Dramma Bianchi, parla il papà: "Jules? Aspettiamo un miracolo"

Sette mesi fa lo schianto in Giappone, il padre non si arrende ma ammette: "Non ci sono stati i progressi attesi"

Jules Bianchi, foto IPP

"Finché c'è vita c'è speranza, seppur dopo un po' di tempo anche noi aspettiamo un miracolo". Parole amare quelle di Philippe Bianchi, padre di Jules, il pilota francese della Ferrari Academy che il 5 ottobre scorso si schiantò a Suzuka con la sua Marussia contro una gru e da quel giorno lotta su per la sopravvivenza in un letto di ospedale: "Jules combatte - afferma il papà a Canal Plus -, ma non ci sono stati i progressi neurologici che speravamo".

"E' vivo e lotta con le armi che ha, questa per noi è la cosa più importante - aggiunge Philippe, che definisce la situazione 'stagnante' e ammette di alternare momenti di speranza ad altri di rassegnazione -. Ogni mattina in casa quando ci svegliamo il nostro pensiero va alla vita di Jules, ma pensiamo altrettanto spesso alla sua morte, perché non possiamo fare altrimenti. Sta diventando sempre più difficile".
Nel frattempo, in occasione del Gran Premio di Montecarlo, la Manor Marussia indosserà per tutto il finesettimana un braccialetto rosso per ricordare il pilota francese che proprio nel Principato lo scorso anno tagliò il traguardo in nona posizione, regalando alla scuderia britannica i suoi primi punti in Formula Uno.

TAGS:
Jules bianchi
Formula 1

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X