SDOTTORATE

Sdottorate: il gigante Koulibaly, il Conte decaduto e un poker di orrori arbitrali

I temi della 25.a giornata di campionato

di
  • A
  • A
  • A

La domenica del sorpasso (virtuale) del Milan sull’Inter certifica anche il buono stato di salute della Juventus che pareggia a Bergamo in pieno recupero al termine di una gara comunque disputata su buoni ritmi e con buone trame di gioco. Milan 55, Inter 54 (con l’asterisco della partita di Bologna da recuperare) e Napoli 53: lotta a tre esclusiva per lo scudetto. Testa a testa Champions invece tra Juventus (46 punti) e Atalanta (44 con da recuperare l’incontro con il Torino). Tredici partite, 39 punti in palio più quelli dei recuperi. Insomma, ci sarà da divertirsi di qui al 22 maggio...

© Getty Images

MENTALITÀ - Magari non sarà stata la miglior partita del Milan edizione 2021-22, ma la tranquillità con cui la squadra di Pioli ha giocato nell’ultimo quarto d’ora contro la Sampdoria incoraggia le chances scudetto dei rossoneri. Praticamente mai in affanno nelle battute finali, anzi... Se uno avesse acceso il televisore intorno alle 14 senza conoscere il risultato avrebbe potuto pensare che il Milan fosse addirittura sotto.

GIGANTE - Ok, una piccola ma decisiva sbavatura in occasione del pareggio di Dzeko. Ma per il resto la prestazione di Kalidou Koulibaly sabato al cospetto dell’Inter capolista è stata sontuosa. Chiusure puntuali, straripanti uscite palla al piede, la consueta personalità. Insomma, il fresco campione d’Africa che tornava in azzurro dopo 77 giorni ha confermato di essere il Gigante che ormai da quasi otto anni abbiamo imparato a conoscere.

CRISI - Era cominciata tra squilli di trombe e rulli di tamburi l’avventura di Antonio Conte sulla panchina del Tottenham, arrivato il 2 novembre alla guida degli Spurs. Il cammino dell’ex tecnico di Juve e Inter era subito stato a due velocità: ottimo in campionato, deludente nelle Coppe, con una clamorosa eliminazione in Conference League (la Cenerentola delle coppe europee) dopo le sconfitte in Slovenia contro il Nura e a tavolino contro il Rennes e l’eliminazione nella Coppa di Lega ad opera del Chelsea. Adesso le tre sconfitte consecutive in Premier (contro Chelsea, Southampton e Wolverhampton) hanno fatto scivolare il Tottenham nelle zone anonime della classifica. L’obiettivo minimo richiesto a Conte è la qualificazione alla prossima Champions League, a disposizione anche la prestigiosa FA Cup dove, dopo il brivido del rischio eliminazione contro una squadra di C, il Morecambe, la squadra di Conte ha poi fatto fuori il Brighton e troverà adesso il Middlesbrough.

SFONDONI - Tra Serie A e B è stato a livello arbitrale un weekend disastroso. Quattro clamorosi errori/orrori hanno contraddistinto (e falsato) quattro partite. Sabato si è visto all’Olimpico il rigore meno rigore degli ultimi 40 anni (cit. Mihajlovic): penalty che sullo 0-0 ha dato il “la” alla vittoria laziale per 3-0 sul Bologna. Qualche ora dopo è stato annullato a Belotti un gol per un fuorigioco (di Pobega) francamente parso ben poco attivo, gol che avrebbe regalato al Torino il 2-2 con il Venezia. Ieri pomeriggio a Marassi una energica trattenuta su Destro al tiro (ovviamente di conseguenza sballato e sbagliato) ha negato al Genoa il possibile 2-1 sulla Salernitana. E - in Serie B - sempre ieri pomeriggio al Rigamonti il Brescia si è visto negare nell’ultima azione un evidente rigore per mani di Ba: la sfida contro l’Alessandria è finita 1-1. Insomma, come dicevano i latini: errare humanum est, persevare autem diabolicum...

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti