Formula 1, la Ferrari non lascia: "In prima linea per il bene del Circus"

Luca di Montezemolo: "Serve spettacolo, la F1 deve restare un punto riferimento come Mondiali e Giochi"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Luca di Montezemolo - IPP

La Ferrari non divorzia dalla Formula 1, ma al contrario si è sentita in dovere di muoversi per correggere la rotta che questo sport pare aver preso. Luca di Montezemolo ha inviato una lettera a Ecclestone e al presidente del fondo che possiede la Formula 1: "Serve il contributo di tutti, tra team, sponsor, promotori e media affinché si possano riequilibrare i valori chiave della F1, che deve restare un punto di riferimento come Mondiali e Giochi".

Il matrimonio tra la Rossa e il Circus dura da oltre mezzo secolo e per questo la casa di Maranello ha voluto schierarsi in prima linea per cercare di migliorare l'attuale situazione della Formula 1. L'iniziativa del presidente della Ferrari, Luca di Montezemolo, è stata presentata attraverso una lettera inviata al titolare dei diritti commerciali, Bernie Ecclestone, e al presidente del fondo che possiede la Formula 1. Nessun ultimatum, nessuna minaccia, ma la chiamata a raccolta di tutti gli attori coinvolti nella categoria affinché ci si possa sedere intorno a un tavolo per ideare nuove proposte che consentano alla Formula 1 di rimanere un punto di riferimento nell'ambito sportivo, al pari di manifestazioni planetarie come Olimpiadi e Mondiali di calcio.

La presa di posizione della Ferrari arriva dopo l'allarme lanciato da Montezemolo in un'intervista al Wall Street Journal dove il n.1 della Rossa aveva parlato della possibilità di lasciare la Formula 1 e dedicarsi alle gare endurance. "La Formula 1 non funziona - aveva detto Montezemolo al Wsj - E' in calo perché la Federazione ha dimenticato che la gente guarda le gare per le emozioni che suscitano".

Nella lettera inviata a Ecclestone, invece, il n.1 del Cavallino ha invitato a un brainstorming collettivo da parte di un gruppo che è chiamato ad agire per il bene della Formula 1. "Serve il contributo di tutti, tra team, sponsor, promotori e media - afferma la scuderia di Maranello - affinché si possano riequilibrare i valori chiave della Formula 1".

All'idea di workshop il Presidente Montezemolo vorrebbe invitare anche attori di primo piano che al momento non sono coinvolti o lo sono in maniera parziale: nuovi media, social network, colossi come Google e Apple che lavorano in funzione delle persone. La Formula 1 - sottolineano alla Ferrari - "deve essere basata sull'innovazione tecnologica, la ricerca e lo sviluppo ma tutto questo deve avere costi sostenibili e soprattutto deve essere portato avanti nell'ambito di un prodotto che sia in grado di offrire spettacolo. Perché allo spettacolo sono legati i partner commerciali, gli sponsor e soprattutto i tifosi, i veri consumatori del prodotto Formula 1. Trovare il giusto mix tra questi ingredienti - conclude la Rossa - sara vitale per la sostenibilita e il successo futuro del nostro amato sport".

TAGS:
Formula 1
Ferrari
Montezemolo
Ecclestone

I VOSTRI COMMENTI

juventinopicionestellare-sapri - 17/06/14

è LA F1 CHE HA BISOGNO DELLA FERRARI

segnala un abuso

loretobike - 16/06/14

se vogliono una f1 spettacolare bastano poche regole
1) benzina libera ognuno parte con il carburante che vuole
2) due mescole di gomme e ognuno sceglie quelle che vuole
3) aumentare l'incidenza dell'ala posteriore per avere più aderenza in curva e poter rimanere in scia per favorire i sorpassi anche nel misto
4) e per ultimo un punto per ogni sorpasso per i piloti tranne i doppiati

segnala un abuso

rossonerisiamnoi - 16/06/14

-Via i cambi gomme, Via i rifornimenti, Via l'ala posteriore, via il Kers/Ers.

Se togli rifornimenti e cambio gomme rimane tutto tale e quale, un gp dove si cerca di risparmiare gomme e carburante
Tra l'altro una stagione senza cambio gomme l'abbiamo già vissuta nel 2005, con la scenetta penosa al gp degli USA (ecco a cosa si è dovuti arrivare per mettere fine al dominio Ferrari........)

segnala un abuso

zenoonez - 16/06/14

Io do ragione a Montezemolo, quello che dice è vero, la F1 non è ecologia e motori ibridi, la Formula 1 è competizione allo stato puro, gas a manetta e via finchè ce n'è. Però mi domando: dove era quando è stato approvato l'attuale regolamento? Credo che sia stato deliberato all'unanimità dalle scuderie. Quindi, se Luca è il capo di un team che ha votato a favore di questo regolamento, non può ora venire a dire che non gli piace. Doveva forse pensarci prima, adesso mi sa che è un po' tardi.

segnala un abuso

mauronia - 16/06/14

sei tu!!! che devi lasciare!!!!!non la ferrari!!!! tu!!! sei il vero problema della ferrari!!!

segnala un abuso

torakiki il giustiziere - 16/06/14

R I T I R A T E V I !!!!

segnala un abuso