F1, il sindaco di Imola incontra Ecclestone per riavere il GP

"Vogliamo fare la nostra parte per mantenere una gara in Italia. L'orizzonte è il 2017". Monza trema sempre di più

F1, il sindaco di Imola incontra Ecclestone per riavere il GP

Imola sta facendo di tutto per riavere il GP di F1 e per questo il sindaco Daniele Manca ha incontrato a Londra Bernie Ecclestone. "Gli abbiamo voluto manifestare la volontà di riavere la F1 - ha spiegato - , ma innanzitutto vogliamo fare la nostra parte per mantenere un GP in Italia, anche in una prospettiva di alternanza tra circuiti. Abbiamo presentato il nostro progetto di rilancio sull'Autodromo, gli investimenti che abbiamo fatto e che faremo".

"Ecclestone ci ha detto che non sarebbe mai voluto andare via da Imola, anzi, ci ha tenuto a ricordare che fu lo stesso Enzo Ferrari a chiedergli di organizzare un GP nel nostro circuito. Da parte sua non ci sono preclusioni. Ovviamente resta lo scoglio economico, ma lo stesso Ecclestone si è impegnato a verificare in quali tempi e modi sia possibile programmare un ritorno della Formula 1 a Imola. L’orizzonte è il 2017", ha aggiunto. Con lui c'erano anche il presidente di CON.AMI, Stefano Manara, e il presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense. Il rischio, sempre più alto, è che a saltare sia Monza, in difficoltà (non solo lei) a pagare il 20 milioni di dollari richiesti per l'organizzazione di un GP. Imola, invece, è fuori dal circus dal 2006.

TAGS:
F1
Ecclestone
Imola
Manca

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X