Formula 1: Jean Todt sotto accusa per gli alcolici sulle vetture

Il presidente della Fia è un ambasciatore della sicurezza stradale, ma non ha ancora bandito gli sponsor scomodi

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

La Williams, foto IPP

Jean Todt, presidente della Fia, è finito nel mirino delle associazion sulla sicurezza stradale e anti-alcol. L'ex team principal della Ferrari, infatti, è reo di non aver bandito dalle monoposto il brand di alcuni super-alcolici nonostante il suo appoggio alla campagna sulla sicurezza stradale. Ma alcuni sponsor come Martini, Johnnie Walker e Smirnoff garantiscono alle scuderie e allo stesso circus introiti imponenti, di cui è impossibile fare a meno.

Ormai da mesi la Formula 1 è in attesa di un'altra rivoluzione epocale, dopo quella che dal 2008 cancellò in modo definitivo gli sponsor del tabacco dalle livree delle monoposto. Ma bandire anche gli alcolici non sarà facile. Jean Todt e la Fia continuano a rivestire il ruolo di ambasciatori per la sicurezza stradale, ma mandare in pista le auto che sponsorizzano alcolici è un controsenso evidente. Le associazioni di categoria si sono arrabbiate ma, in attesa di un replica da parte del massimo organismo della Formula 1, il 'Telegraph' ha fatto un paio di conti. I colossi degli alcolici sono tornati in Formula 1 recentemente. E hanno investito in modo pesante. 

Martini contribuisce alla crescita della Williams con 10 milioni di dollari l'anno, Johnnie Walker è il fornitore ufficiale di whisky per l'intero circus e "dona" alla McLaren 15 milioni a stagione. A maggio, la Smirnoff (nota marca di vodka) ha stipulato un contratto milionario con la Force India. Mandare via i produttori di alcol significa far chiudere le scuderie, soprattutto le più piccole. Forse è per questo che Todt e i suoi colleghi si nascondono. Anche a costo di sembrare incoerenti...

TAGS:
Jean Todt
Formula 1

I VOSTRI COMMENTI

cannatello - 13/11/14

bastaaaaaa!!!! Non ne posso più di questi divieti... chi farà gli incidenti saranno sempre i soliti... non mettiamo in mezzo alcol o sigarette per piacere, altrimenti si ferma il mondo....bastaaaa

segnala un abuso

Baronerosso21 - 12/11/14

Qualche anno fa hanno censurato e proibito la sponsorizzazione del tabacco sulle vetture ma la gente continua a fumare, ora vorrebbero proibire i super alcolici ma la gente continuerà ad ubriacarsi e mettersi al volante come pure ci sono tante campagne contro l'uso del cellulare ma si continua a guidare con lo smartphone tra le mani.

segnala un abuso

robindohh - 12/11/14

Basta con queste ridicole sternazioni perbeniste ipocrite, la gente che vuole bere e/o fumare lo fa con o senza le sponsorizzazioni sulle formula1, quindi è un discorso stupido.
Prima ci si lamente che ci sono pochi investitori nel circus, e poi si impedisce alle aziende piu danarose di potersi fare pubblicità pagando le scuadre.
Con la libertà di sponsorizzazioni tabaccaie hrt, marussia, catheram, sarebbero ancora parte del circus.

segnala un abuso