Serie C, Cuneo-Pro Piacenza surreale 20-0: gli ospiti giocano in sette contro undici

La squadra emiliana si presenta con sette ragazzini per evitare l'esclusione dal campionato: finisce in goleada. E Kanis è da record

twitter/MatteMiglio10

Da tempo la Pro Piacenza vive una crisi economica profonda: istanze di fallimento, ingiunzioni dei creditori non pagati, giocatori senza stipendio (da qui la fuga dell'ex Lazio Ledesma, ingaggiato lo scorso settembre), partite perse a tavolino e ultimo posto in classifica nel girone A di Serie C. Per evitare l'esclusione dal campionato, la società emiliana ha portato sette ragazzini, tutti tra il 2000 e il 2002, a Cuneo per giocare il match della 27.ma giornata andando incontro ad una prevedibile scoppola: 20-0.

Quella del Pro Piacenza è solo l'ultima storia che racconta il calcio delle serie minori, lontano da quello sfarzoso della Serie A. Tre partite consecutive perse a tavolino, la quarta sarebbe costata l'esclusione dal campionato: ecco perché a Cuneo si sono presentati in sette (numero minimo per disputare una partita professionistica).

La distinta consegnata all'arbitro dalla Pro Piacenza recitava laconicamente: 1 Sarr, 49 Di Bella, 39 Valente, 17 Migliozzi, 77 Cirigliano (segnato anche come allenatore) e 15 Del Giudice a cui si è poi aggiunto il numero 11 Picciarelli, massaggiatore della squadra. Al 62' è poi entrato il numero 3 Isufi che si era dimenticato la carta d'identità a casa consentendo alla Pro di giocare 8 contro 11 ma solo per pochi minuti visto che Picciarelli è dovuto uscire dal campo nel finale per un problema fisico.

Prima del match, l'arbitro si è confrontato con un delegato della Lega Pro fischiando l'inizio alle 15:18. A fine primo tempo di una partita "finta", undici professionisti sotto la guida di un allenatore contro sette-otto ragazzi, il risultato - ultima cosa che contava, è evidente - era già sul 16-0, nella ripresa gli avversari hanno rallentato chiudendo sul 20-0.

KANIS DA RECORD: 6 GOL IN UNA PARTITA

Hicham Kanis approfitta della situazione surreale per scrivere la storia del calcio in Italia: l'attaccante del Cuneo, di proprietà del Novara, è diventato il calciatore ad aver segnato più gol in una partita. Sei gol in 28 minuti per diventare primatista del calcio italiano anche se in una partita del tutto sui generis.

TOMMASI: "PRESTO ESCLUSIONE DEL CLUB"

"Ci sono norme etiche che vanno rispettate e spero si proceda all'esclusione al più presto". così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di Novantesimo Minuto-Rai commenta il surreale 20-0 del Cuneo al Pro Piacenza, che si è presentata con soli 7 giocatori, tutti giovanissimi, per evitare lo 0-3 a tavolino e l'esclusione dal campionato. "Il calcio di provincia è uguale per tutti, ma ci sono presidenti che vogliono entrare nel calcio professionistico, senza averne i mezzi. Tutta roba che noi abbiamo denunciato da tempo", aggiunge Tommasi il quale sostiene che "dopo tre partite già saltate, la quarta non è stata fatta saltare. Sento addirittura che avrebbe giocato il magazziniere e due ragazzi pare che non fossero tesserati in maniera corretta, si vede che c'è qualcuno che è interessato a farli giocare. Purtroppo le norme non sono sufficienti. Episodi come quelli di oggi non fanno bene a nessuno e a quanto pare la partita era anche quotata alle scommesse. Oggi è mancata la sportività, qualunque condizione di fare calcio, ed è una cosa grave".

GHIRELLI: "SLEALTÀ INVERECONDA"

"Oggi hanno violato le norme della lealtà sportiva in modo inverecondo": lo dice all'Ansa il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, commentando il 20-0 subito a Cuneo dal Pro Piacenza, che è sceso in campo col numero minimo di giocatori - sette, ma tutti under 18 - per evitare la rinuncia alla partita che sarebbe stata la quarta e avrebbe significato l'esclusione dal campionato. "Domani decide il giudice sportivo - aggiunge Ghirelli - Noi siamo obbligati a rispettare le regole che esistono".

TAGS:
Serie c
Pro piacenza
Cuneo
Fallimento
Ragazzini
Sette contro undici

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X