F1: Lewis Hamilton trionfa in Bahrain

Doppietta Mercedes, con Rosberg 2°. Sul podio Perez con la Force India, che resiste alla volata con Ricciardo. Manca la velocità alle Ferrari, Alonso 9° poi Raikkonen

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Hamilton e Rosberg (AFP)

Lewis Hamilton conquista la vittoria nel GP del Bahrain in notturna, supera Manuel Fangio con 25 successi, e resiste ai continui attacchi di Rosberg, 2°. E' ancora doppietta Mercedes. Arrivo in volata per la Force India di Perez, 3° davanti a Ricciardo (Red Bull, 4° e partito 13°). Seguono Hulkenberg (Force India), Vettel (6°, Red Bull) e le Williams di Massa e Bottas. Ai margini della top ten le Ferrari, lente, con Alonso 9° davanti a Raikkonen.

Il GP numero 900 della storia della Formula 1 si rivela spettacolare e ricco di sorpassi. Al via Rosberg scatta bene dalla pole, ma Hamilton è a favore di traiettoria. L'inglese è determinato e in un paio di curve si consolida al comando della corsa. Il guizzo del giorno è però quello di Massa, che dalla settima posizione guadagna la terza! Manovra che gli permette di tenere dietro anche Perez che disturba la visibilità del gruppo con continui bloccaggi a gomme fumanti. E' subito lotta anche in casa Ferrari, con i due piloti in rosso che quasi si toccano. Alonso va subito a passare Raikkonen, che parte male ed è fortunato a non rovinare subito la sua corsa nel contatto con la McLaren di Magnussen.

Il passo di Hamilton si fa subito svelto, con Rosberg che segue e 1", mentre Massa perde 8 decimi al giro. Dietro Perez, Bottas e Button si studiano. E' invece Hulkenberg che sul rettilineo non indugia e bastona in velocità Alonso, sfilandogli la settima posizione. Force India in grande spolvero, che fa sgranare gli occhi a Montezemolo, presente nel box del Cavallino. E anche in Williams non sorridono, quando Perez si prende il terzo posto ai danni di un Massa con qualche difficoltà di tropppo in trazione. Intanto, ai margini della top ten le Red Bull danno spettacolo: Vettel (uno dei pochi partito con gomme medie) si accoda a Raikkonen, mentre Ricciardo scala le posizioni battendo Magnussen dopo un bel duello. Pasticciano invece Bianchi e Sutil, che vanno al contatto.

Al primo giro di pit-stop si mischiano le carte, ma un colpo di scena arriva dal team radio Red Bull. Ricciardo arriva negli scarichi di Vettel e chiede al muretto di poter passare perché più veloce. Gli ingegneri sono d'accordo e Seb si deve fare da parte, cedendo il quinto posto. Dopo il cambio gomme invece le Ferrari sprofondano nelle retrovie. E' il giro 18 quando Hamilton e Rosberg si scambiano le posizioni alla staccata in fondo al rettilineo. C'è quasi il contatto, ma Lewis resta davanti. E' una lotta senza riguardi e senza ordini, che al giro successivo si ripete. Nico si porta al comando, ma l'inglese non ci sta e ritrova la vetta della corsa. Un tandem Mercedes, che al giro 20 però si interrompe, perché Hamilton va al cambio gomme. A Rosbdrg non resta che resistere in pista, ma con le gomme finite è impossibile spingere. Impossibile provare un contro sorpasso ai box.

Intanto Vettel rompe gli indugi e si fa sotto a Raikkonen: dopo un pressing veloce, gli sfila il nono posto. Metà gara all'insegna del "gioco delle coppie", con le due Mercedes in vantaggio di oltre 12". Poi quattro vetture in scia, con le due Williams e le due Force India in lotta per i primi posti. Bottas va i box, lasciando Massa nel duello con Hulkenberg, che però scopre la guardia e si vede infilare dal compagno di marca, Perez. Il messicano non si accontenta, passa subito anche Massa va a prendersi il terzo posto. Un botta e risposta da cui la Williams esce battuta, con Felipe scivolato in quinta piazza. Duelli serrati, come quello tra Ricciardo e Raikkonen, dove il ferrarista resta davanti alla Red Bull nonostante le gomme ormai finite.

Brivido per Bottas che, tornato in pista si butta nella mischia, trova la scia di Ricciardo e lo passa. Ma andando poi quasi a tamponare Raikkonen in fase di staccata. Valtteri evita d'un soffio il contatto, mentre Daniel passa Kimi. Ma dietro arriva un'arrenbante Massa, che dopo poco li ripassa entrambi. Mentre Perez si accoda ad Alonso dopo il pit-stop, ma solo per qualche curva: inevitabile l'ennesimo sorpasso sulla Ferrari. La Rossa è lentissima e le prende anche da Ricciardo, che passa nuovamente Raikkonen risalendo la classifica.

Al 41° giro Safety Car in pista, dopo la spettacolare carambola di Gutierrez (illeso), che finisce speronato da Maldonado. La Sauber si ribalta letteralmente, facendo una capriola in aria, ma atterrando fortunatamente sulle quattro ruote. Commissari pronti a rimuovere la vettura incidentata, mentre i distacchi tra i primi si annullano. Le Williams entrano ai box per il cambio gomme. Allo stesso modo entrano Vettel e Rosberg. Gli altri restano in pista, in attesa che il gruppo si compatti, per il mini-GP finale. E' il passaggio numero 47 quando la Safety rientra e riparte la corsa.

Hamilton è bravo a non farsi sorprendere dall'assalto di Rosberg. Allo stesso modo Perez resiste ad Hulkenberg, mentre Button si vede passare in stereo dalle due Red Bull di Vettel e Ricciardo. Jenson è piegato anche da Massa e Bottas, che lasciano la McLaren in balia delle Ferrari, che intanto si devono guardare da Kvyat. Ma Button si ritira definitivamente, k.o. come Magnussen.

Ultimi 7 giri, con Ricciardo che sfila la quinta piazza al campione Vettel, con una manovra strepitosa e senza timori reverenziali. Daniel è scatenato e punta la Force India di Hulkenberg, passandola. Al comando, Hamilton non può gestire la corsa, perché Rosberg sferra una serie di attacchi, addirittura oltre il cordolo. Ma la bandiera a scacchi è dietro l'ultima curva e Lewis trionfa per la seconda volta di fila in questo 2014. Rosberg si accontenta del 2° posto, ma restando leader del mondiale per +11 proprio sul compagno di box. Perez firma il terzo posto, arrivando in volata con Ricciardo in scia. 

DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

F1: la Mercedes domina, Red Bull e Ferrari arrancano. Chi sta deludendo di più?

TAGS:
F1
Formula 1
Ferrari
Fernando Alonso
Felipe Massa
Red Bull
Sebastian Vettel
Mark Webber
Nico Rosberg
Mercedes
Lewis Hamilton
McLaren
Jenson Button
Sergio Perez
Kimi Raikkonen
Lotus
Monoposto
Tempi F1
Classifiche F1
Risultati F1
GP
Bahrain

I VOSTRI COMMENTI

gilles27 - 07/04/14

finalmente tornava ad essere importante il motore....peccato c'hanno messo quello del tosaerba...situazione imbarazzante e penosa,ma non e' una novita' dopo todt ferrari disastrosa, e' un dato di fatto....

segnala un abuso

ALEX190667 - 07/04/14

romano67

Hai detto bene: Il flop è sempre lì..... DIETRO!!!

segnala un abuso

romano67 - 07/04/14

ayrtonforever, il flop è sempre li dove???? sono 5 anni che sta dietro...

segnala un abuso

ayrtonforever - 07/04/14

ALEX190667 , io invece godo a vedere come ancora soffrite per dover vedere quello che secondo "voi" era un flop, e invece con una macchina penosa, é sempre li . E un certo KIMI ,quello che doveva annientare Alonso... sempre dietro...

segnala un abuso

DjArmy46 - 07/04/14

Vettel ha avuto un sacco di problemi in queste 3 gare. Guasto elettronico alla power unit in Australia. Terzo posto a Sepang con un catorcio di macchina che in rettilineo sembra una 500. E in Bahrain in qualifika ha avuto problemi al cambio, mentre in gara non gli funzionava il DRS. Mettere in discussione Vettel è proprio da tifosetti. Kimi ha subito un grande sorpasso da Vettel ieri, nel guidato, non nel dritto ;)

segnala un abuso

DjArmy46 - 07/04/14

La RB oggi fa pena, e Vettel non può fare miracoli. Alonso con macchina inferiore cosa ha fatto in 5 anni? Niente. Hamilton e Rosberg, oggi fenomeni, dov'erano quando dominava Vettel? Negli sport motoristici ha sempre contato la macchina, poi il pilota. Schumi col catorcio Mercedes sembrava un dilettante, però in Ferrari ha vinto 5 titoli.Vettel con una macchina alla pari se la giocherebbe tranquillamente, cosi come Alonso o Kimi. Sono tutti fenomeni

segnala un abuso

faber585 - 07/04/14

il problema è che se non garantisci tra le prime 10 auto uno scarto massimo di 7-8 decimi,ti puoi scordare lo spettacolo e il pilota non conterà mai niente!!!!

segnala un abuso

TheGrinder - 07/04/14

Nulla di sorprendente nel vedere le Ferrari dietro a tutte le motorizzate Mercedes e alle RB... Non azzeccano una macchina da anni e per una volta che lo fanno le cambiano i regolamenti.. Vabbè ormai è andata..
Però il fatto di vedere un pilota qualunque umiliare ripetutamente in pista a pari vettura il biondino pluricampione non ha prezzo.. Strano che gli "sportivissimi" antiferraristi non parlino di questo! ahahah

segnala un abuso