Bianchi, la Marussia contro la Bild: "E' falso che non rallentò"

Il team smentisce l'indiscrezionie dei tedeschi, secondo i quali al francese venne ordinato di continuare a spingere dopo le bandiere gialle

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Jules Bianchi, Foto AFP

La Marussia smentisce i tedeschi della "Bild", secondo i quali a Jules Bianchi sarebbe stato ordinato dalla stessa squadra di non rallentare dopo l'esposizione della bandiere gialle in seguito all'uscita di Sutil. "Jules rallentava mentre i commissari sventolavano le doppie bandiere gialle. Questo è un fatto inconfutabile come provano i dati della telemetria che la squadra ha trasmesso alla Fia", recita il comunicato della stessa Marussia.

"La Marussia - prosegue la nota - è scandalizzata e in collera dopo questi articoli. Il pilota è in condizioni critiche all'ospedale e la squadra ha indicato chiaramente che la sua priorità assoluta era sostenere Jules e la sua famiglia: in queste circostanze siamo molto dispiaciuti di dover rispondere a rumors e inesattezze sulla dinamica dell'incidente. Queste accuse sono del tutto false e la squadra non aveva altra scelta. Una copia sonora e una trascrizione dei colloqui con Jules e il team sono stati trasmessi alla Fia e dimostrano che in nessun momento antecedente all'impatto la scuderia ha chiesto o suggerito a Jules di accelerare".

TAGS:
F1
Marussia
Bianchi
Bild

I VOSTRI COMMENTI