F1, Vettel accusa Kvyat: "Mi sei venuto addosso come un razzo"

Botta e risposta prima del podio. Sulla gara: "La mia partenza non è stata perfetta, mi dispiace molto"

Vettel e Kvyat (Afp)

Attimi di tensione nel dopo gara tra Vettel e Kvyat, con il russo colpevole di una manovra azzardata al via. "Mi sei venuto addosso. Sei arrivato come un razzo, c'era anche una macchina a sinistra. Capisco che è una gara, stavolta ti è andata bene'', ha tuonato il tedesco della Ferrari nei confronti dell'avversario. E con un evidente ghigno il russo ha replicato: "Dai piantala e dimentica, siamo entrambi sul podio".

"La mia partenza non è stata perfetta, mi sono trovato in mezzo, Kvyat è arrivato con molta velocità e Kimi è arrivato a sinistra e non ho potuto far altro che prenderlo. Non è stata la cosa migliore per il team, mi dispiace molto. E' chiaro che sono molto dispiaciuto per quello che è successo, non è una bella cosa finire contro una macchina che ha i tuoi stessi colori. Peccato perchè questo ha rovinato la gara mia e di Kimi. In fin dei conti abbiamo avuto fortuna a poter proseguire e la safety car un pò ci ha aiutato", ha aggiunto Vettel. "Penso d'aver fatto una bella partenza, ho visto lo spazio e ho cercato di andare dentro, certo ho rischiato, ma continuerò a farlo", la difesa di Kvyat.

Kimi Raikkonen ha incassato il colpo, nel vero senso della parole, come è nel suo stile. "La partenza è stata un disastro. Poi ho cercato di fare il massimo possibile. E' stata una corsa non facile ma qualcosa ho ottenuto. In realtà non so cosa sia suaccesso in partenza. Sono stato colpito e sono andato in testacoda. Ho forato anche l'anteriore sinistra ed ho avuto un danno all'ala anteriore ma non ho visto quel che è accaduto. Una volta rientrato in pista mi sono trovato più o meno in ultima posizione e non avevo un buon feeling con la macchina, ma ho cercato di dare il massimo per rimontare. Seb è venuto da me a scusarsi dopo la gara ed è chiaro che non l'ha fatto apposta, ma per la gara purtroppo questo non cambia le cose", le sue parole.

ARRIVABENE: "NON VA MAI COME DEVE ANDARE"

"Rimonta nel finale? Mi sono stufato, per un motivo o per l'altro non va come deve andare, speriamo che si raddrizzi". Lo ha detto il team principal Ferrari, Maurizio Arrivabene, dopo il GP di Cina. "Cosa ho pensato dopo il contatto tra Raikkonene e Vettel a inizio gara? Poi scappa il bip in televisione...", ha aggiunto.

MARCHIONNE: "PARTENZA NON DA FERRARI"

Una partenza "dolorosa e spiacevole, non da Ferrari". Il presidente della Ferrari, Sergio Marchionne, ha commentato così, il GP di Shanghai. "I piloti sono stati eccezionali nel recuperare quello che avevano perso - ha continuato - . Sia Arrivabene che io siamo contenti, ma imbarazzati per quanto è successo tra i due piloti e speriamo che non accada in futuro". Il tedesco si è scusato più volte: "Avrei chiesto anche io scusa, ha fatto uno sbaglio innocente: si è fatto beccare da un pilota molto meno esperto di lui". La Mercedes, comunque, non sembra imprendibile: "Hamilton non andava come doveva andare. Contro Rosberg non ce l'avremmo mai fatta, ma se fossimo stati più vicini non saprei dire come sarebbe andata a finire".

TAGS:
F1
Vettel
Raikkone
Ferrari
GP Cina
Kvyat
Red Bull

Argomenti Correlati

VOTATE

F1, Vettel "sperona" Raikkonen al via: ha colpe?