Serie A: Il Torino batte in casa il Parma

Ci pensa Darmian a segnare il gol della vittoria per i granata

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO MENGHINI

Nella nona giornata di Serie A il Torino torna a vincere grazie all'1-0 rifilato al Parma di Donadoni. In una gara priva di grandi emozioni è Darmian a portare in vantaggio, al 10', i granata. Gli emiliani regalano un tempo ai padroni di casa e cercano il gol nel secondo tempo: nulla da fare per Cassano e i suoi. Gli uomini di Ventura mettono punti di distanza dalla zona retrocessione nella quale, invece, rimangono confinati gli uomini di Donadoni

LA CRONACA

Nella sfida tra i 3-5-2 di Donadoni e Ventura la spunta quest’ultimo, sia per la lucidità dei suoi che per le indicazioni del tecnico granata. Il toro conquista le fasce e lì spinge, mentre il Parma parte molto arrendevole, concedendo spazi e non pressando per quasi 45 minuti. Così il primo tempo ha solo tinte granata. Ritorna ad arbitrare Gianluca Rocchi, dopo la partita tra Juve e Roma. Il fischietto di Firenze è sembrato ancora un po' incerto nelle sue decisioni (gialli discutibili a Glik e Santacroce), ma una partita corretta come quella dell'Olimpico è un ottimo modo per tornare in forma senza troppa pressione addosso.

Alla prima vera azione la squadra di casa passa in vantaggio: un ottimo Peres scende sulla destra e mette in mezzo, Amauri lascia passare e Darmian, dopo uno stop magistrale, trova il vantaggio con un tiro secco. Certo c’è della colpa da parte di Mirante, ma tutta la difesa parmigiana sta a guardare sulla conclusione dell’esterno granata. Piccola curiosità: quello di Darmian è il primo gol in serie A, arrivato nello stesso giorno, il 29 ottobre, del primo centro in serie B.

Dopo il 21esimo gol subito Donadoni non riesce a scuotere la sua squadra. Così con i gialloblù arrendevoli Quagliarella e Glik provano a raddoppiare, soprattutto di testa e da calcio da fermo. Il Torino amministra il centrocampo, cercando di lanciare le sue punte negli spazi creati dal Parma. Unica pecca degli uomini di Ventura è però Amauri: spesso toglie mobilità a Quagliarella invece di smarcarsi; inoltre fallisce un rigore in movimento quando liscia clamorosamente un cross perfetto di Peres.

Nel secondo tempo le squadre si allungano e Donadoni capisce che per costruire qualcosa deve osare: il tecnico di bergamasco capisce che il 3-5-2 non funziona e deve inspessire l’attacco. Così via Mauri e dentro una punta come Coda, che si muove attorno ad uno spento Cassano. Il Parma quindi lancia diversi contropiedi, con Acquah e un crescente Rispoli, che però non trovano la conclusione vincente. Il Toro si riorganizza, Ventura mette dentro l’idolo dei tifosi Sanchez Mino, che aiuta Quagliarella nel suo lavoro offensivo.

Alla fine il Torino esce dall’Olimpico con tre punti preziosi per la classifica. Il Parma invece rimane nell’inferno dell’ultimo posto e Donadoni dovrà spiegare a dirigenza e tifosi il perché delle 8 sconfitte in 9 gare. 

LE PAGELLE

Lodi 5 – Dovrebbe essere il fantasista del Parma, ma non inventa praticamente nulla. Donadoni gli affida le chiavi del centrocampo ma Lodi non lo amministra bene, lasciando per 60 minuti isolati Cassano e Belfodil.
Cassano 5 – Ci prova insistentemente per tutti i 90 minuti, ma viene abbandonato dalla squadra. Non ha il fisico né la forza di far salire la squadra, compito che dovrebbe avere Belfodil. Avulso dal gioco.
Darmian 7 – I primi 45 minuti sono da capolavoro: preciso in difesa e propositivo in attacco. E questa sua costanza viene premiata con il primo gol in serie A. Nel secondo tempo cala un po’ e ne approfitta Rispoli, che però non riesce a pungere come l’esterno granata.
Quagliarella 6,5 – Fa quello che dovrebbe fare Belfodil: fa salire la squadra, tiene la palla e cerca la conclusione. E a volte impensierisce Mirante.
Amauri 5,5 – La convivenza con Quagliarella è difficile, ma dall’italo-argentino Ventura si aspettava più movimento e più conclusione: oggi male.
Rispoli 6,5 – In fase difensiva soffre contro Darmian, ma nel secondo tempo, con le squadre più lunghe, trova spazi e diversi cross. Uno dei migliori dei suoi. 

IL TABELLINO

Torino-Parma 1-0
Torino (3-5-2): Gillet 6; Maksimovic 6, Glik 6 (36’ st Jansson s.v.), Moretti 6,5; Peres 7, Gazzi 6,5, Vives 6 (46’ Ruben Perez s.v.), El Kaddouri 5,5 (23’ St Sanchez Mino 6), Darmian 7; Amauri 5,5, Quagliarella 6,5. A disp.: Padelli, Castellazzi, Gaston Silva, Nocerino, Molinaro, Martinez, Larrondo. All.: Ventura 6
Parma (3-5-2): Mirante 5,5; Santacroce 5,5 (32’ st Mendes s.v.), Costa 6, Felipe 5,5; Rispoli 6,5, Acquah 6, Lodi 5, Mauri 5,5 (16’ st Coda 6), Gobbi 5,5; Cassano 5, Belfodil 5,5 (40’ st Ghezzal s.v.). A disp.: Cordaz, Sarr, De Ceglie, Zuccolini, Lucas, Iacobucci, Ristovski, Mariga, Galloppa, Ghezzal. All.: Donadoni 5,5
Arbitro: Rocchi 5,5
Marcatori: 10’ Darmian
Ammoniti: 19’ Gobbi (P), 31’ Glik (T), 13’ st Santacroce (P), 29’ st Coda (P)
Espulsi: -
Note: Cordaz (P) espulso dalla panchina per proteste.

TAGS:
Torino
Parma
Serie A
Nona giornata

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento