Milan, Maldini accetta la proposta di Gazidis: sarà nuovo dt. E porta Giampaolo

L'ex capitano a SportMediaset: "Verso l'accettazione? Assolutamente sì". Ora l'allenatore e il mercato. In attesa della sentenza Uefa sul Fair Play Finanziario

  • A
  • A
  • A

Il Milan riparte da... Paolo Maldini. Dopo essersi preso qualche giorno, l'ex capitano rossonero ha sciolto ogni dubbio e ha deciso di accettare la proposta di Gazidis: da direttore sviluppo strategico dell'area sport andrà a ricoprire il ruolo di direttore tecnico lasciato libero da Leonardo. L'ex capitano rossonero l'ha confermato ai microfoni di SportMediaset al nostro inviato, Claudio Raimondi: “Verso l'accettazione? Assolutamente si“ ha detto Maldini, che ha ricevuto le rassicurazioni che voleva su autonomia decisionale e budget a disposizione e porterà con sé il nuovo tecnico: Marco Giampaolo è il prescelto.

Dopo gli addii di Leonardo e di Gattuso, dunque, il Milan ricomincia sotto il segno di Paolo Maldini, che andrà a ricoprire un ruolo centrale nell'organigramma societario, a meno di un anno dal suo ritorno nel club rossonero in veste di dirigente. Il neo dt sarà affiancato da un direttore sportivo - il suo braccio destro - e da un collaboratore dell'area tecnica, che lui stesso indicherà. Oltre che da Geoffrey Moncada, responsabile dello scouting. Angelo Carbone, da responsabile dell'attività di base, sarà promosso a responsabile del settore giovanile al posto di Mario Beretta. Con l'ufficialità del nuovo incarico, Maldini chiuderà innanzitutto il discorso del nuovo allenatore. Il nome su cui puntare è quello di Marco Giampaolo, che darà l'addio alla Sampdoria dopo tre anni sulla panchina dei liguri. È considerato il profilo ideale per il nuovo corso: profondo conoscitore del campionato italiano e abituato a lavorare con i giovani. Per lui sarebbe pronto un contratto triennale da due milioni di euro a stagione. Poi via con le questioni di mercato: dal rinnovo di Suso ai contratti di Donnarumma e Romagnoli. Il tutto nell'attesa della sentenza Uefa sul Fair Play.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments