GP GIAPPONE

F1, Vettel vince a Suzuka ma rimanda la festa per il titolo

Il tedesco precede Webber e Grosjean, quarto posto per Alonso

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

ALBERTO GASPARRI

La partenza del GP del Giappone (Reuters)

Doppietta Red Bull nel GP del Giappone, 15.a prova del Mondiale di Formula 1. A Suzuka a vincere è ancora Sebastian Vettel, che però deve rimandare la festa per il titolo. Il tedesco precede sul podio il compagno di team Mark Webber e Romain Grosjean (Lotus), terzo dopo essere stato al comando nella prima parte. Poca gloria per la Ferrari: Alonso quarto davanti a Raikkonen (Lotus) e Hulkenberg (Sauber), Massa decimo dopo un drive-through.

E' stata una gara non certo facile per Vettel, che solo nella parte finale ha preso il comando delle operazioni, sfruttando anche il fatto che Webber ha puntato sulla strategia delle tre soste, contro le due del biondino, mancando così la possibilità di attaccare il primo posto. Sta di fatto che ancora una volta, la quinta consecutiva, la nona in stagione, la 35.a in carriera, sul gradino più alto del podio è salito Super Seb. E' mancata solo la ciliegina sulla torta perché Fernando Alonso, il primo degli inseguitori in classifica, doveva arrivare dal nono posto in giù per consegnare il titolo a Vettel, al quale adesso basterà comunque un quinto posto in India per fare festa. Invece lo spagnolo ha corso con intelligenza e poco per volta, dopo una partenza non irresistibile, ha scalato la classifica, chiudendo ai piedi del podio. Certo, il distacco di 45" è pesante, ma al momento il divario con chi comanda è questo. La notizia positiva per Maranello e per il secondo posto nel campionato costruttori è il disastro combinato dalla Mercedes, che ora si trova a 10 punti di ritardo dal Cavallino. Lewis Hamilton ha visto andare subito in fumo le sue ambizioni in un contatto fortuito con Vettel che gli ha bucato la gomma posteriore destra, costringendolo poi al ritiro per aver anche rovinato il fondo della sua monoposto. Nico Rosberg si è piazzato solo ottavo dopo essere stato penalizzato con un drive-through per un'uscita azzardata dalla sua piazzola box. Stessa punizione per Felipe Massa (ma lui ha superato il limite di velocità in corsia), che dopo aver anche duellato con Alonso, ha chiuso appena dentro la "top ten". Muso lungo per Kimi Raikkonen, costretto a un'insipida quinta piazza dopo un avvio difficile. Il tutto mentre il suo collega di team Grosjean è stato in grado di battagliare addirittura per la vittoria e solo al termine ha ceduto agli attacchi di Webber. L'australiano, come al solito, è scattato male dalla pole e si è fatto infilare dal francese. Poi ha corso alla perfezione e anche la tattica della terza sosta poteva essere vincente, ma quando era in rimonta è rimasto dietro a Romain per qualche giro di troppo, perdendo la possibilità di agganciare Vettel. Da segnalare la domenica super della Sauber, che ha piazzato entrambe le macchine a punti a davanti a mostri sacri come Mercedes e McLaren. Nico Hulkenberg, ancora in cerca di un volante per il 2014, ha confermato quanto di ottimo fatto in Corea, ma anche di Esteban Gutierrez, settimo alle sue spalle, ha ben impressionato.

GIRO PIU' VELOCE DELLA GARA: MARK WEBBER (RED BULL) IN 1'34"587

DITE LA VOSTRA

F1, chi ha fatto i sorpassi più belli a Suzuka?

TAGS:
Formula 1
GP Giappone
Suzuka
Vettel
Alonso
Ferrari
Red Bull

I VOSTRI COMMENTI

Nigel5 - 15/10/13

un minimo di riconoscenza verso Webber anche per tutti gli anni trascorsi potevano anche averlo in RB visto l'ampio vantaggio del fenomeno non recuperabile da alcuno.
Vergognoso.

segnala un abuso

benjy88 - 14/10/13

GLIELO AVEVO DETTO ANCHE IO.. ALESSANDRO SE C'E' UNO CHE PASSA LA VITA QUA NEI BLOG SEI TU.. SICURAMENTE SEI CAVRON.. IL NIK CAMBIA.. IL CERVELLO RIMANE!!

segnala un abuso

torakiki il giustiziere - 14/10/13

VERO QUELLO CHE AFFERMI, MA SE RICORDI TI SCRISSI AI TEMPI CHE TANTO LA MERCEDES NON SAREBBE CONTATA NIENTE IN QUESTO CAMPIONATO...DETTO FATTO...4 NELLA GRADUATORIA PILOTI E TERZA NEI COSTRUTTORI....RISULTATI NON DI PRESTIGIO ...ININFLUENTE QUINDI IL TEST DI BARCELLONA...QUELLO CHE INFLUISCE è ADRIAN NEWEY E SEBASTIAN VETTEL...LORO SI CHE SPOSTANO GLI EQUILIBRI DI QUESTO SPORT( E NON MI TIRARE FUORI LA STORIA DELLE GOMME)....SAPPIATE PERDERE ALMENO, COSA CHE LO SPAGNOLO NON Sà FARE...PRIMADONNA

segnala un abuso

Ale55andr082 - 14/10/13

toh, vedo che dopo i post che non sanno come rispondere AI FATTI, spuntano i nick clone e i post miei vengono cancellati, CHISSA' SEGNALATI DA CHI. Ti saluto benjy aka arianna, rafa71, ferretti leo, residentivil ecc ecc. e passa pure la tua vita nel blog, io ho altre faccende da sbrigare

segnala un abuso

Ale55andr082 - 14/10/13

ti rammento che i test concessi ai team NON PREVEDEVANO LA POSSIBILITA' DI PROVARE NUOVE COMPONENTI, NE ADDIRITTURA DI VARIARE L'ASSETTO, CON TANTO DI COMMISSARI FIA INVIATI A CONTROLLARE. Non c'è che dire, TRE GIORNI DI TEST MERCEDES IN CUI NESSUNO TI CONTROLLA, CON ENTRAMBI I TITOLARI CON1000KM A TESTA SONO LA STESSA COSA, OVVIO. Prima di esporsi bisognerebbe quantomeno INFORMARSI

segnala un abuso