F1, Ferrari volano nelle Libere 3

Tempo strepitoso di Vettel, con Raikkonen alle sue spalle. Mercedes e Red Bull lontane

di
  • A
  • A
  • A

Sebastian Vettel è il pilota più veloce nella terza sessione di libere del GP di Singapore. Dopo il botto che aveva chiuso anzitempo il suo venerdì, il tedesco della Ferrari si è messo a volare con un super 1'38''054, tenendosi dietro l'altra Rossa di Raikkonen (+ 0''362). Decisamente più ampi i distacchi di Mercdes e Red Bull, a parità di gomme: Hamilton 3° a + 0''504, Bottas 4° a + 0 ''549, addirittura oltre il secondo Ricciardo e Verstappen.

La grattata al muro che aveva compromesso la sua FP2 è sembrata solo un lontano ricordo. Sebastian Vettel ci ha messo poco a mettere le cose in chiaro, stampando nel giro di un paio di stint un crono spaziale e inavvicinabile per chiunque. Raikkonen è stato il solo a sfiorare la prestazione del vicino di box, ma il ritardo del finlandese si è comunque assestato oltre i tre decimi e mezzo. La sensazione, in ogni caso, è che le Rosse abbiano tutte le carte in regola per replicare la doppietta in qualifica di Monza.

I grattacapi, al momento, sono tutti per la Mercedes, visto che sia Hamilton sia Bottas si sono presi oltre mezzo secondo di distacco da Seb, soffrendo specialmente nel primo settore, quello più veloce. L'ennesima prova che, in termini di pura prestazione del motore, la Ferrari è ormai un passettino avanti a tutti.

Discorso simile per le Red Bull, che avevano illuso chiudendo al comando la prima sessione del venerdì. Anche per i due "torelli" è il primo settore a fare la differenza in negativo e considerati i tempi finali, ancora una volta pare chiaro che Verstappen e Ricciardo saranno costretti a fare da spettatori alla sfida Ferrari-Mercedes in qualifica.

Nella top 10 dell'ultimo turno hanno chiuso anche un ottimo Grosjean con la Haas, la coppia Force India Ocon-Perez e la McLaren di Alonso. Solamente 16° tempo per il futuro ferrarista Charles Leclerc, con la sua Sauber-Alfa Romeo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments