Schumacher, rubate le cartelle cliniche dall'ospedale di Grenoble

Bild: "Offerte ai media". La portavoce dell'ex pilota tedesco: "Non vanno né acquistate né pubblicate"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Schumacher, foto IPP

Rubate le cartelle cliniche di Michael Schumacher dall'ospedale di Grenoble e messe in vendita. A rivelare l'incredibile episodio è la versione on line del quotidiano tedesco 'Bild'. Notizia poi confermata dal comunicato ufficiale emesso dalla portavoce dell'ex campione di Formula Uno, Sabine Kehm: "Questi documenti non vanno acquistati o pubblicati. Agiremo in tutti i modi per evitare che questo accada", ha aggiunto. La polizia sta indagando.

"Nei giorni scorsi documenti e dati" sullo stato di salute di Schumacher "sono stati rubati e offerti ai media in cambio di soldi". si legge nel comunicato della portavoce dell'ex campione di Formula Uno - Chi offre questi dati - precisa la nota - sostiene che si tratti della cartella clinica di Michael. Non possiamo giudicare se i documenti sono autentici, ma il fatto è questo: i documenti sono stati rubati e il furto è stato denunciato. Le autorità sono state informate. Attiriamo l'attenzione dei media sul fatto che l'acquisto di tali documenti-dati e la loro pubblicazione è vietata. I dati provenienti da cartelle cliniche sono altamente confidenziali e non possono essere resi pubblici. Saremo quindi, in ogni singolo caso, tenuti ad adire alle vie legali nei confronti di qualsiasi pubblicazione del contenuto o riferimento alla cartella clinica".

Schumacher, vittima di un incidente sugli sci il 29 dicembre 2013, è stato ricoverato per circa 6 mesi nell'ospedale di Grenoble. Solo pochi giorni fa, dopo essere uscito dal coma, l'ex pilota tedesco è stato trasferito a Losanna.

TAGS:
Formula Uno
Schumacher
Bild

I VOSTRI COMMENTI

Arturo.Vidal.94 - 24/06/14

dico solo 1 cosa: PRIMA DI APRIRE BOCCA CONTATE FINO A 100

segnala un abuso

FRA_BRI - 24/06/14

@fakhetti sei normale? "non lo trovo così asurdo se uno paga sono libero di fare quel che voglio" pubblicare una cartella clinica contenente dati sensibili senza autorizzazione, è reato, comprare è ancora reato, pubblicare dopo aver comprato è un reato!!! NON sei libero di fare quello che vuoi, non sei libero di giocare con la vita delle altre persone, è come dire be io compro una bomba, una volta comprata faccio quello che voglio!!!

RAGIONAMENTO SENSATO!!!

segnala un abuso

fakhetti - 24/06/14

è stato un personaggio famoso quindi nel bene e nel male se ne parla....trovo non giusto publicare le cartelle ma non lo trovo così asurdo se uno paga sono libero di fare quel che voglio-

segnala un abuso

Lenders - 24/06/14

zuthroy
esatto , mica volevo dire che ha gia smesso di vivere , ma che non ha speranze di guarigione

segnala un abuso

zuthroy - 24/06/14

@ sneijder_7
credo che Lenders volesse dire che secondo lui è già morto ma non fisicamente... cioè che i medici sanno che la situazione non prevede miglioramenti. OVVIAMENTE spero non sia cosi, ma la vedo dura.

segnala un abuso

lorenzomilan4ever - 24/06/14

che schifo..non ho parole..ci mancherebbe anche che le pubblicassero..sarebbero proprio degli sciacalli

segnala un abuso

dust56 - 24/06/14

Che squallore dietro questa triste storia. Che sciacalli!

segnala un abuso