F1, Gp Germania: Rosberg padrone, Alonso quinto

A Hockenheim il tedesco vince per la prima volta il Gp di casa e allunga in classifica piloti su Hamilton, terzo dopo una grande rimonta

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Rosberg, Foto Afp

Rosberg padrone di Hockenheim. Il tedesco vince per la prima volta in carriera il Gp di Germania, riportando la Mercedes sul gradino più alto del podio nella corsa di casa dopo 60 anni di digiuno. Alle sue spalle si piazzano Bottas e un grande Hamilton, che però perde punti importanti in classifica generale sul compagno di squadra. Quinto Alonso, autore comunque di una grande gara; solo undicesimo Raikkonen.

Partenza scoppiettante, alla prima curva Rosberg tiene in prima posizione ma poco dietro di lui succede di tutto: Magnussen e Massa danno vita ad un incidente spettacolare ma per fortuna privo di conseguenze, col brasiliano che si cappotta ed esce illeso dalla sua vettura. Situazione positiva per Alonso, che si ritrova quarto dalla settima posizione di partenza: davanti a lui ci sono il leader Rosberg, Bottas e Vettel, dietro invece c'è Hamilton che prova la disperata rimonta dopo essere partito in 20esima piazza. Gara ad alto tasso d'intensità, con svariati sorpassi e l'ennesimo duello stagionale tra il campione del mondo Sebastian Vettel e Alonso: lo spagnolo è il primo a rientrare ai box al giro 12, dopo tre tornate è la volta del tedesco che esce dalla pit-lane poco dietro al rivale ma lo sorpassa con una pregevole manovra che coinvolge anche Raikkonen, passato da entrambi i piloti.

Hamilton prova una tattica diversa rispetto agli avversari e resta in pista a lungo, così come Raikkonen che trova un sussulto d'orgoglio coi sorpassi su Sutil, Grosjean, Perez, Magnussen e Vergne e grazie alle supersoft agguanta la nona piazza. Al giro 37 Alonso scalza ancora Vettel, che alla lunga però dimostra di avere un ritmo gara migliore e si assicura la quarta posizione: lo spagnolo, rallentato da problemi tecnici, si gioca la quinta piazza in uno strepitoso duello fatto di sorpassi e controsorpassi con l'altro uomo Red Bull Daniel Ricciardo: alla fine ha la meglio proprio Fernando, che rosicchia punti in classifica generale sull'australiano. Nell'altro duello di giornata, quello per la seconda posizione alle spalle di Rosberg, è un sempre più convincente Bottas a trionfare su Hamilton. L'altro pilota della Ferrari, Raikkonen, chiude solo undicesimo. Prossimo appuntamento tra 7 giorni a Budapest, sul circuito dell'Hungaroring.

TAGS:
F1
Gp germania 2014

I VOSTRI COMMENTI

paolinorm - 21/07/14

Aveva due giorni di vantaggio, la SC sarebbe stata un'ingiustizia e cmq ginetto non ha superato Bottas figuriamoci se avrebbe superato Rosberg.

segnala un abuso

kevin8 - 21/07/14

La prossima volta per favorire ancora il biondino cosa si inventeranno?

Finora pare evidente che la FIA voglia Rosberg campione del mondo...

segnala un abuso

Ale55andr082 - 20/07/14

la safety non è uscita per non rovinare la festa ai tedeschi... ma il distacco del duo mercedes è ridotto e a meno che a lewis non gli parta un pezzo a gara sarà lotta sino alla fine, ci sono ancore molte gare per scrivere l'epilogo. La williams si conferma una grande vettura, e non ha nemmeno raccolto davvero quanto poteva, vuoi per errori strategici, vuoi per sfortuna. E il merito non è il solo motore mercedes che hanno anche altri...è anche ben progettata aerodinamicamente e telaisticamente

segnala un abuso

Ale55andr082 - 20/07/14

Kimi sa' fare molto meglio di cosi'

concordo, vale molto più di così, ma quando la macchina non ti piace e il feeling non lo senti, non puoi fare la differenza. Ad ogni modo la gara è stata divertentissima, una delle migliori, con tante lotte. Una parola per il povero massa che è l'emblema stesso della sfortuna, anche con una buona vettura gliene capitano di cotte e di crude. Reputo errata la strategia x nando, dovevano fermarlo prima anche se alla fine correva sul cerchione

segnala un abuso

PAOLO1981rm - 20/07/14

Sta diventando ridicola ormai l'idolatria Alonsiana, parte 7, al via ne escono 3 e arriva 5 rischiando di farsi passare da uno di quelli usciti all'inizio.
Il compagno peggio ancora, ma quale grande gara essù, un pò di onestà!

segnala un abuso

icoluis - 20/07/14

scandaloso tutto per favorire rosberg, 3 giri senza mandare la safetycar, se hamilton stava primo entrava in meno di un secondo

segnala un abuso

fabiellone - 20/07/14

..e ti pareva...che HAMILTON non c'ha messo del suo x fare una rimonta dal 20 posto al terzo,era suo dovere!no,no,niente di cui complimentarsi!e certo!se fosse stato il sig.ALONSO...apriti cielo!lo avrebbero fatto santo subito,boh,sara',ma con questo sono 5 ANNI CHE IL FENOMENO E A ZERO TITULI!

segnala un abuso