Confederations Cup: Brasile-Messico 2-0, a segno Neymar e Jo

La Selecao è in semifinale, eliminati i centroamericani

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

PAOLO MANDARA'

La festa del Brasile, foto Reuters

Il Brasile batte 2-0 il Messico nella sfida di Fortaleza e ottiene il pass per le semifinali della Confederations Cup. La Selecao parte forte e al 9' è in vantaggio grazie a un bella conclusione al volo di Neymar, che scaglia col mancino alle spalle di Corona. Il nuovo attaccante del Barça fa reparto da solo e il Messico, dopo aver guadagnato campo, rischia di pareggiare. Ma il gol di Jo al 92' costa il 2° ko di fila e l'eliminazione dal torneo.

LA PARTITA

Il Brasile è sempre più Neymar-centrico e non ancora una corazzata indistruttibile. Sono questi i verdetti consegnati ai posteri dal match di Fortaleza, in cui la Selecao gioca a sprazzi e - sebbene in alcuni tratti rischi di dilagare - si dimostra una squadra alla portata, anche per il Messico. Un paio di buchi neri emergono nella fase di contenimento, in cui la serata non eccelsa di Luiz Gustavo e Paulinho costringe la difesa agli straordinari. Ma anche quando bisogna iniziare il gioco e proporre, la nazionale di Scolari appare poco lucida e meno determinata con il passare dei minuti. Tant'è che dopo un inizio infernale, favorito da un pubblico spettacolare e da un Neymar incandescente, gli effetti speciali abbandonano la scena e il Brasile si limita a contenere il tika-taka messicano, lento e spesso prevedibile.

Neymar però parte fortissimo, buttandosi negli spazi e approfittando dei movimenti di Fred per arrivare più volte alla conclusione. Al 9', dopo un'accelerazione di Dani Alves dalla destra, il pallone finisce sul mancino del nuovo talento del Barça, che di precisione mette alle spalle di Corona. Sembra una gara in discesa, ma poco per volta il Messico mette ordine fra i reparti e prende in mano le redini del gioco. Non dà mai l'impressione di poter affondare sul serio e solo Giovani Dos Santos, con qualche giocata sull'esterno, riesce a penetrare con discreta pericolosità. Julio Cesar non deve intervenire e può solo osservare quando una conclusione di Mier si spegne sul fondo lambendo il palo (disimpegno superficiale di Marcelo nella circostanza). Neymar sfiora nuovamente il bottino grosso con una botta terrificante dai 20 metri ma il primo tempo si esaurisce in fretta e senza emozioni.

Nel secondo tempo Scolari rivede la squadra, spedendo Oscar sotto la doccia e proponendo il laziale Hernanes. Fuori anche Hulk (al 78' fa spazio a Lucas), poco convincente e per niente astuto quando Neymar lo mette da solo davanti al portiere. Thiago Silva e soprattutto David Luiz devono mettersi all'opera per sventare un paio di minacce che il Messico, nonostante un impalpabile Chicharito Hernandez, riesce a creare dalle corsie laterali. Paulinho giustifica la richiesta di 20 milioni per il suo cartellino da parte del Corinthians, con una lunga galoppata a tutto campo (davvero pochino). Ma nel finale, quando il Brasile è ormai certo di vendicare la sconfitta olimpica di un anno fa in finale ed eliminare la squadra di De La Torre, Neymar si mette in luce con un altro numero da circo e consegna a Jo il secondo gol della serata e della Confederations. Il Brasile vince e va avanti ma l'Italia non può e non deve avere paura quando se lo ritroverà di fronte. Perchè questa non è ancora la squadra che un popolo intero sogna.

LE PAGELLE

Neymar 8 - Una partita di livello assoluto, una lampante dimostrazione che - qualora sia interessato - può vincere le partite anche da solo. Una sorta di consacrazione del Super Uomo tanto atteso: dribbling, ripartenze, incursioni, tiri, gol e assist, c'è veramente di tutto

Giovani Dos Santos 7 - Pensarlo al Barça ad appena 17 anni e ritrovarselo protagonista contro il Brasile, potrebbe far credere a un'ascesa continua. In effetti Giovannino ha sprecato buona parte della sua carriera ma con i piedi dimostra ancora di saper fare cose egregie

David Luiz 6,5 - Non è uno che eccelle in concentrazione o, comunque, non ne fa la sua dote principale. Stasera è attento, sempre sul pezzo e non fa volare una mosca. Strenuo quando nel primo tempo si rompe il naso e resiste a denti stretti

Hernandez 5 - Svampito. Un altro giocatore rispetto all'esordio con l'Italia e, più in generale, rispetto al tipo di giocatore visto in Inghilterra. Gioca da attaccante centrale e forse è penalizzato dall'assenza di buona compagnia

Paulinho 5,5 - Un po' in ombra, regala rarissime soddisfazioni. In effetti manca di continuità, dote necessaria per alzarne il prezzo del cartellino. Male in fase d'appoggio e d'impostazione, in copertura fa il compitino

IL TABELLINO

BRASILE-MESSICO 2-0

Brasile (4-2-3-1): Julio Cesar 6; Dani Alves 6,5, David Luiz 6,5, Thiago Silva 6, Marcelo 5,5; Paulinho 5,5, Luiz Gustavo 5; Oscar 4,5 (17' st Hernanes 6), Neymar 8, Hulk 5,5 (33' st Lucas sv), Fred 6 (37' st Jo 6,5). A disp.: Jefferson, Fernando, Dante, Filipe Luis, Rever, Bernard, Cavalieri, Jadson. All.: Scolari
Messico (4-4-1-1): Corona 6; Mier 6,5, Rodriguez 6,5, Moreno 6, Torres Nilo 5,5 (25' st Barrera 6); Flores 6 (13' st Herrera 6,5), Salcido 6, Torrado 6,5 (43' st Jimenez sv), Guardado 6; Giovani Dos Santos 7; Hernandez 5. A disp.: Ochoa, Talavera, Reyes, Molina, Reyna, De Nigris, Aquino, Meza, Zavala. All.: De La Torre
Arbitro: Webb (Ing)
Marcatori: 9' Neymar, 47' st Jo
Ammoniti: Thiago Silva, Dani Alves (B), Guardado, Rodriguez, Herrera (M)
Espulsioni: -

TAGS:
Brasile
Messico
Confederations Cup

I VOSTRI COMMENTI

benjy88 - 20/06/13

SI LENDERS VINCEVA PERO' NON DA PROTAGONISTA... BEH NON TE LI RICORDI I TEMPI BELLI DI MEXES??QUANTI ANNI HAI 5??SE NON LI HAI VISTI.. BASTA CHE CHIEDI AI TIFOSI DELLA ROMA...IL MIO PARAGONE ERA CON IL BRASILE.. TU COME AL SOLITO LA PRENDI SUL PERSONALE.. E CRESCI UN PO!!JUVENTINO COI PARAOCCHI...

segnala un abuso

Lenders - 20/06/13

benji88
visto che parli al passato di Mexes ....... ti ricordo che mentre Mexes giocava ad alti livelli con la roma ( che io sti grandi livelli non me li ricordo per nulla) vinceva nel 2006 i Mondiali e poi scudetto in germania ......... Mexes cosa ha vinto ???

segnala un abuso

benjy88 - 19/06/13

INTANTO MEXES QUANDO GIOCAVA AD ALTI LIVELLI ALLA ROMA CON CHIVU CENTRALE.. BARZAGLI GIOCAVA A BEACH VOLLEY!! VUOI METTERE BARZAGLI CON D LUIZ??TI PREGOOO!!

segnala un abuso

nemorising - 19/06/13

BIN0MI0INTERM0RATTI - 19/06/13
LORO HANNO NEYMAR,NOI SBALOTELLI.
E PENSARE CHE QUALCUNO HA PURE IL CORAGGIO DI PARAGONARLI.

Guarda che tu non hai SuperMario, tu hai solo Rocchi e quello di 3 Metri sopra il cielo ......... Cassanooooooo

segnala un abuso

Lenders - 19/06/13

benjy88
tu hai mexes-zapata ed hai il coraggio di criticare la miglior difesa del campionato da due anni consecutivi ??? sei proprio antijuventino fino al midollo

segnala un abuso

BIN0MI0INTERM0RATTI - 19/06/13

LORO HANNO NEYMAR,NOI SBALOTELLI.
E PENSARE CHE QUALCUNO HA PURE IL CORAGGIO DI PARAGONARLI.

segnala un abuso

benjy88 - 19/06/13

NEYMAR E' UN FENOMENO!!ANCHE ROBINHO LO ERA.. QUESTI BRASILIANI SONO QUASI SEMPRE DELLE METEORE.. SPERO CHE NEYMAR CONTINUI COSI' PER IL BENE DEL CALCIO!!GRANDE TELESPALLA BOB DAVID LUIZ... E PENSARE CHE NOI ABBIAMO BARZAGLI E CHIELLINI... BAH...

segnala un abuso