sembrano fare uno sport a parte. Valtteri e Lewis hanno dominato anche la FP2 con una facilità disarmante, stampando tempi strepitosi sia con gomme medie sia con gomme soft. La facilità con cui la W10 fa lavorare gli pneumatici, di qualunque mescola, sembra essere la vera arma in più a Monaco, all'interno di un pacchetto comunque nettamente superiore a tutti gli altri. In ottica pole position la sfida sarà tutta tra il britannico e il finlandese, che hanno completato un giovedì perfetto, costruendo le basi per quella che potrebbe diventare la sesta doppietta in altrettanti GP. Per quello che può valere, su una pista in cui si decide quasi tutto in qualifica, anche il passo gara delle Mercedes è apparso di un altro pianeta.

In casa Ferrari è notte fonda. Vettel ha chiuso con il terzo miglior crono, ma i quasi otto decimi di ritardo dalla vetta suonano già come una sentenza. Per Seb c'è la (magrissima) consolazione di essersi tenuto alle spalle entrambe le Red Bull: 4° tempo per Gasly (+ 0''820), 6° per Verstappen (+ 0''934), che è stato alle prese con qualche problema tecnico e ha dovuto sostituire il radiatore. In mezzo alle due RB15, la Toro Rosso di uno scatenato Albon (+ 0''913), che ha confermato l'ottimo feeling con il tracciato monegasco, dopo la pole conquistata nel 2018 in F2. Da dimenticare il giovedì pomeriggio di Charles Leclerc, che ha concluso il turno con il 10° tempo dopo aver accusato problemi di grip ed essere stato a lungo rallentato dal traffico.

Davanti al monegasco hanno chiuso Magnussen con la Haas (7° a + 1''056) e le due Alfa Romeo di Giovinazzi (8° a + 1''121) e Raikkonen (9° a + 1''224). Un avvio di fine settimana davvero promettente per il pilota italiano e per quello finlandese, dopo il disastroso GP di Spagna. Crollo abbastanza inatteso, invece, per le Renault, che dopo una buona FP1 sono scivolate in sedicesima e diciassettesima posizione, con Hulkenberg davanti a Ricciardo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments