Vent'anni senza Ayrton Senna

Il 1° maggio del 1994 Imola ci portava via un grande uomo e un grande pilota

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

LUCA BUDEL

"Puoi essere buono nella vita di tutti i giorni, ma se sei buono nel nostro sport non vincerai mai niente". Pensieri e parole sono di Ayrton Senna e dopo tanti anni sono ancora utili per sottolineare la dicotomia tra l’uomo - sensibile e generoso - e il pilota - spietato e maniaco della perfezione. Le corse sono nel mio sangue raccontava Ayrton che inizia a gareggiare a 13 anni con i go kart spopolando nei campionati sudamericani. Poi la decisione di emigrare in Italia per diventare pilota professionista.

Si fa chiamare ancora Da Silva, il cognome di papà. In pista è un fenomeno ma il titolo mondiale non arriva mai. Il secondo momento decisivo nella carriera del giovane Ayrton risale al 1981, quando si stabilisce in Inghilterra e debutta in Formula Ford. Al volante delle 1600 vince i due campionai inglesi, l’anno dopo si ripete con i 2000 di cilindrata. Tocca quindi alla Formula 3. Il campionato inglese storicamente è il più selettivo e per emergere Ayrton Da Silva sbriciola ogni record della categoria: 12 vittorie, 15 pole position e 13 giri veloci in 20 gare.

Prestazioni mostruose che non bastano per entrare in Formula 1 dalla porta principale. Alla fine lo ingaggia la Toleman, squadra da fondo classifica. Nel frattempo Ayrton decide di utilizzare il cognome della madre, Senna. Nonostante la scarsa competitività della macchina il fenomeno di San Paolo si mette in luce nel Gran Premio di Monaco piazzandosi al secondo posto sotto il diluvio. Nel 1985 lo ingaggia la Lotus dove resterà fino al 1987 regalando alla squadra inglese l’ultimo periodo di gloria. Nel 1988 corre con la McLaren e scopre quanto sia difficile convivere con un compagno di squadra di alto livello. Trattasi di Alain Prost. La coppia attraversa 2 stagioni drammatiche. Nel 1988 vince Senna, nel 1989 tocca a Prost che a Suzuka tende un tranello che ad Ayrton costa il titolo mondiale. La vendetta arriva un anno dopo sempre in Giappone. Prost è passato alla Ferrari e si gioca il campionato con Senna. Al via il brasiliano punta la macchina del francese e la sperona alla prima curva. Ayrton è campione del mondo. La vendetta è compiuta. Ma di quel gesto – una sorta di tentato omicidio/suicidio - il pilota brasiliano in seguito si pentirà. Senna resta alla McLaren fino al 1993. Fa in tempo a vincere il terzo e ultimo titolo nel 1991, battendo Mansell nonostante l’inferiorità della McLaren nei confronti della Williams.

Williams appunto. Grazie alle intuizioni geniali del progettista Adrian Newey è la squadra di punta degli anni ’90. Nel 1992 vince il mondiale Mansell, nel 1993 tocca a Prost. Senna dichiara “il pilota più forte deve correre con la macchina più forte”. Così per il 1994 Senna firma con la Williams. Nonostante una situazione tecnica eccezionale Senna non si trova a suo agio. Discute spesso con Newey, non ha fiducia nella macchina e ha grossi problemi con il volante. Già perché Ayrton continua ad utilizzare il volante di forma rotonda e le nocche delle sue mani toccano contro la parte superiore dell’abitacolo. La macchina non può essere riprogettata così Newey cerca di rimediare togliendo strati di carbonio e lavorando sulle dimensioni del piantone dello sterzo. La stagione inizia malissimo. A San Paolo, nel suo giardino di casa, esce di pista e vince Schumacher con la Benetton. In Giappone viene tamponato da Hakkinen alla prima curva.

Così Senna arriva a Imola con zero punti in classifica, mentre in campionato Schumacher viaggia a punteggio pieno. Ayrton non è sereno e a complicare il suo stato d’animo sono due drammatici episodi. Venerdì 29 aprile Rubens Barrichello si schianta alla variante bassa. Ne esce vivo per miracolo.Il giorno dopo muore il pilota austriaco Roland Ratzenberger finito con la sua Simteck contro il muretto della curva Villeneuve. Senna è un uomo distrutto. Si aggira per i paddock con lo sguardo triste ma allo stesso tempo è consapevole che domenica deve correre. Parte dalla pole position per la terza volta consecutiva e il suo mondiale praticamente inizia a Imola. Al via della gara Pedro Lamy tampona JJ Lehto. Entra la safety car. Quando la gara riparte Senna impone un ritmo infernale per staccare Schumacher, ma il tedesco resta incollato agli scarichi della Williams. Al settimo giro l’uscita di pista alla curva del tamburello che si percorre come fosse un rettilineo. Tanti prima di Senna hanno sbattuto contro quel muretto ma il 1° maggio del 1994 è successo qualcosa di anomalo. Il casco di Senna è piegato su un lato, i soccorsi offrono l’idea del dramma. Il disperato viaggio in elicottero verso l’ospedale di Bologna serve solo a cambiare ora e luogo del decesso. La causa della morte è dovuta a un pezzo della sospensione che dopo l’impatto si è infilata sotto la visiera come un proiettile. Causa dell’incidente? Il cedimento del piantone dello sterzo, particolare sul quale avevano lavorato i tecnici della Williams. In macchina viene ritrovata una bandiera austriaca, pronta per la dedica a Ratzenberger.

Da allora in Formula 1 nulla sarà più come prima e resta ancora un dubbio su come si sarebbe sviluppata la storia di questo sport se Senna fosse sopravvissuto allo schianto. Jean Todt raccontò che Ayrton era vicinissimo all'accordo con la Ferrari per il 1995… Sulla sua tomba al cimitero di Morumbi è scritto "NIENTE MI PUO’ SEPARARE DALL’AMORE DI DIO".

TAGS:
F1
Ayrton Senna

I VOSTRI COMMENTI

hablativo - 01/05/14

Onore eterno al pilota magico nato per vivere da eroe fino all'ultimo dei suoi giorni, con lui è scomparsa la vera formula uno...Io lo adoravo nonostante non abbia mai corso per la Ferrari e questa cosa qua dice tutta la sua grandezza....Ciao Benjy e ciao a tutti voi...

segnala un abuso

brooom - 01/05/14

Il vero omaggio ad Ayrton non è quello di oggi ad Imola....il vero omaggio a Senna è dire la verità, quella che ancora oggi mette in difficoltà qualcuno.. e di cui altri evitano di affrontare l'argomento.....

segnala un abuso

benjy88 - 01/05/14

SARAI SEMPRE RICORDATO AYRTON.. ORGOGLIO MCLAREN E DEGLI ITALIANI VERI CHE AMANO LO SPORT!!GRAZIE!!OBRIGADO ANJO!!

segnala un abuso

coleron - 01/05/14

globalace mi hai preceduto, la penso esattamente come te, una vergogna si parla solo di Senna ma del povero
Ratzenberger solo pochissimi cenni.Io ricordo tutto come fosse ieri .

segnala un abuso

globalace - 01/05/14

Se ti chiami Ayrton Senna tutti ti ricorderanno, ma se ti chiami Roland Ratzenberger, anche se sei morto sulla stessa pista ed il giorno prima nessuno ti nomina....da veri sportivi occorre ricordare TUTTI!

segnala un abuso

puentosportivo - 01/05/14

ci doveva essere LUCA BUDEL e non GUIDO MEDA a presentare lo speciale con Giorgio terruzzi !!

NON CAPISCO perche' BUDEL non possa commentare/presentare !!

state peggiorando sempre piu' !!

mah !!

segnala un abuso

brooom - 01/05/14

..e noi siamo quì, che ancora rimbalziamo come tante invisibili particelle smosse dal quel tuo ultimo passaggio sul rettilineo. Il ns rimbalzo è la testimonianza della tua infinita magia....

segnala un abuso