Auguri e imbarazzo, la prima di Wanda e Marotta alla cena di Natale: "Magari mi ammazzano..."

Stasera la festa in casa Inter: ma le dichiarazioni sul rinnovo di Icardi rischiano di rovinare l'atmosfera

Quattrocento invitati, più uno. E quell'uno, stasera, alla cena di Natale dell'Inter peserà più di tutti gli altri messi assieme. Una festa, infatti, con il posto d'onore riservato... all'imbarazzo, inevitabile presenza a questo punto. Inevitabile dopo le parole di Wanda Nara a Tiki Taka sul passato, presente e futuro del marito, assistito e capitano nerazzurro Mauro Icardi. Sulla volontà dell'Inter di cedere Maurito alla Juve, sul rinnovo di contratto che è ancora lontanissimo, sui soldi che Suning avrebbe ma non sborsa.

"Mi sa che mi ammazzano, magari mi porterò qualcosa da casa" ha abbozzato Wanda subito dopo aver lanciato i suoi strali. Suvvia, non sarà proprio così, ma di certo il malessere che oggi attraversa gran parte del tifo interista (se non la totalità) rispecchia il fastidio che si respira in società e che aleggerà inevitabilmente tra i tavoli imbanditi della festa nerazzurra. Una cena, oltretutto, che sarà pure l'occasione per il primo incontro tra Wanda stessa e il nuovo amministratore delegato dell'Inter Beppe Marotta.

I due, infatti, sinora non hanno avuto modo di vedersi e conoscersi e lo faranno oggi in un clima quanto mai da day-after. Avranno poi modo, per forza di cose, di rifarlo spesse volte nei prossimi mesi, cercando se possibile di escludere dai loro incontri il convitato di pietra che questa sera siederà invece al loro fianco. Quell'imbarazzo che accoglierà gli ospiti ad una cena forse un po' meno festosa di quanto immaginato.

TAGS:
Inter
Icardi
Wanda Nara
Marotta
Cena di Natale
Imbarazzo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X