Lazio, Sarri: "Con Lotito rapporto molto diretto. Scontento? Non casco nelle trappole"

Il tecnico biancoceleste: "Mercato chiuso, inutile parlarne: può far male alla squadra, no alibi"

  • A
  • A
  • A

Alla vigilia del ritorno in campo della Lazio contro la Fiorentina per Maurizio Sarri è ancora tempo di parlare di mercato. O meglio di rispondere alle domande sul mercato che gli vengono fatte in conferenza e allontanare le  polemiche. Anche con toni discretamente forti: "Il mercato si è concluso, stop" ha dichiarato il tecnico della Lazio. "Inutile parlarne. Qualsiasi tipo di discorso si può ritorcere contro la squadra. Quindi non c’è più niente da dire, dobbiamo fare meglio con questi giocatori. Non devo dare alibi ai giocatori". Altrettanto laconico quando le domande si incentrano sul suo rapporto con presidente Lotito: "Ci siamo sentiti, due o tre giorni fa. È un rapporto molto diretto. La settimana di sosta coincideva con il mercato, non si è parlato del mio rinnovo. Gli dico quello che penso e lui fa lo stesso con me. Se non sono scontento? Non casco nelle trappole, ho 63 anni".

"Pensiamo alla partita di domani - ha proseguito Sarri - e poi alle altre che verranno. Con la Fiorentina sarà una sfida difficilissima, la Fiorentina in casa è tosta, i numeri parlano chiaro. Vedremo l'evoluzione della squadra nelle prossime partite".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti