La festa di Monza e la vergogna anti-Mercedes

L'esultanza per il motore di fumo di Rosberg e le esibizioni anti-Hamilton: accade, purtroppo

di LUCA BUDEL

Imola, 1983. Riccardo Patrese è in testa alla gara. Riccardo Patrese è un pilota italiano. In qualsiasi paese del mondo il tifo sarebbe tutto per il connazionale, la bandiera della nazione. Ma Patrese ha la colpa di guidare una Brabham. Così quando finisce lungo alla variante delle acque minerali il pubblico di Imola esulta. Esulta perché a vincere è Patrick Tambay, francese che però porta in pista una Ferrari.
E’ il clamoroso esempio della maleducazione di una discreta fetta del pubblico nostrano, che da anni confonde le tribune di un autodromo con gli spalti  di uno stadio. Episodi che si verificano puntualmente pure al Mugello quando lo “straniero” si permette di battere Valentino Rossi.
Una mentalità aberrante che ha lasciato un segno profondo anche alla fine degli anni ’80, quando qualcuno pensò bene di tirare sassi a Senna e Prost durante una sessione di test a Monza. Colpa della McLaren, che con puntualità disarmante asfaltava la Ferrari. Oggi a Monza è toccato alla Mercedes. Prima una festicciola per il motore arrosto che ha tolto di gara Rosberg. Poi, sotto il podio, la  vergognosa esibizione rivolta a  Lewis Hamilton.
Un triste repertorio disponibile solo in Italia dove -  del tifo contro - siamo i veri campioni del mondo. Triste constatare che qualcuno cerchi pure di trovare una giustificazione a questi atteggiamenti demenziali.

 

  
TAGS:
Formula 1
Opinione

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X