Genoa-Milan, interviene il Comune: “Si giochi alle 21”

La gara è stata anticipata alle 15 per motivi di ordine pubblico su indicazione dell’Osservatorio per le manifestazioni sportive

Genoa-Milan, interviene il Comune: “Si giochi alle 21”

Genoa-Milan diventa un caso. Dopo la decisione dell’Osservatorio per le manifestazioni sportive di anticipare la gara alle 15 di lunedì 21 gennaio, ecco che scende in campo il Comune di Genova. L’amministrazione della città ligure ha infatti scritto alla Lega di Serie A per chiedere di far giocare la partita alle 21 come inizialmente previsto. La decisione dell’Osservatorio su indicazione di Salvini ha scatenato la rabbia dei tifosi genoani che sui social in coro hanno esclamato: “Così non si vuole far andare la gente allo stadio”.

I supporters dei rossoblù minacciano di lasciare gli spazi vuoti, in particolare quelli della Gradinata Nord come viene evidenziato in un comunicato pubblicato dal tifo organizzato del Genoa: “Non subiremo in silenzio - si legge nella nota -. Non saranno esposti gli striscioni che abitualmente colorano lo stadio e sarà lasciato deserto lo spazio che occupiamo ogni gara”. I tifosi rossoblù, inoltre, “invitano la società a tutelare gli interessi di tutti i suoi tifosi, abbonati e non, con lo stesso impegno e puntualità con cui vende i giocatori migliori della rosa ad ogni sessione di mercato. "I tifosi del Genoa meritano rispetto, la città di Genova merita rispetto” conclude la nota.

TAGS:
Genoa
Milan
Comune di genova
Lega serie a

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X