Affidabilità e strategia: depressione Ferrari

Un'altra domenica da dimenticare per gli uomini in rosso

di LUCA BUDEL

Affidabilità e strategia: depressione Ferrari

Dai sorrisi del sabato all’amarezza dopo un’altra domenica vissuta sotto traccia. Bastano 24 ore per ribaltare l’umore degli uomini in rosso, gasati dalla sorprendente prestazione in qualifica e al limite della depressione appena archiviati i 300 chilometri di Suzuka. Sotto accusa l’affidabilità, con il cambio sostituito sulla macchina di Raikkonen che Kimi ha pagato con la retrocessione di 5 posizioni sulla griglia di partenza, ma anche scelte strategiche poco comprensibili, con Vettel mandato in pista con gomme morbide nell’ultima parte della gara.

Insomma il bilancio della trasferta giapponese è ancora al limite della sufficienza. Dal confronto con l’edizione dell’anno scorso emerge un dato interessante. Nel 2015 Vettel chiuse al terzo posto con 20 secondi di distacco da Hamilton, quest’anno il distacco è lo stesso ma Seb ha perso una posizione. Cifre che ribadiscono quanto il potenziale della Ferrari non sia cresciuto come si attendevano a Maranello.

Nel frattempo la Mercedes ha già celebrato il titolo mondiale costruttori, la Red Bull ha incrementato il suo vantaggio arrivando a + 50 sulla Ferrari e Vettel è scivolato al sesto posto nella classifica piloti, agganciato da Verstappen che a parità di punti ha una vittoria all’attivo. Insomma le buone notizie sono finite subito dopo le qualifiche, con una prestazione che gli uomini in rosso non riuscivano a spiegarsi. Infatti, in poche ore, tutto è tornato alla normalità.

TAGS:
Motori
F1
Formula 1
Ferrari
Vettel
Raikkonen

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X