Coppa del mondo coperta dai diritti, la Fifa vieta il casco di Nico Rosberg a Hockenheim

Il tedesco voleva celebrare la vittoria del Mondiale nel prossimo Gran premio casalingo

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Casco Rosberg, foto Twitter

Voleva celebrare la vittoria della Germania al Mondiale con un casco speciale ma dalla Fifa è arrivato lo stop. La Coppa del Mondo, infatti, è coperta da diritti d'autore e Nico Rosberg non potrà 'indossarla' nel Gran Premio di domenica a Hockenheim. Tuttavia, l'entourage del pilota attualmente in testa al campionato di Formula 1 non demorde: il casco non avrà il trofeo ma manterrà le 4 stelle con le date dei mondiali vinti dalla Mannschaft.

Coppa del mondo coperta dai diritti, la Fifa vieta il casco di Nico Rosberg a Hockenheim

L'aggiornamento, dopo la diffida arrivata dalla fifa, è stata comunicato attraverso Twitter da Georg Nolte, manager del pilota della Mercedes. Sulle stelle, per il momento, la Fifa non può vantare copyright.

TAGS:
Nico rosberg
Georg nolte
Fifa
Brasile 2014
Hockenheim

I VOSTRI COMMENTI

gfossati58 - 18/07/14

come al solito la FIFA ha perso una buona occasione per stare zitta...

segnala un abuso

torakiki il giustiziere - 17/07/14

penso che la fifa sia a dir poco patetica...mi auguro che il gioco calcio fallisca......

segnala un abuso

frankiebeerross - 17/07/14

Diritti?,e allora tutte le copie della coppa del mondo allora?...............................non si rispettano neanche i diritti umani!..........................ma per favore!.

segnala un abuso

PELLEGATTI IDOLO 85 - 17/07/14

x MIlan Silva

Anche Malta mi pare annovera 4 titoli mondiali: i FIFA WORLD PIPPE CUP vinti in finale con san marino e andorra,

segnala un abuso

MilanF1 - 17/07/14

Rosicando ??
Zero.

E' una questione di diritti, se non sapete non giudicate.
Come non si può usare il marchio F1 in altri sport, uguale è la coppa del mondo.

Tra tedeschi e italiani chi rosica ?
Ovviamente le 2 pizze in casa loro fanno ancora male!!

segnala un abuso

Milan Silva - 17/07/14

Forse quelli che hanno deciso questa cosa sono italiani e stanno rosicando ancora che la Germania vi ha raggiunti.

segnala un abuso